La Guerra Civile in Spagna (1936-39) - Pagina 1

© 2019
La situazione politica ed economica in Spagna negli anni ’30 Non   possiamo   affrontare   una   narrazione   storica   degli   eventi   che   portarono   alla   ribellione   dell’Esercito   spagnolo   contro   la   Seconda   Repubblica,   senza   prima comprendere la particolare situazione politica ed economica della Spagna negli anni che precederono la Guerra Civile in Spagna. All’inizio   degli   anni   ’30   la   Spagna   presentava   gravi   problemi   socio-economici   che   provocarono   il   susseguirsi   di   inconcludenti   alternanze   politiche   tra   la   destra conservatrice   e   le   sinistre   caratterizzate   da   continue   forti   divergenze   interne   tra   loro.   Non   mancarono   alcuni   colpi   di   stato   da   parte   di   militari   poco   organizzati   le   cui conseguenze   furono   i   numerosi   e   violenti   scioperi   generali   spesso   sedati   nel   sangue   e   le   insurrezioni   popolari   contro   il   clero,   che   fino   allora   rappresentava   un   potere influente   al   servizio   degli   aristocratici.      Fu   pertanto   inevitabile   la   finale   caduta   della   monarchia   liberale,   rappresentata   dallo   sfortunato   Re   Alfonso   XIII   (orfano   dalla nascita,   sotto   il   suo   regno   verranno   perse   nel   conflitto   ispano-americana   del   1898   le   ultime   colonie   imperiali   di   Cuba   e   Filippine)   e   la   conseguente   proclamazione della Seconda Repubblica di Spagna. Agli   inizi   di   ottobre   del   1934,   una   rivoluzione   scoppiata   nelle   Asturie   e   capeggiata   da   anarchici   e   socialisti   spinse   gli   esasperati   e   sindicalizzati   minatori   ad   occupare   la città   di   Oviedo   ed   a   proclamare   la   "Repubblica   Socialista   Asturiana".   Furono   incendiate   chiese   e   conventi,   fucilati   sacerdoti   di   ogni   ordine,   stuprate   donne   della borghesia   e   passati   per   le   armi   unità   della   Guardia   Civil   e   di   milizie   civili   (Asaltos). 1    Dopo   due   settimane   di   continue   barbarie,   per   riportare   l’ordine   dovette intervenire    il    Tercio    Extranjeros    (la    Legione    Straniera    spagnola)    comandata    dal    Generale    Francisco    Franco    all’epoca    in    servizio    a    Madrid    il    quale    a    seguito dell’altrettanta violenta ed immediata repressione fu asceso a Capo di Stato Maggiore dell’Esercito. 2     Ebbe   quindi   inizio   il   cosiddetto   “Biennio   Nero“   presieduto   dai   centristi   in   cui   si   succedettero   ben   8   governi   e   tre   diversi   Presidenti.   In questo   periodo   tutti   le   questioni   sociali,   religiose,   militari   ed   economiche   fino   allora   non   risolte,   si   convertirono   in   elementi   altamente esplosivi   e   costretti   in   un   contesto   di   continua   sfiducia   verso   la   classe   politica   che   aveva   dimostrato   di   non   saper   dare   alcuna   risposta   alle continue   richieste   di   emancipazione   provenienti   da   una   popolazione   impoverita   ed   angustiata   dalle   gratuite   e   ripetute   violenze   dei movimenti   di   azione,   istigati   dai   partiti   della   destra   conservatrice   e   delle   sinistre   anarchiche   e   di   chiara   ispirazione   comunista.   Non mancarono   tra   l’altro   episodi   di   bieca   corruzione,   come   lo   scandalo   “Straperlo”   che   provocò   le   dimissioni   del   leader   del   Partido   Radical Republicano Alejandro Lerraoux. Le   ultime   elezioni   politiche   indette   il   febbraio   1936   furono   vinte   dal   Frente   Popolur   grazie   all’unione   di   tutte   le   forze   di   sinistra.      Appena formatosi   il   governo   repubblicano,   le   prime   decisioni   furono   dirette   contro   gli   esponenti   della   nuova   opposizione   di   destra:   il   14   marzo   José   Antonio   Primo   de   Rivera, figlio del dittatore Miguel Primo de Rivera, venne arrestato insieme al fratello, con l’intento di limitare le operazioni illegali della Falange di cui era il fondatore. Il   19   marzo   viene   arrestato   anche   Onésimo   Redondo   Ortega,   alto   dirigente   della   Falange   e   fondatore   delle   Juntas   de   Ofensiva   Nacional-Sindicalista.   Inoltre   il   nuovo governo   di   sinistra   rimosse   i   generali   sospetti   dai   loro   posti:   il   Generale   Francisco   Franco   Bahamonde   perse   l’incarico   di   Capo   di   Stato   Maggiore   e   trasferito   a   Santa Cruz   de   Tenerife,   al   comando   delle   isole   Canarie;   Il   Generale   Goded   Llopis   da   Ispettore   Generale   fu   inviato   al   Comando   delle   Isole   Baleari;   il   Generale   Emilio   Mola Vidal venne trasferito dalla Comando dell'Armata d'Africa per assumere il comando militare della Navarra. I preparativi dell’“ Alzamiento ” militare Si   moltiplicarono   in   quel   tragico   periodo   i   casi   di   abusi,   vendette   e   contrattacchi   che   produssero   un   particolare   clima   di   terrore   con   continui   attentati   sui   due   fronti avversi.   Il   più   importante   incidente   prima   dell’insurrezione   militare   di   Franco   si   verificò   il   12   luglio   1936,   quando   quattro   sicari   della   Falange   assassinarono   un   noto esponente   dell’Unión   Militar   Repubblicana   Antifascista,   il   tenente   Jose’   Castillo-Sáenz   de   Tejada   degli   Asaltos   ,   a   sua   volta   ritenuto   responsabile   dell’omicidio   del Marchese   Andrés   Sáenz   de   Heredia   (cugino   del   Capo   della   Falange   José   Primo   de   Rivera)   commesso   il   16   aprile   del   ‘36   in   una   violenta   rissa   tra   Falangisti   ed   Asaltos 3 . Molti   suoi   compagni,   tra   cui   il   capitano   Fernando   Condés   della   Guardia   Civil   ed   il   socialista   Vittoriano   Cuenca   vollero   vendicarsi   lo   stesso   giorno   e   non   trovando   a casa   nessun   alto   esponente   della   destra   (   provarono   prima   con   il   lider   della   CEDA   José   María   Gil-Robles   e   poi   con   il   capo   della   Renovación   Española   Antonio (Goicoechea)    decisero   in   piena   notte   di   prelevare   dalla   propria   abitazione   Josè      Calvó   Sotelo,   deputato   della   destra   monarchica   e   accanito   antirepubblicano,   per ucciderlo con un colpo di pistola a bordo della loro auto ed abbandonarne il corpo alle prime luci dell’alba del 13 luglio davanti al cimitero orientale di Madrid. L’assassinio   di   Calvó   Sotelo,   rappresentato   dai   Nazionalisti   come   “la   goccia   che   fa   traboccare   il   vaso”,   fu   in   realtà   il   pretesto   tanto   atteso   per   iniziare   la   sollevazione dei generali per iniziae la Guerra Civile Spagnola, in preparazione già da qualche mese. Infatti   il   Generale   Emilio   Mola   Vidal,   Comandante   Militare   di   Pamplona,   in   Navarra,   ideò   un   tentativo   di   golpe   mediante   un   ”Piano   Insurrezionale   Militare”   da   attuarsi nell’Aprile   del   ’36,   che   però   fallì   ancor   prima   di   iniziare,   data   la   mancata   adesione   di   alcuni   suoi   colleghi.   Lo   stesso   Generale   Mola   non   desisté   nel   suo   intento   e   il   1°   di giugno   del   ’36,   dopo   una   missiva   scritta   dal   carcere   ed   inviatagli   da   José   Primo   de   Rivera,   capo   della   Falange,   tentò   di   organizzare   uno   nuovo   e   meglio   dettagliato colpo di stato militare 4 . Anche   questa   volta   il   piano   cospirativo   militare,   che   prevedeva   il   rischieramento   del   Generale   Franco   dalle Canarie   al   Marocco   con   un   mezzo   aereo,   non   si   concretizzò   per   l’intervento   della   Polizia   Politica   repubblicana (Seguridad) che svelò gli intenti golpisti, senza però ottenere prove certe sugli stessi membri e cospiratori 5 . Dalle   Canarie,   dopo   aver   distrutto   tutta   la   documentazione   compromettente,   il   Generale   Franco,   con   una lettera   inviata   all’allora   Ministro   della   Guerra   della   Seconda   Repubblica,   dichiarò   di   non   aver   preso   parte   alla cospirazione,    confermando    la    sua    pienà    lealtà    e    fedeltà    al    nuovo    Governo    Repubblicano.    Con    questa dichiarazione,   il   futuro   Caudillo   di   Spagna   volle   nascondere   con   la   propria   ambiguità   di   appartenere   alla   rete degli   insurrezionalisti   militari 6    e   permise   così   agli   altri   Generali   congiurati   di   rimanere   al   proprio   posto   di comando.   La   nuova   direzione   per   l’ennesimo   e   conclusivo   colpo   di   stato   militare   fu   contesa   tra   i   due   Generali Franco   Bahamonde   e   Mola   Vidal,   il   quale   alla   fine   accettò,   suo   malgrado,   di   sottostare   ai   comandi   del   primo, più scaltro, astuto e mosso da forti motivazioni di interesse personale. L’inizio della Guerra Civile in Spagna (1936-1939) La   mattina   del   17   luglio   1936   Radio   Ceuta   trasmise   il   messaggio   in   codice   “In   tutta   Spagna   il   cielo   è   sereno”   per   segnalare   agli   altri   generali   cospiratori   della   penisola di   insorgere   con   l’obiettivo   finale   di   occupare   Madrid.   Inizialmente   a   Melilla   (Marocco   Spagnolo)   si   verificarono   i   primi   atti   di   rivolta   antirepubblicana   con   l’intervento dei   Reparti   del   Tercio   (Legione   Straniera   Spagnola)   e   delle   guarnigioni   di   soldati   berberi   agli   ordini   del   Colonnello   Yagüe   Blanco.   Il   giorno   18   un   aereo   civile   di nazionalità   britannica,   in   attesa   di   ordini   su   Casablanca   da   una   settimana,      effettuò   clandestinamente   il   trasporto   del   Generale   Franco   e   suo   cugino,   il   tenente colonnello   Francisco   Franco   Salgado   Araujo,   da   Las   Palmas   de   Gran   Canaria   a   Tetuàn   in   Marocco,   località   raggiunta   dopo   uno   scalo   notturno      alla   mattina   del   19 luglio   e   da   dove,   dichiarandosi   capo   degli   insorti,   venne   pronunciato   il   suo   discorso   radiofonico   con   cui   spiegava   le   motivazioni   della   sollevazione   militare   ed   invitava chiaramente   tutti   i   Reparti   in   armi   della   penisola   ad   insorgere   contro   la   Repubblica.   Ma   non   tutte   le   Forze   Armate   seguirono   il   suo   invito   di   ribellione:   la   Marina Militare,   i   cui   equipaggi   erano   dalla   parte   popolare,   epurò   in   tempo   i   propri   vertici   golpisti   e   dichiarò   la   propria   lealtà   alla   Repubblica,   impedendo   così   di   fatto   il trasferimento   delle   temute   truppe   insorte   del   Tercio   e   dell’Armata   d’Africa:   la   vera   ed   unica   opportunità   di   far   fallire   il   colpo   di   stato.      Anche   l’Aeronautica   Militare, pressoché inesistente, non poté essere impiegata da Franco. I   ribelli   nazionalisti   potevano   contare   anche   sui   monarchici   carlisti   ( requetés ),   di   circa   10.000   falangisti,   di   tutte   l'alta   borghesia,   dell’intero   clero   e   di   tutta   la   nobiltà   e anche dell’appoggio del dittatore portoghese António de Oliveira Salazar. Quasi tutta la Guardia Civil si schierò dalla parte nazionalista. La   Seconda   Repubblica   avevano   conservato   l’appoggio   di   alcune   unità   dell'Ejército   Popular   e   della   Fuerzas   Aéreas,   nonché   alcune   unità   di   Marina,   la   maggior   parte dei Carabineros (Polizia di Frontiera). Moltissime migliaia di civili, soprattutto studenti e lavoratori, furono mobilitati a difesa della Repubblica. Dopo   i   primi   giorni   della   Guerra   Civile,   tra   innumerevoli   e   giustificati   momenti   di   confusione   in   cui   caddero   molti   dei   Reparti   dell’Esercito,   i   fronti   di   guerra   su   cui   si muovevano   i   “Nazionalisti”   potevano   essere   identificati   in   tre   zone   distinte   e   distanti   tra   loro.   Da   una   parte   vi   era   il   Generale   Mola   Vidal   che   comandava   l’Esercito   del Nord   con   sotto   controllo   le   regioni   di   Galizia,   Vecchia   Castiglia,   La   Rioja   ,   arcipelaghi   delle   Baleari   (tranne   Menorca)   e   delle   Canarie   (eccetto   l’Isola   della   Palma), Navarra,   Zaragoza   e   un   buona   parte   di   Aragona.      A   Sud   il   Generale   Queipo   de   Llano   y   Sierra   controllava   le   importanti   Provincie   di   Cordova,   Cadice,   Siviglia   e Granada.   Il   generale   José   Sanjurjo   Sacanell,   primo   ideatore   dei   moti   militari   ed   esiliato   in   Portogallo,   avrebbe   dovuto   raggiungere   in   volo   Burgos,   dove,   se   non   fosse stato per il fatale incidente aereo,  avrebbe dovuto assumere il comando del colpo di Stato. Sotto   il   controllo   dei   Repubblicani   rimaneva   la   capitale   Madrid   e   la   regione   di   Castiglia   La   Mancia,   Barcellona   e   la   Catalonia,   Malaga,   Estremadura,   Murcia,   Valencia, Alicante, Almeria, parte dell’Aragona e tutta la fascia dei paesi Baschi e delle Asturie. Dopo   i   primissimi   giorni   dal   golpe,   nel   Marocco   Spagnolo,   il   Generale   Franco   Bahamonde   si   trovava   isolato   ed   al   comando   delle   migliori   truppe   ribelli.   Adesso l’obiettivo   primario   era   il   veloce   ricongiungimento   sulla   penisola   iberica   con   i   contingenti   “nazionalisti”   capeggiati   dagli   altri   generali   cospiratori,   ma   la   Regia   Marina spagnola   si   schierò   all’ultima   ora   dalla   parte   repubblicana,   impedendo   agli   insorti   di   oltrepassare   lo   stretto   di   Gibilterra.   Inoltre   l’aviazione   militare,   quasi   inesistente, rimaneva   fedele   a   Madrid.   Costretti   dagli   eventi,   il   generale   Franco      dal   Marocco   ed   il   generale   Sanjurjo   dal   Portogallo   iniziarono   così   ad   inviare   le   prime   febbrili richieste d’aiuto rispettivamente all’Italia di Mussolini ed alla Germania di Hitler. L ’intervento dell’Italia fascista nella Guerra Civile di Spagna. Al   principio   Mussolini,   che   era   costantemente   informato   sulle   incerte   sorti   iniziali   del   “Alzamiento”,   non   accolse   le   richieste   di   aiuto   pervenutegli   da   Franco, sostenendo   che   la   Guerra   Civile   Spagnola   giungeva   in   un   momento   alquanto   poco   opportuno   in   cui   la   politica   estera   italiana   cercava   con   fatica   il   riconoscimento   a livello    internazionale    della    conquista    dell’Etiopia,    in    cui    furono    spese    molte    risorse    economiche    e    umane,    esigendo    l’Esercito    un    periodo    di    profonda riorganizzazione.   Tuttavia,   a   seguito   delle   notizie   dell’incendio   del   Consolato   Italiano   di   Barcellona   e   varie   violenze   a   danno   di   italiani   da   parte   di   gruppi   di   bande armate 7    e   dopo   l’incontro   con   un   inviato   spagnolo   che   lo   convinse   sulla   breve   durata   e   semplicità   del   conflitto,   il   Duce   cambiò   di   opinione   e   cominciò   ad   interessarsi alla   questione 8 .   Franco,   nei   piani   di   Mussolini,   avrebbe   potuto   accondiscendere   sul   Duca   d’Aosta   come   Re   di   Spagna,   allo   stesso   modo   del   Principe   Amedeo   di Savoia   nel   1871,   anteriormente   alla   Prima   Repubblica,   convertendo   in   questo   modo   la   Spagna   in   un   vice-regno   dell’Italia.   Inoltre   l’Italia   colonialista   si   sarebbe aggiudicata il pieno controllo del Mediterraneo occidentale utilizzando basi aeree e navali sulle Baleari e sulle coste meridionali spagnole. Ma   la   Germania   con   la   sua   previdente   influenza   sulla   Falange,   fece   svanire   le   eccentriche   mire   espansionistiche   del   dittatore   fascista 9 .   Si   instaurò   una   sorte   di competitività   all’interno   dell’Asse   nazi-fascista:   chi   avesse   maggiormente   prevalso   negli   aiuti   militari   e   materiali   alla   Spagna   insorta,   si   sarebbe   assicurato   un indubbio   vantaggio   politico   ed   economico   sullo   scacchiere   internazionale,   accrescendo   la   propria   area   di   influenza   sull’Europa   latina   con   il   conseguente   isolamento della Francia liberale e la finale sconfitta dell’internazionalizzazione del Comunismo. Pochissimi   giorni   dopo   all’invio   da   parte   di   Hitler   di   ben   20   aerei   da   trasporto   “Junken   52”   e   altri   6   caccia   biplano   “Heinkel   51”,   il   30   luglio   Mussolini   ordinò   una spedizione   di      12   aerei   da   bombardamento   Savoia-Marchetti   12”   completi   di   equipaggio   e   tecnici   aeronautici   (   ne   arrivarono   solo   9   in   quanto   tre   andarono   perduti durante   la   trasvolata   )   decollati      dalla   Sardegna   senza   insegne   ed   in   incognito   per   essere   poi   assegnati   alla   Legione   Straniera   Spagnola   al   solo   fine   di   poter   operare nelle   operazioni   militari   con   una   certa   apparenza   di   legalità,   tanto   da   essere   denominata   “Aviación   del   Tercio” 10 .   La   settimana   dopo   giungeranno   ulteriori   27   caccia “Fiat   CR32”   e   poi   altri   19   caccia   tre   idrovolanti   in   appoggio   alla   nuova   Forza   Aerea   nazionalista.   Nello   stesso   periodo   la   Germania   avrà   inviato   un   totale   di   46 apparecchi 11 .   Il   15   di   agosto   1936,   grazie   agli   aiuti   congiunti   tedeschi   ed   italiani,   con   il   primo   ponte   aereo   della   storia   militare,   Franco   passò   lo   stretto   di   Gibilterra   con un   esercito   di   2.500   uomini,   entrando   nel   pieno   del   conflitto   spagnolo.   Unità   e   sottomarini   della   Marina   Militare   italiana,   presidiavano   le   acque   territoriali   spagnole ed impedivano l’arrivo degli aiuti internazionali diretti all’Esercito lealista Repubblicano. In   aiuto   dei   Repubblicani   si   presentarono   moltissimi   volontari   di   nazionalità   italiana   con   il   motto   dei   fratelli   Rosselli “Oggi   in   Spagna,   domani   in   Italia”.   Queste   erano   le   parole   di   Carlo   e   Nello   Rosselli,   degli   esiliati   antifascisti   che   in Francia   costituirono   il   movimento   “Giustizia   e   Libertà”   e   che   furono   assassinati   in   Francia   dai   fascisti   per   mano   di   loro sicari.   All’inizio   della   ribellione   falangista,   si   mobilitarono   moltissimi   in   vari   Paesi   gli   inquadramenti   di   volontari   per   le Brigate   Internazionale,   tra   cui,   oltre   ai   citati   fratelli   Rosselli,   Palmiro   Togliatti,   Pietro   Nenni,   Leo   Valiani,   Luigi   Longo, Giovanni   Pesce,   Randolfo   Pacciardi.   Una   stella   a   tre   punte   era   il   simbolo   ed   emblema   dell’antifascismo   del   “Frente Popular”.   Non   è   possibile   stimare   concretamente   quanti   fossero   i   volontari   delle   Brigate   Internazionali   giunti   in Spagna   da   almeno   50   nazioni.   Si   presume   che   essi   ammontavano   a   circa   60.000   persone   di   cui   circa   12.000   non tornarono   più   indietro   e   oltre   20.000   furono   feriti   in   combattimento   o   sotto   gli   incessanti   bombardamenti   della Legione Condor tedesca e dell’Aviazione Legionaria italiana. La   Russia   intervenne   in   favore   della   Seconda   Repubblica   spagnola   con   massicci   invii   armi   e   munizioni,   artiglieria,   blindati,   aerei   da   bombardamento   e   caccia   di fabbricazione   sovietica,   completi   di   equipaggi,   tecnici,   materiale   aeronautico   e   di   ricambio.   Furono   inviati   anche   numerosi   consiglieri   militari,   sia   dalla   Russia   che dalla   Francia   e   dal   Messico.   L’Unione   Sovietica   pretese   un   pagamento   anticipato   per   dette   forniture   dell’intera   riserva   aurea   della   Spagna   (circa   650   milioni   di   dollari), consegnata   dal   Governo   di   Madrid   all’inizio   del   conflitto.   Una   curiosità:   nel   rispetto   degli   impegni   assunti   con   il   Governo   fascista,   dopo   la   guerra   Franco   voleva restituire   all’Italia   le   somme   prestategli.      Ma   l’allora   Ministro   Pietro   Nenni   (ex   combattente   della   Brigata   Internazionale   Garibaldi),   rifiutò   la   restituzione,   senza   tra l’altro   interpellare   il   nostro   Parlamento,   ed   ignorando   volutamente   che   si   trattava   comunque   di   denaro   anticipato   da   tutti   gli   italiani   e   molto   utile   nelle   condizioni disastrose in cui la giovane Repubblica italiana versava nell’immediato dopoguerra 12 . A   Londra,   il   9   settembre   1936   un   comitato   di   27   Paesi   europei   (   tra   i   quali   anche   l’Italia,   la   Germania e   l’U.R.S.S.)   sottoscrisse   un   documento   di   “non   intervento”   con   il   divieto   di   esportare   materiale bellico   in   Spagna,   compreso   le   navi   ed   aerei   militari   e   commerciali.   La   Russia   aderì   alla   convenzione convinta   che   se   l'accordo   fosse   stato   davvero   rispettato   da   tutti,   cioè   anche   da   Italia   e   Germania,   i nazionalisti   spagnoli   non   avrebbero   potuto   vincere.   L’Italia   e   la   Germania   in   maniera   esplicita   non rispettarono   gli   impegni,   sicuri   dell’immobilità   dell’Europa   liberale,   riuscendo   a   rifornire   le   truppe   di Franco   con   armamenti   moderni   e   ingenti   capitali,   assicurandogli   un   netto   vantaggio   rispetto   alle forze repubblicane. I   Paesi   che   si   professavano   libertari   e   democratici   come   la   Francia,   gli   Stati   Uniti   e   la   Gran   Bretagna, non   diedero   un   aiuto   consistente   alla   legittima   Repubblica   spagnola,   scegliendo   di   vederla   crollare piuttosto   che   superare   la   guerra   civile   per   assecondare   i   desideri   anticomunisti   mondiali   del   clerico- conservatorismo. In   Italia   il   Fascismo   iniziò   una   martellante   propaganda   inneggiante   all’intervento   a   favore   dei   ribelli nazionalisti,   coraggiosi   difensori   della   Patria   contro   un   nemico   sovversivo,   comunista,   bolscevico, anarchico   e   sacrilego,   istruito   e   sovvenzionato   dalla   Russia.   Gli   arruolamenti   volontari   in   Italia furono   dapprima   organizzati   dall’Ufficio   Spagna   del   Ministero   degli   Esteri   e   non   dal   Ministero   della Guerra   per   non   destare   dimostranze   da   parte   dei   Paesi stranieri    neutrali    o    filo-repubblicani.    Numerosi    fascisti militanti    delle    “Camicie    Nere”    e    della    Milizia    Volontaria    Sicurezza    Nazionale    (MVSN),    tra    loro    molti    che    avevano    già combattuto    nella    prima    Guerra    Mondiale    e    nelle    Guerre    d’Africa,    vollero    reclutarsi    tra    i    primi    volontari.    Oltre    alla motivazione   ideologica,   furono   ben   altri   i   motivi   che   spinsero   molti   italiani   dell’era   fascista,   in   parte   volontari,   ad   arruolarsi tra   le   file   dei   primi   volontari.I   primi   iscritti,   alcuni   con   dati   anagrafici   falsi   o   senza   documenti,   vennero   discretamente convocati,    nel    caso    di    ex    militari,    dai    loro    Comandi,    oppure,    se    civili,    alla    Casa    del    Fascio.    Veniva    chiesto    loro    di “partecipare   ad   un’operazione   oltremare,   di   destinazione   ignota,   molto   importante   per   la   Patria”.   La   firma   del   contratto   di arruolamento   prevedeva   un   premio   di   300   lire,   la   paga   giornaliera   di   20   lire   per   i   soldati,   da   70   a   192   per   i   sottufficiali   ed ufficiali,   con   un   supplemento   di   90   pesetas,   una   volta   giunti   in   zona   operativa,   come   successivo   riconoscimento   del governo   spagnolo.   Mussolini,   per   garantirsi   una   certa   autonomia   dalla   linea   comando   nazionalista,   in   data   4   gennaio   1937 decise   di   non   accettare   l’integrazione   in   denaro   delle   autorità   spagnole   che   si   dovevano   limitare   ad   assicurare   il   vitto, l’alloggio,   i   carburanti   e   carbolubrificanti,   nonché   il   materiale   di   consumo   ordinario.   Inoltre   i   soldati   italiani   avrebbero dovuto   ricevere   una   parte   della   loro   diaria   in   moneta   contante   locale,   affinché   potessero   avere   in   tasca   del   denaro   per   le piccole   necessità,   senza   dipendere   dall’amministrazione   di   Franco 13 .   Per   comprendere   meglio   come   la   ricompensa   in denaro,   più   dei   propri   ideali   politici,   potesse   convincere   molti   volontari   ad   imbarcarsi,   il   21   dicembre   del   36,   come   primo contingente   di   Camicie   Nere   su   tre   navi   senza   bandiera   ed   oscurate,   vengono   fornite   le   seguenti   percentuali:   20%   di persone   oltre   i   35   anni   ,   70%   di   lavoratori   agricoli   soprattutto   del   centro-sud,   4%   di   studenti,   25%   di   individui   con precedenti   penali   a   cui   veniva   promessa   la   cancellazione   della   pena.   A   tutti   gli   iscritti   fu   fornito   un   corredo   kaki   uguale   a quello   usato   in   Africa   Orientale,   tranne   il   casco   coloniale   di   sughero   (al   suo   posto   un   basco   nero   o   azzurro   e   l’elmetto   in acciaio, più una strana mantellina che venne soprannominata “pipistrello”) 14 . Molti   dei   primi   volontari   credevano   di   andare   a   lavorare   nei   territori   coloniali   conquistati   nell’Africa   Italiana,   scoprendo   solo   all’approdo   di   essere   in   Spagna.   Il personale   veniva   inquadrato   nei   vari   ranghi   del   contingente   Corpo   Truppe   Volontari   (C.T.V.)   in   modo   sommario   e   superficiale:   la   carenza   di   disciplina   e   formazione militare rendeva difficile la gestione dei reparti. Solo una divisione del Regio Esercito si integrò al CTV nel gennaio del 1937. La Guerra in Spagna e la Chiesa cattolica Prima   del   conflitto   civile   e   sotto   il   governo   repubblicano,   si   instaurò   un   clima   di   intolleranza   e   violenza   contro   la   Chiesa   in   cui   vennero   giustiziati   ed   uccisi   preti   e religiosi,   incendiate   chiese   e   saccheggiati   conventi   di   suore   e   monaci.   Appena   avuto   notizia   della   sollevazione   militare   iniziò   nella   parte   repubblicana   una   vera persecuzione contro il clero che contò nelle prime due settimane almeno 900 morti. La   Chiesa,   che   durante   tutta   la   Guerra   Civile   vide   uccisi   e   trucidati   oltre   6.800   preti   e   suore,   si   pose   subito   al   fianco   di   Franco   e   legittimò   immediatamente   la   causa nazionalista che condivideva in pieno l’ostilità della Chiesa per il comunismo, la massoneria, il liberalismo, il socialismo ed il razionalismo. Solo   nella   regione   basca   i   sacerdoti   e   i   religiosi   appoggiarono   la   causa   repubblicana,   mentre   nel   resto   della   Spagna   benedicevano   le   bandiere   di   guerra   delle   truppe nazionaliste e lanciavano infuriate omelie contro i “rossi”. Il   Vaticano   fu   uno   dei   primi   Stati   esteri   che   già   nell’agosto   del   1937   riconobbero   il   Governo   provvisorio   di   Burgos,   inviandovi   un   loro   Nunzio   Apostolico   a   cui   seguiva un   Ambasciatore   della   Nuova   Spagna   presso   la   Santa   Sede   romana.   Alla   fine   del   conflitto,   il   Papa   pio   XII   proclamò   ufficialmente   martiri   tutti   i   caduti   per   mano   dei Repubblicani.   Con   il   nuovo   Governo,   Franco   ridiede   alla   Chiesa   spagnola   tutti   i   diritti   e   privilegi   di   cui   godeva   prima   della   Seconda   Repubblica,   riassegnando   al   clero tutti   i   beni   confiscati.   I   Gesuiti   beneficiarono   in   specialmodo   delle   decisioni   di   Franco   che   restituì   loro   tutte   le   loro   proprietà,   riconfermando   le   loro   competenze didattiche   e   organizzative   sulla   scuola:   in   segno   di   riconoscimento   l’ordine   gesuita   promise   che   alla   morte   di   Franco   ognuno   dei   30.000   sacerdoti   presenti   in   tutto   il mondo avrebbero officiato almeno tre messe in suffragio del Caudillo. La caduta di Malaga . L’8   febbraio   1936   la   1ª   Divisione   del   CTV   in   appoggio   alle   truppe   di   Franco,   lanciò   un'offensiva   per   la   conquista   della   città   di   Málaga.   La   battaglia   di   Malaga   fu   una vittoria   relativamente   facile,   in   quanto   i   Repubblicani   non   opposero   una   forte   resistenza   e   si   ritirarono   sulle   postazioni   meglio   difese   in   Almeria.   Gli   Italiani,   subito dopo   l’occupazione,   consegnarono   la   città   alle   forze   nazionaliste   le   quali,   su   ordine   dei   loro   generali   Mola,   Franco   e   Queipo   de   Llano,   iniziarono   una   dura   e sanguinosa   repressione   contro   i   prigionieri   e   sulla   popolazione   arresa,   con   numerose   fucilazioni   di   massa,   vendette,   condanne   a   morte   pronunciate   da   tribunali fantoccio   ed   eseguite   immediatamente   dopo   la   lettura   della   sentenza,   false   delazioni   per   dispetto   personale.   Tale   repressione   sanguinosa   e   spirito   di   vendetta   sui vinti   suscitarono   lo   stupore   e   lo   sdegno   degli   ufficiali   italiani   che   non   riuscivano   a   comprendere   e   a   giustificare   simili   livelli   di   violenza   e   punizione 15 .   Questo,   per disgrazia,   fu   la   norma   generale   in   tutta   la   Spagna   conquistata   dai   Nazionalisti.   Si   iniziò   ad   utilizzare   sistematicamente   il   metodo   della   terra   bruciata   e   si   doveva eliminare   qualsiasi   possibilità   di   ripresa   del   nemico,   il   quale,   a   sua   volta,   poteva   rappresentare   un   pericolo   fisico   per   la   sicurezza   dei   nuovi   occupanti 16 .   Non   ci   si rendeva   conto   che   una   violenza   ingiusta,   smisurata   ed   indiscriminata   avrebbe   esacerbato   un   inarrestabile   desiderio   di   vendetta   nei   vinti   che   sarebbe   pervaso   per decenni   nelle   coscienze   degli   spagnoli.   I   comandanti   del   C.T.V.   prendevano   le   distanze   da   simili   efferatezze   e   informavano   i   loro   superiori   di   quanto   avveniva   nei territori   occupati.      Da   un   rapporto   informativo   dell’Ambasciatore   in   Spagna   Cantalupo   diretto   a   Ciano,   Ministro   degli   Esteri   e   genero   del   Duce,   « …debbo   comunicare che   Farinacci   (n.d.r.   Roberto   Farinacci,   gerarca   del   Partito   Fascista)   ha   inviato,   senza   darmene   preavviso,   lettera   al   generalissimo   Franco   per   protestare   vibratamente   contro fucilazioni   Malaga   e   per   affermare   che   stato   d'animo   dei   nostri   volontari   può   essere   sfavorevolmente   impressionato   da   tanta   severità.   Ignoro   come   e   da   chi   Farinacci   sia   stato informato… » 17 . _________________________________________________ 1  Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, Milano, 2006, pag 44 2  Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Edizioni Einaudi, Torino, 1963, pag 83 3  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 99. 4  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 107 5  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 111 6  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 117 7  Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.78 8  Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 37-38 9  Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 39 10 Dima Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 44 11 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.80 12 Augusto Cantarelli, I nostri nella Guerra Civile di Spagna, Editoria Privata Sassoferrato (AN), 2011, pag 55 13 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.115 14 Augusto Cantarelli, I nostri nella Guerra Civile di Spagna, Editoria Privata Sassoferrato (AN), 2011, pag 49 15 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 112 16 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 111 17 L'Ambasciata a Salamanca, Cantalupo, Al Ministero degli Esteri, Ciano T 3129/214 R. del 2.3.1937
Pagina  1
Copertina della Domenica del Corriere del Corriere del 1937 Clickare per continuare a pagina 2 Clickare per continuare a pagina 2
© 2019
Pagina  1 Clickare per continuare a pagina 2 Clickare per continuare a pagina 2
La situazione politica ed economica in Spagna negli anni ’30 Non    possiamo    affrontare    una    narrazione    storica    degli    eventi    che portarono    alla    ribellione    dell’Esercito    spagnolo    contro    la    Seconda Repubblica,   senza   prima   comprendere   la   particolare   situazione   politica ed   economica   della   Spagna   negli   anni   che   precederono   la   Guerra   Civile in Spagna. All’inizio   degli   anni   ’30   la   Spagna   presentava   gravi problemi     socio-economici     che     provocarono     il susseguirsi    di    inconcludenti    alternanze    politiche tra      la      destra      conservatrice      e      le      sinistre caratterizzate   da   continue   forti   divergenze   interne tra   loro.   Non   mancarono   alcuni   colpi   di   stato   da parte      di      militari      poco      organizzati      le      cui conseguenze   furono   i   numerosi   e   violenti   scioperi generali   spesso   sedati   nel   sangue   e   le   insurrezioni   popolari   contro   il clero,   che   fino   allora   rappresentava   un   potere   influente   al   servizio   degli aristocratici.      Fu   pertanto   inevitabile   la   finale   caduta   della   monarchia liberale,    rappresentata    dallo    sfortunato    Re    Alfonso    XIII    (orfano    dalla nascita,   sotto   il   suo   regno   verranno   perse   nel   conflitto   ispano-americana del   1898   le   ultime   colonie   imperiali   di   Cuba   e   Filippine)   e   la   conseguente proclamazione della Seconda Repubblica di Spagna. Agli   inizi   di   ottobre   del   1934,   una   rivoluzione   scoppiata   nelle   Asturie   e capeggiata   da   anarchici   e   socialisti   spinse   gli   esasperati   e   sindicalizzati minatori   ad   occupare   la   città   di   Oviedo   ed   a   proclamare   la   "Repubblica Socialista    Asturiana".    Furono    incendiate    chiese    e    conventi,    fucilati sacerdoti   di   ogni   ordine,   stuprate   donne   della   borghesia   e   passati   per   le armi    unità    della    Guardia    Civil    e    di    milizie    civili    (Asaltos). 1     Dopo    due settimane   di   continue   barbarie,   per   riportare   l’ordine   dovette   intervenire il    Tercio    Extranjeros    (la    Legione    Straniera    spagnola)    comandata    dal Generale    Francisco    Franco    all’epoca    in    servizio    a    Madrid    il    quale    a seguito   dell’altrettanta   violenta   ed   immediata   repressione   fu   asceso   a Capo di Stato Maggiore dell’Esercito. 2     Ebbe   quindi   inizio   il   cosiddetto   “Biennio   Nero“   presieduto   dai   centristi   in cui    si    succedettero    ben    8    governi    e    tre    diversi    Presidenti.    In    questo periodo   tutti   le   questioni   sociali,   religiose,   militari   ed   economiche   fino allora    non    risolte,    si    convertirono    in    elementi    altamente    esplosivi    e costretti   in   un   contesto   di   continua   sfiducia   verso   la   classe   politica   che aveva    dimostrato    di    non    saper    dare    alcuna    risposta    alle    continue richieste   di   emancipazione   provenienti   da   una   popolazione   impoverita ed   angustiata   dalle   gratuite   e   ripetute   violenze   dei   movimenti   di   azione, istigati   dai   partiti   della   destra   conservatrice   e   delle   sinistre   anarchiche   e di   chiara   ispirazione   comunista.   Non   mancarono   tra   l’altro   episodi   di bieca   corruzione,   come   lo   scandalo   “Straperlo”   che   provocò   le   dimissioni del leader del Partido Radical Republicano Alejandro Lerraoux. Le    ultime    elezioni    politiche    indette    il    febbraio    1936    furono    vinte    dal Frente   Popolur   grazie   all’unione   di   tutte   le   forze   di   sinistra.      Appena formatosi    il    governo    repubblicano,    le    prime    decisioni    furono    dirette contro   gli   esponenti   della   nuova   opposizione   di   destra:   il   14   marzo   José Antonio   Primo   de   Rivera,   figlio   del   dittatore   Miguel   Primo   de   Rivera, venne   arrestato   insieme   al   fratello,   con   l’intento   di   limitare   le   operazioni illegali della Falange di cui era il fondatore. Il    19    marzo    viene    arrestato    anche    Onésimo    Redondo    Ortega,    alto dirigente   della   Falange   e   fondatore   delle   Juntas   de   Ofensiva   Nacional- Sindicalista.    Inoltre    il    nuovo    governo    di    sinistra    rimosse    i    generali sospetti   dai   loro   posti:   il   Generale   Francisco   Franco   Bahamonde   perse l’incarico   di   Capo   di   Stato   Maggiore   e   trasferito   a   Santa   Cruz   de   Tenerife, al   comando   delle   isole   Canarie;   Il   Generale   Goded   Llopis   da   Ispettore Generale   fu   inviato   al   Comando   delle   Isole   Baleari;   il   Generale   Emilio Mola    Vidal    venne    trasferito    dalla    Comando    dell'Armata    d'Africa    per assumere il comando militare della Navarra. I preparativi dell’“ Alzamiento ” militare Si   moltiplicarono   in quel                tragico periodo     i     casi     di abusi,     vendette     e contrattacchi       che produssero           un particolare   clima   di terrore                 con continui       attentati sui        due        fronti avversi.        Il        più i   m   p   o   r   t   a   n   t   e     incidente         prima dell’insurrezione   militare   di   Franco   si   verificò   il   12   luglio   1936,   quando quattro   sicari   della   Falange   assassinarono   un   noto   esponente   dell’Unión Militar    Repubblicana    Antifascista,    il    tenente    Jose’    Castillo-Sáenz    de Tejada   degli   Asaltos   ,   a   sua   volta   ritenuto   responsabile   dell’omicidio   del Marchese   Andrés   Sáenz   de   Heredia   (cugino   del   Capo   della   Falange   José Primo   de   Rivera)   commesso   il   16   aprile   del   ‘36   in   una   violenta   rissa   tra Falangisti   ed   Asaltos 3 .   Molti   suoi   compagni,   tra   cui   il   capitano   Fernando Condés    della    Guardia    Civil    ed    il    socialista    Vittoriano    Cuenca    vollero vendicarsi   lo   stesso   giorno   e   non   trovando   a   casa   nessun   alto   esponente della   destra   (   provarono   prima   con   il   lider   della   CEDA   José   María   Gil- Robles     e     poi     con     il     capo     della     Renovación     Española     Antonio (Goicoechea)      decisero     in     piena     notte     di     prelevare     dalla     propria abitazione    Josè        Calvó    Sotelo,    deputato    della    destra    monarchica    e accanito   antirepubblicano,   per   ucciderlo   con   un   colpo   di   pistola   a   bordo della   loro   auto   ed   abbandonarne   il   corpo   alle   prime   luci   dell’alba   del   13 luglio davanti al cimitero orientale di Madrid. L’assassinio    di    Calvó    Sotelo,    rappresentato    dai    Nazionalisti    come    “la goccia   che   fa   traboccare   il   vaso”,   fu   in   realtà   il   pretesto   tanto   atteso   per iniziare   la   sollevazione   dei   generali   per   iniziae   la   Guerra   Civile   Spagnola, in preparazione già da qualche mese. Infatti   il   Generale   Emilio   Mola   Vidal,   Comandante   Militare   di   Pamplona, in   Navarra,   ideò   un   tentativo   di   golpe   mediante   un   ”Piano   Insurrezionale Militare”    da    attuarsi    nell’Aprile    del    ’36,    che    però    fallì    ancor    prima    di iniziare,    data    la    mancata    adesione    di    alcuni    suoi    colleghi.    Lo    stesso Generale   Mola   non   desisté   nel   suo   intento   e   il   1°   di   giugno   del   ’36,   dopo una   missiva   scritta   dal   carcere   ed   inviatagli   da   José   Primo   de   Rivera, capo   della   Falange,   tentò   di   organizzare   uno   nuovo   e   meglio   dettagliato colpo di stato militare 4 . Anche    questa    volta    il    piano    cospirativo    militare,    che    prevedeva    il rischieramento   del   Generale   Franco   dalle   Canarie   al   Marocco   con   un mezzo   aereo,   non   si   concretizzò   per   l’intervento   della   Polizia   Politica repubblicana    (Seguridad)    che    svelò    gli    intenti    golpisti,    senza    però ottenere prove certe sugli stessi membri e cospiratori 5 . Dalle      Canarie,      dopo      aver      distrutto      tutta      la      documentazione compromettente,   il   Generale   Franco,   con   una   lettera   inviata   all’allora Ministro   della   Guerra   della   Seconda   Repubblica,   dichiarò   di   non   aver preso   parte   alla   cospirazione,   confermando   la   sua   pienà   lealtà   e   fedeltà al    nuovo    Governo    Repubblicano.    Con    questa    dichiarazione,    il    futuro Caudillo    di    Spagna    volle    nascondere    con    la    propria    ambiguità    di appartenere   alla   rete   degli   insurrezionalisti   militari 6    e   permise   così   agli altri   Generali   congiurati   di   rimanere   al   proprio   posto   di   comando.   La nuova   direzione   per   l’ennesimo   e   conclusivo   colpo   di   stato   militare   fu contesa   tra   i   due   Generali   Franco   Bahamonde   e   Mola   Vidal,   il   quale   alla fine    accettò,    suo    malgrado,    di    sottostare    ai    comandi    del    primo,    più scaltro, astuto e mosso da forti motivazioni di interesse personale. L’inizio della Guerra Civile in Spagna (1936-1939) La    mattina    del    17    luglio    1936    Radio    Ceuta    trasmise    il    messaggio    in codice   “In   tutta   Spagna   il   cielo   è   sereno”   per   segnalare   agli   altri   generali cospiratori   della   penisola   di   insorgere   con   l’obiettivo   finale   di   occupare Madrid.   Inizialmente   a   Melilla   (Marocco   Spagnolo)   si   verificarono   i   primi atti   di   rivolta   antirepubblicana   con   l’intervento   dei   Reparti   del   Tercio (Legione   Straniera   Spagnola)   e   delle   guarnigioni   di   soldati   berberi   agli ordini    del    Colonnello    Yagüe    Blanco.    Il    giorno    18    un    aereo    civile    di nazionalità     britannica,     in     attesa     di     ordini     su     Casablanca     da     una settimana,      effettuò   clandestinamente   il   trasporto   del   Generale   Franco   e suo   cugino,   il   tenente   colonnello   Francisco   Franco   Salgado   Araujo,   da Las   Palmas   de   Gran   Canaria   a   Tetuàn   in   Marocco,   località   raggiunta dopo    uno    scalo    notturno        alla    mattina    del    19    luglio    e    da    dove, dichiarandosi    capo    degli    insorti,    venne    pronunciato    il    suo    discorso radiofonico   con   cui   spiegava   le   motivazioni   della   sollevazione   militare   ed invitava   chiaramente   tutti   i   Reparti   in   armi   della   penisola   ad   insorgere contro   la   Repubblica.   Ma   non   tutte   le   Forze   Armate   seguirono   il   suo invito   di   ribellione:   la   Marina   Militare,   i   cui   equipaggi   erano   dalla   parte popolare,   epurò   in   tempo   i   propri   vertici   golpisti   e   dichiarò   la   propria lealtà    alla    Repubblica,    impedendo    così    di    fatto    il    trasferimento    delle temute   truppe   insorte   del   Tercio   e   dell’Armata   d’Africa:   la   vera   ed   unica opportunità   di   far   fallire   il   colpo   di   stato.      Anche   l’Aeronautica   Militare, pressoché inesistente, non poté essere impiegata da Franco. I    ribelli    nazionalisti    potevano    contare    anche    sui    monarchici    carlisti ( requetés ),   di   circa   10.000   falangisti,   di   tutte   l'alta   borghesia,   dell’intero clero   e   di   tutta   la   nobiltà   e   anche   dell’appoggio   del   dittatore   portoghese António   de   Oliveira   Salazar.   Quasi   tutta   la   Guardia   Civil   si   schierò   dalla parte nazionalista. La   Seconda   Repubblica   avevano   conservato   l’appoggio   di   alcune   unità dell'Ejército    Popular    e    della    Fuerzas    Aéreas,    nonché    alcune    unità    di Marina,     la     maggior     parte     dei     Carabineros     (Polizia     di     Frontiera). Moltissime    migliaia    di    civili,    soprattutto    studenti    e    lavoratori,    furono mobilitati a difesa della Repubblica. Dopo   i   primi   giorni   della   Guerra   Civile,   tra   innumerevoli   e   giustificati momenti   di   confusione   in   cui   caddero   molti   dei   Reparti   dell’Esercito,   i fronti   di   guerra   su   cui   si   muovevano   i   “Nazionalisti”   potevano   essere identificati   in   tre   zone   distinte   e   distanti   tra   loro.   Da   una   parte   vi   era   il Generale    Mola    Vidal    che    comandava    l’Esercito    del    Nord    con    sotto controllo   le   regioni   di   Galizia,   Vecchia   Castiglia,   La   Rioja   ,   arcipelaghi delle    Baleari    (tranne    Menorca)    e    delle    Canarie    (eccetto    l’Isola    della Palma),    Navarra,    Zaragoza    e    un    buona    parte    di    Aragona.        A    Sud    il Generale   Queipo   de   Llano   y   Sierra   controllava   le   importanti   Provincie   di Cordova,   Cadice,   Siviglia   e   Granada.   Il   generale   José   Sanjurjo   Sacanell, primo   ideatore   dei   moti   militari   ed   esiliato   in   Portogallo,   avrebbe   dovuto raggiungere    in    volo    Burgos,    dove,    se    non    fosse    stato    per    il    fatale incidente   aereo,      avrebbe   dovuto   assumere   il   comando   del   colpo   di Stato. Sotto    il    controllo    dei    Repubblicani    rimaneva    la    capitale    Madrid    e    la regione    di    Castiglia    La    Mancia,    Barcellona    e    la    Catalonia,    Malaga, Estremadura,   Murcia,   Valencia,   Alicante,   Almeria,   parte   dell’Aragona   e tutta la fascia dei paesi Baschi e delle Asturie. Dopo   i   primissimi   giorni   dal   golpe,   nel   Marocco   Spagnolo,   il   Generale Franco    Bahamonde    si    trovava    isolato    ed    al    comando    delle    migliori truppe   ribelli.   Adesso   l’obiettivo   primario   era   il   veloce   ricongiungimento sulla   penisola   iberica   con   i   contingenti   “nazionalisti”   capeggiati   dagli   altri generali cospiratori, ma la Regia Marina spagnola si schierò all’ultima ora dalla    parte    repubblicana,    impedendo    agli    insorti    di    oltrepassare    lo stretto     di     Gibilterra.     Inoltre     l’aviazione     militare,     quasi     inesistente, rimaneva   fedele   a   Madrid.   Costretti   dagli   eventi,   il   generale   Franco      dal Marocco   ed   il   generale   Sanjurjo   dal   Portogallo   iniziarono   così   ad   inviare le   prime   febbrili   richieste   d’aiuto   rispettivamente   all’Italia   di   Mussolini   ed alla Germania di Hitler. L ’intervento dell’Italia fascista nella Guerra Civile di Spagna. Al   principio   Mussolini,   che   era   costantemente   informato   sulle   incerte sorti     iniziali     del     “Alzamiento”,     non     accolse     le     richieste     di     aiuto pervenutegli    da    Franco,    sostenendo    che    la    Guerra    Civile    Spagnola giungeva   in   un   momento   alquanto   poco   opportuno   in   cui   la   politica estera      italiana      cercava      con      fatica      il      riconoscimento      a      livello internazionale    della    conquista    dell’Etiopia,    in    cui    furono    spese    molte risorse   economiche   e   umane,   esigendo   l’Esercito   un   periodo   di   profonda riorganizzazione.    Tuttavia,    a    seguito    delle    notizie    dell’incendio    del Consolato   Italiano   di   Barcellona   e   varie   violenze   a   danno   di   italiani   da parte    di    gruppi    di    bande    armate 7     e    dopo    l’incontro    con    un    inviato spagnolo   che   lo   convinse   sulla   breve   durata   e   semplicità   del   conflitto,   il Duce   cambiò   di   opinione   e   cominciò   ad   interessarsi   alla   questione 8 . Franco,   nei   piani   di   Mussolini,   avrebbe   potuto   accondiscendere   sul   Duca d’Aosta   come   Re   di   Spagna,   allo   stesso   modo   del   Principe   Amedeo   di Savoia   nel   1871,   anteriormente   alla   Prima   Repubblica,   convertendo   in questo    modo    la    Spagna    in    un    vice-regno    dell’Italia.    Inoltre    l’Italia colonialista   si   sarebbe   aggiudicata   il   pieno   controllo   del   Mediterraneo occidentale   utilizzando   basi   aeree   e   navali   sulle   Baleari   e   sulle   coste meridionali spagnole. Ma    la    Germania    con    la    sua    previdente    influenza    sulla    Falange,    fece svanire   le   eccentriche   mire   espansionistiche   del   dittatore   fascista 9 .   Si instaurò   una   sorte   di   competitività   all’interno   dell’Asse   nazi-fascista:   chi avesse   maggiormente   prevalso   negli   aiuti   militari   e   materiali   alla   Spagna insorta,     si     sarebbe     assicurato     un     indubbio     vantaggio     politico     ed economico   sullo   scacchiere   internazionale,   accrescendo   la   propria   area di    influenza    sull’Europa    latina    con    il    conseguente    isolamento    della Francia    liberale    e    la    finale    sconfitta    dell’internazionalizzazione    del Comunismo. Pochissimi   giorni   dopo   all’invio   da   parte   di   Hitler   di   ben   20   aerei   da trasporto   “Junken   52”   e   altri   6   caccia   biplano   “Heinkel   51”,   il   30   luglio Mussolini   ordinò   una   spedizione   di      12   aerei   da   bombardamento   Savoia- Marchetti     12”     completi     di     equipaggio     e     tecnici     aeronautici     (     ne arrivarono   solo   9   in   quanto   tre   andarono   perduti   durante   la   trasvolata   ) decollati      dalla   Sardegna   senza   insegne   ed   in   incognito   per   essere   poi assegnati   alla   Legione   Straniera   Spagnola   al   solo   fine   di   poter   operare nelle   operazioni   militari   con   una   certa   apparenza   di   legalità,   tanto   da essere     denominata     “Aviación     del     Tercio” 10 .     La     settimana     dopo giungeranno    ulteriori    27    caccia    “Fiat    CR32”    e    poi    altri    19    caccia    tre idrovolanti   in   appoggio   alla   nuova   Forza   Aerea   nazionalista.   Nello   stesso periodo   la   Germania   avrà   inviato   un   totale   di   46   apparecchi 11 .   Il   15   di agosto   1936,   grazie   agli   aiuti   congiunti   tedeschi   ed   italiani,   con   il   primo ponte   aereo   della   storia   militare,   Franco   passò   lo   stretto   di   Gibilterra   con un   esercito   di   2.500   uomini,   entrando   nel   pieno   del   conflitto   spagnolo. Unità   e   sottomarini   della   Marina   Militare   italiana,   presidiavano   le   acque territoriali    spagnole    ed    impedivano    l’arrivo    degli    aiuti    internazionali diretti all’Esercito lealista Repubblicano. In   aiuto   dei   Repubblicani   si presentarono       moltissimi volontari      di      nazionalità italiana    con    il    motto    dei fratelli     Rosselli     “Oggi     in Spagna,    domani    in    Italia”. Queste   erano   le   parole   di Carlo   e   Nello   Rosselli,   degli esiliati    antifascisti    che    in Francia       costituirono       il movimento      “Giustizia      e Libertà”   e   che   furono   assassinati   in   Francia   dai   fascisti   per   mano   di   loro sicari.   All’inizio   della   ribellione   falangista,   si   mobilitarono   moltissimi   in vari   Paesi   gli   inquadramenti   di   volontari   per   le   Brigate   Internazionale,   tra cui,    oltre    ai    citati    fratelli    Rosselli,    Palmiro    Togliatti,    Pietro    Nenni,    Leo Valiani,   Luigi   Longo,   Giovanni   Pesce,   Randolfo   Pacciardi.   Una   stella   a   tre punte   era   il   simbolo   ed   emblema   dell’antifascismo   del   “Frente   Popular”. Non   è   possibile   stimare   concretamente   quanti   fossero   i   volontari   delle Brigate   Internazionali   giunti   in   Spagna   da   almeno   50   nazioni.   Si   presume che   essi   ammontavano   a   circa   60.000   persone   di   cui   circa   12.000   non tornarono   più   indietro   e   oltre   20.000   furono   feriti   in   combattimento   o sotto    gli    incessanti    bombardamenti    della    Legione    Condor    tedesca    e dell’Aviazione Legionaria italiana. La   Russia   intervenne   in   favore   della   Seconda   Repubblica   spagnola   con massicci      invii      armi      e      munizioni,      artiglieria,      blindati,      aerei      da bombardamento     e     caccia     di     fabbricazione     sovietica,     completi     di equipaggi,   tecnici,   materiale   aeronautico   e   di   ricambio.   Furono   inviati anche   numerosi   consiglieri   militari,   sia   dalla   Russia   che   dalla   Francia   e dal   Messico.   L’Unione   Sovietica   pretese   un   pagamento   anticipato   per dette   forniture   dell’intera   riserva   aurea   della   Spagna   (circa   650   milioni   di dollari),   consegnata   dal   Governo   di   Madrid   all’inizio   del   conflitto.   Una curiosità:   nel   rispetto   degli   impegni   assunti   con   il   Governo   fascista,   dopo la   guerra   Franco   voleva   restituire   all’Italia   le   somme   prestategli.      Ma l’allora      Ministro      Pietro      Nenni      (ex      combattente      della      Brigata Internazionale     Garibaldi),     rifiutò     la     restituzione,     senza     tra     l’altro interpellare    il    nostro    Parlamento,    ed    ignorando    volutamente    che    si trattava    comunque    di denaro    anticipato    da tutti   gli   italiani   e   molto utile     nelle     condizioni disastrose     in     cui     la giovane         Repubblica italiana                versava n   e   l   l   ’   i   m   m   e   d   i   a   t   o     dopoguerra 12 . A        Londra,        il        9 settembre      1936      un comitato    di    27    Paesi europei    (    tra    i    quali anche         l’Italia,         la Germania    e    l’U.R.S.S.) sottoscrisse   un   documento   di   “non   intervento”   con   il   divieto   di   esportare materiale    bellico    in    Spagna,    compreso    le    navi    ed    aerei    militari    e commerciali.   La   Russia   aderì   alla   convenzione   convinta   che   se   l'accordo fosse   stato   davvero   rispettato   da   tutti,   cioè   anche   da   Italia   e   Germania,   i nazionalisti     spagnoli     non     avrebbero     potuto     vincere.     L’Italia     e     la Germania    in    maniera    esplicita    non    rispettarono    gli    impegni,    sicuri dell’immobilità    dell’Europa    liberale,    riuscendo    a    rifornire    le    truppe    di Franco    con    armamenti    moderni    e    ingenti    capitali,    assicurandogli    un netto vantaggio rispetto alle forze repubblicane. I   Paesi   che   si   professavano   libertari   e   democratici   come   la   Francia,   gli Stati   Uniti   e   la   Gran   Bretagna,   non   diedero   un   aiuto   consistente   alla legittima   Repubblica   spagnola,   scegliendo   di   vederla   crollare   piuttosto che       superare       la       guerra       civile       per assecondare       i       desideri       anticomunisti mondiali del clerico-conservatorismo. In   Italia   il   Fascismo   iniziò   una   martellante propaganda     inneggiante     all’intervento     a favore    dei    ribelli    nazionalisti,    coraggiosi difensori    della    Patria    contro    un    nemico sovversivo,           comunista,           bolscevico, anarchico        e        sacrilego,        istruito        e sovvenzionato          dalla          Russia.          Gli arruolamenti     volontari     in     Italia     furono dapprima    organizzati    dall’Ufficio    Spagna del     Ministero     degli     Esteri     e     non     dal Ministero    della    Guerra    per    non    destare dimostranze    da    parte    dei    Paesi    stranieri neutrali    o    filo-repubblicani.    Numerosi    fascisti    militanti    delle    “Camicie Nere”    e    della    Milizia    Volontaria    Sicurezza    Nazionale    (MVSN),    tra    loro molti   che   avevano   già   combattuto   nella   prima   Guerra   Mondiale   e   nelle Guerre    d’Africa,    vollero    reclutarsi    tra    i    primi    volontari.    Oltre    alla motivazione    ideologica,    furono    ben    altri    i    motivi    che    spinsero    molti italiani   dell’era   fascista,   in   parte   volontari,   ad   arruolarsi   tra   le   file   dei primi   volontari.I   primi   iscritti,   alcuni   con   dati   anagrafici   falsi   o   senza documenti,   vennero   discretamente   convocati,   nel   caso   di   ex   militari,   dai loro   Comandi,   oppure,   se   civili,   alla   Casa   del   Fascio.   Veniva   chiesto   loro di    “partecipare    ad    un’operazione    oltremare,    di    destinazione    ignota, molto   importante   per   la   Patria”.   La   firma   del   contratto   di   arruolamento prevedeva   un   premio   di   300   lire,   la   paga   giornaliera   di   20   lire   per   i soldati,   da   70   a   192   per   i   sottufficiali   ed   ufficiali,   con   un   supplemento   di 90    pesetas,    una    volta    giunti    in    zona    operativa,    come    successivo riconoscimento    del    governo    spagnolo.    Mussolini,    per    garantirsi    una certa   autonomia   dalla   linea   comando   nazionalista,   in   data   4   gennaio 1937    decise    di    non    accettare    l’integrazione    in    denaro    delle    autorità spagnole    che    si    dovevano    limitare    ad    assicurare    il    vitto,    l’alloggio,    i carburanti   e   carbolubrificanti,   nonché   il   materiale   di   consumo   ordinario. Inoltre   i   soldati   italiani   avrebbero   dovuto   ricevere   una   parte   della   loro diaria   in   moneta   contante   locale,   affinché   potessero   avere   in   tasca   del denaro   per   le   piccole   necessità,   senza   dipendere   dall’amministrazione   di Franco 13 .   Per   comprendere   meglio   come   la   ricompensa   in   denaro,   più dei     propri     ideali     politici,     potesse     convincere     molti     volontari     ad imbarcarsi,   il   21   dicembre   del   36,   come   primo   contingente   di   Camicie Nere   su   tre   navi   senza   bandiera   ed   oscurate,   vengono   fornite   le   seguenti percentuali:   20%   di   persone   oltre   i   35   anni   ,   70%   di   lavoratori   agricoli soprattutto    del    centro-sud,    4%    di    studenti,    25%    di    individui    con precedenti   penali   a   cui   veniva   promessa   la   cancellazione   della   pena.   A tutti   gli   iscritti   fu   fornito   un   corredo   kaki   uguale   a   quello   usato   in   Africa Orientale,   tranne   il   casco   coloniale   di   sughero   (al   suo   posto   un   basco nero    o    azzurro    e    l’elmetto    in    acciaio,    più    una    strana    mantellina    che venne soprannominata “pipistrello”) 14 . Molti   dei   primi   volontari   credevano   di   andare   a   lavorare   nei   territori coloniali    conquistati    nell’Africa    Italiana,    scoprendo    solo    all’approdo    di essere    in    Spagna.    Il    personale    veniva    inquadrato    nei    vari    ranghi    del contingente    Corpo    Truppe    Volontari    (C.T.V.)    in    modo    sommario    e superficiale:    la    carenza    di    disciplina    e    formazione    militare    rendeva difficile   la   gestione   dei   reparti.   Solo   una   divisione   del   Regio   Esercito   si integrò al CTV nel gennaio del 1937. La Guerra in Spagna e la Chiesa cattolica Prima   del   conflitto   civile   e   sotto   il   governo   repubblicano,   si   instaurò   un clima   di   intolleranza   e   violenza   contro   la   Chiesa   in   cui   vennero   giustiziati ed   uccisi   preti   e   religiosi,   incendiate   chiese   e   saccheggiati   conventi   di suore   e   monaci.   Appena   avuto   notizia   della   sollevazione   militare   iniziò nella   parte   repubblicana   una   vera   persecuzione   contro   il   clero   che   contò nelle prime due settimane almeno 900 morti. La   Chiesa,   che   durante   tutta   la   Guerra   Civile   vide   uccisi   e   trucidati   oltre 6.800    preti    e    suore,    si    pose    subito    al    fianco    di    Franco    e    legittimò immediatamente   la   causa   nazionalista   che   condivideva   in   pieno   l’ostilità della   Chiesa   per   il   comunismo,   la   massoneria,   il   liberalismo,   il   socialismo ed il razionalismo. Solo   nella   regione   basca   i   sacerdoti   e   i   religiosi   appoggiarono   la   causa repubblicana,   mentre   nel   resto   della   Spagna   benedicevano   le   bandiere di   guerra   delle   truppe   nazionaliste   e   lanciavano   infuriate   omelie   contro   i “rossi”. Il   Vaticano   fu   uno   dei   primi   Stati   esteri   che   già   nell’agosto   del   1937 riconobbero   il   Governo   provvisorio   di   Burgos,   inviandovi   un   loro   Nunzio Apostolico   a   cui   seguiva   un   Ambasciatore   della   Nuova   Spagna   presso   la Santa    Sede    romana.    Alla    fine    del    conflitto,    il    Papa    pio    XII    proclamò ufficialmente   martiri   tutti   i   caduti   per   mano   dei   Repubblicani.   Con   il nuovo    Governo,    Franco    ridiede    alla    Chiesa    spagnola    tutti    i    diritti    e privilegi   di   cui   godeva   prima   della   Seconda   Repubblica,   riassegnando   al clero   tutti   i   beni   confiscati.   I   Gesuiti   beneficiarono   in   specialmodo   delle decisioni      di      Franco      che      restituì      loro      tutte      le      loro      proprietà, riconfermando    le    loro    competenze    didattiche    e    organizzative    sulla scuola:    in    segno    di    riconoscimento    l’ordine    gesuita    promise    che    alla morte   di   Franco   ognuno   dei   30.000   sacerdoti   presenti   in   tutto   il   mondo avrebbero officiato almeno tre messe in suffragio del Caudillo. La caduta di Malaga . L’8    febbraio    1936    la    1ª    Divisione    del    CTV    in    appoggio    alle    truppe    di Franco,   lanciò   un'offensiva   per   la   conquista   della   città   di   Málaga.   La battaglia    di    Malaga    fu    una    vittoria    relativamente    facile,    in    quanto    i Repubblicani    non    opposero    una    forte    resistenza    e    si    ritirarono    sulle postazioni     meglio     difese     in     Almeria.     Gli     Italiani,     subito     dopo l’occupazione,   consegnarono   la   città   alle   forze   nazionaliste   le   quali,   su ordine   dei   loro   generali   Mola,   Franco   e   Queipo   de   Llano,   iniziarono   una dura   e   sanguinosa   repressione   contro   i   prigionieri   e   sulla   popolazione arresa,   con   numerose   fucilazioni   di   massa,   vendette,   condanne   a   morte pronunciate   da   tribunali   fantoccio   ed   eseguite   immediatamente   dopo   la lettura    della    sentenza,    false    delazioni    per    dispetto    personale.    Tale repressione    sanguinosa    e    spirito    di    vendetta    sui    vinti    suscitarono    lo stupore     e     lo     sdegno     degli     ufficiali     italiani     che     non     riuscivano     a comprendere    e    a    giustificare    simili    livelli    di    violenza    e    punizione 15 . Questo,     per     disgrazia,     fu     la     norma     generale     in     tutta     la     Spagna conquistata   dai   Nazionalisti.   Si   iniziò   ad   utilizzare   sistematicamente   il metodo   della   terra   bruciata   e   si   doveva   eliminare   qualsiasi   possibilità   di ripresa    del    nemico,    il    quale,    a    sua    volta,    poteva    rappresentare    un pericolo   fisico   per   la   sicurezza   dei   nuovi   occupanti 16 .   Non   ci   si   rendeva conto   che   una   violenza   ingiusta,   smisurata   ed   indiscriminata   avrebbe esacerbato   un   inarrestabile   desiderio   di   vendetta   nei   vinti   che   sarebbe pervaso   per   decenni   nelle   coscienze   degli   spagnoli.   I   comandanti   del C.T.V.   prendevano   le   distanze   da   simili   efferatezze   e   informavano   i   loro superiori    di    quanto    avveniva    nei    territori    occupati.        Da    un    rapporto informativo    dell’Ambasciatore    in    Spagna    Cantalupo    diretto    a    Ciano, Ministro    degli    Esteri    e    genero    del    Duce,    « …debbo    comunicare    che Farinacci   (n.d.r.   Roberto   Farinacci,   gerarca   del   Partito   Fascista)   ha   inviato, senza   darmene   preavviso,   lettera   al   generalissimo   Franco   per   protestare vibratamente   contro   fucilazioni   Malaga   e   per   affermare   che   stato   d'animo dei    nostri    volontari    può    essere    sfavorevolmente    impressionato    da    tanta severità. Ignoro come e da chi Farinacci sia stato informato… » 17 . _________________________________________________ 1  Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, Milano, 2006, pag 44 2  Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Edizioni Einaudi, Torino, 1963, pag 83 3  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 99. 4  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 107 5  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 111 6  Pietro Barbieri, Le cause della guerra civile spagnola, Robin Edizioni, Torino, 2006, pag 117 7  Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.78 8  Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 37-38 9  Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 39 10 Dima Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 44 11 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.80 12 Augusto Cantarelli, I nostri nella Guerra Civile di Spagna, Editoria Privata Sassoferrato (AN), 2011, pag 55 13 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.115 14 Augusto Cantarelli, I nostri nella Guerra Civile di Spagna, Editoria Privata Sassoferrato (AN), 2011, pag 49 15 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 112 16 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 111 17 L'Ambasciata a Salamanca, Cantalupo, Al Ministero degli Esteri, Ciano T 3129/214 R. del 2.3.1937
Copertina della Domenica del Corriere del Corriere del 1937