I Carabinieri Reali nella Campagna di Spagna (1936 -1939)
© 2019
Nell’    ottobre    1936,    a    seguito    dell’inizio    della    Guerra    Civile    spagnola,    Il    generale    Mario    Roatta,    Capo    del    SIM    (Servizi Informazione   Militare)   venne   incaricato   dal   Governo   di   Mussolini   di   creare   un   contingente   militare   di   volontari.   Roatta   si avvalse    della    preziosa    collaborazione    del    colonnello    dei    Carabinieri    Reali    Giuseppe    Pièche 1 ,    all’epoca    responsabile    della subalterna   III   Sezione   “controspionaggio”.   La   missione   consisteva   nel   coordinare   gli   aiuti   da   inviare   in   Spagna   a   favore   della fazione   nazionalista   insorta,   dovendo   formare,   in   incognito,   una   contingente   di   Truppe   Volontarie   che   inizialmente   sarebbero state   assorbite   dalla   Legione   Straniera   dell’esercito   di   Franco.   Questo   arruolamento   fittizio   nel   Tercio   Extranjero   avrebbe   eluso i    controlli    previsti    dal    “patto    di    non-intervento”,    sottoscritto    da    ben    27    nazioni,    evitando    così    l’attribuzione    di    una partecipazione diretta e ufficiale nel conflitto spagnolo. Il   primo   contingente   di   Carabinieri   Reali,   che   non   superava   le   350   unità,   (raggiunse   il   nr   di   500   dopo   la   disastrosa   battaglia   di   Guadalajara 2 ),   si   organizzò   in   tre diverse   Sezioni   ed   una   Compagnia,   quest’ultima   a   sua   volta   suddivisa   in   Sezioni   per   poter   meglio   rispondere   alle   esigenze   di   mobilità   dei   reparti   del   Corpo   Truppe Volontarie,   il   quale   aveva   nel   frattempo   raggiunto   una   sua   autonomia   di   comando   ed   azione.   All’inizio   i   Regi   Carabinieri   vestivano   una   divisa   cachi   spagnola   sopra cui   spiccavano   gli   alamari   d’argento   bordati   di   rosso,   ad   indicare   chiaramente   il   Corpo   di   appartenenza 3 .   La   popolazione   spagnola   inizialmente   confondeva   i   nostri carabinieri   con   le   guardie   doganali   spagnole   chiamate   “Carabineros”,   rimasti   fedeli   al   bando   opposto   dei   Repubblicani,   mentre   la   Guardia   Civil,   molto   simile nell’ordinamento e nei compiti alla nostra Arma dei Carabinieri  4 , si schierò quasi totalmente dalla parte degli insorti Nazionalisti. Le   due   Benemerite,   infatti,   avevano   in   comune   lo   stesso   senso   della   disciplina   e   di   lealtà   e vantavano   inoltre   una   presenza   capillare   sul   territorio   che   permetteva   loro   di   integrarsi   a   fondo con   la   popolazione   con   cui   condividevano   quotidianamente   la   vita   sociale   ed   economica.   Questa rassomiglianza   dei   compiti   istituzionali   creava   una   grande   confidenza   tra   i   Carabinieri   Reali   e   la Guardia   Civil,   la   quale   si   dimostrava   sempre   premurosa   nell’   ospitare   i   commilitoni   italiani   nei loro    cuarteles ”,    corrispondenti    alle    nostre    Stazioni    dell’Arma.    Nella    retrovia    non    era    raro osservare   come   in   molte   occasioni   la   Guardia   Civil   prendeva   ordini   e   direttamente   dalle   Sezioni dei   CC.RR.   istituite   presso   le   Divisioni   del   CTV,   cooperando   “gomito   a   gomito”   in   delicati   e   faticosi Servizi di Istituto ”. I   compiti   principali   dei   Carabinieri   Reali,   oltre   a   quelli   di   Polizia   Militare,   era   quello   di   effettuare scorte    ai    convogli    di    materiali    per    il    CTV    lungo    le    carenti    linee    ferroviarie    ed    sulle    strade dissestate   del   vasto   territorio   spagnolo.   La   rete   stradale   in   Spagna   era   molto   scadente   e   sulle poche   arterie   viarie   dovevano   muoversi   rapidamente   sia   gli   automezzi   del   Servizio   Sanitario Militare,   per   il   trasporto   urgente   dei   molti   feriti,   sia   le   colonne   militari   per   il   trasporto   truppa   e materiale   bellico.   Il   compito   della   sicurezza   stradale   assegnata   all’Arma   dei   Carabinieri   Reali diveniva   pertanto   di   primaria   importanza,   specie   durante   i   combattimenti   dove   la   frenesia   e   la mancanza   di   comunicazione   metteva   a   volte   in   discussione   l’esito   stesso   delle   manovre.   Quando l’artiglieria   e   l’aviazione   repubblicana   bersagliavano   le   truppe   italiane,   il   nervosismo   ed   il   panico   potevano   giocare   brutti   scherzi:   accelerare   sperando   che   la   velocità potesse   evitare   qualche   granata   portava   invece   ad   ottenere   l’effetto   contrario.   Sotto   i   bombardamenti   era   frequente   vedere   i Carabinieri   Reali   che   con   la   loro   ferma   determinazione   effettuavano   imperterriti   posti   di   blocco   e   di   sbarramento   sui   crocevia per   segnalare   il   pericolo   od   indicare   deviazioni   di   scampo.   Si   racconta   che   a   volte   il   collega   che   andava   a   dare   il   cambio, trovasse   sul   posto   il   proprio   commilitone   ferito   a   morte   dalle   schegge   delle   granate.   Il   giornalista   Luigi   Barzini,   inviato   di guerra   nel   1938,   raccontava:   Nelle   zone   solitarie,   presso   al   fronte   dove   non   si   era   mai   sicuri   di   aver   preso   la   buona   strada   e   di   non essere   capitati   in   territorio   nemico,   la   vista   di   un   carabiniere   di   guardia,   tranquillo   e   solo,   era   di   gran   conforto.”   “   il   carabiniere   è protezione,   soccorso,   ordine,   consiglio,   esempio,   quasi   sempre   solo,   sufficiente   ed   indispensabile”.   “Nelle   trincee,   sui   sentieri   di approccio   alle   posizioni,   presso   i   comandi,   lungo   le   strade,   fino   alle   basi,   ovunque,   era   un   rado   punteggiamento   di   carabinieri immobili   e   pronti,   messi   ad   interdire   o   facilitare   il   passaggio”.   “La   specialità   del   carabiniere   è   di   non   apparire   mai   sorpreso   di   niente. Crollasse il mondo, egli si manterebbe a disciplinare il panico dell’umanità ”. I   fatti   di   eroismo   non   mancarono   di   essere   raccontati,   come   neppure   mancarono   i   caduti   ed   i   feriti   che   per   l’Arma   dei Carabinieri   furono   9   morti   e   33   infermi.   Nella   Campagna   di   Spagna   vennero   attribuite   9   medaglie   d’argento   al   valor   militare, 33 medaglie di bronzo, 136 croci al valor militare con ben 32 promozioni per merito di guerra. Durante   il   bombardamento   dei   Repubblicani   su   Soncillo,   nei   pressi   di   Santander,   nell’agosto   1938,   una   pattuglia   di   militari dell’Arma,   composta   dai   carabinieri   Bonifacino   Carlo   e   Proietti   Beniamino,   si   fermò   sulla   piazza   tempestata   di   colpi   per smistare   il   movimento   delle   colonne   di   autocarri,   quando   improvvisamente   una   granata   scoppiò   davanti   a   loro:   il   Bonifacino   cadde   riverso   in   una   pozza   di   sangue con   il   capo   dilaniato   da   una   scheggia,   mentre   il   Proietti   venne   ferito   gravemente   ad   una   gamba   e   morì   pochi   giorni   dopo   in   ospedale   .   Il   suo   corpo   giace   ora   nel Sacrario Militare Italiano di Saragozza. 5 Alcuni    morirono    per    incidenti    stradali    in    servizio,    durante    le    innumerevoli    scorte    condotte    spesso    in condizioni   di   guida   impossibili.   È   doveroso   ricordare,   oltre   i   due   precitati   militari   gli   altri   7   Regi   Carabinieri anch’essi   caduti   nella   Campagna   di   Spagna   :   Carabiniere   Grasselli   Giuseppe   deceduto   il   17   maggio   1937   a Burgos   (Castiglia   e   Leon)   per   delle   ferite   causate   da   incidente   automobilistico,   Carabiniere   Giallara   Salvatore, deceduto   a   Vitoria   (Paesi   Baschi)   per   colpo   di   pistola   partito   accidentalmente   da   un   collega,   Carabiniere Silvestrini   Giuseppe,   deceduto   il   6   agosto   1937   a   Quintanillas   (Cantabria)   per   esser   stato   investito   durante una   scorta      da   un   autocarro   militare,   Carabiniere   Briatore   Pietro,   deceduto   il   19   marzo   1938   ad   Alcañiz (Aragona)   per   ferite   di   schegge   da   granata,      carabiniere   Simonazzi   Demos   deceduto   ad   Alcañiz   (Aragona)   il   14 aprile   1938   per   essere   stato   colpito   da   scoppio   di      una   granata,   Carabiniere   Giannini   Vittorio   deceduto   in combattimento      a   Aldover   (   Catalonia),   Carabiniere   De   Felice   Donato,   deceduto   a   Granyena   (Catalogna)   il   28 dicembre 1938. 6 Anche   in   prima   linea   i   Carabinieri   Reali   si   distinsero   in   battaglia,   trovandosi   spesso   a   fianco   delle   truppe   del   CTV   impegnato in   combattimento   e   descritti   in   eroiche   azioni   militari.   Un   grande   impegno   venne   profuso   nella   gestione   dei   prigionieri   di guerra,   che,   come   nel   caso   dell’occupazione   di   Santander,   l’imprevista   resa   in   massa   di   25.000   soldati   repubblicani   avrebbe causato   diversi   e   seri   problemi   al   CTV   non   preparato   per   una   simile   evenienza.   Mancavano   i   campi   di   concentramento   e l’acqua   non   giungeva   per   un   sabotaggio   delle   condutture   idriche.   Scarseggiavano   i   viveri   a   secco   per   sfamare   una   tale moltitudine    di    persone    e    si    stavano    presentando    i    primi    problemi    di    salute,    specie    per    i    feriti    che    non    erano    stati adeguatamente   medicati.   Ma   grazie   ad   una   piccola   guarnigione   composta   da   4   ufficiali   e   una   trentina   di   carabinieri,   tutti   i prigionieri   furono   disarmati   e   smistati   su   dei   campi   provvisori   affidati   alla   vigilanza   armata   delle   Milizie.   Il   quinto   giorno furono   ripristinate   le   tubature   d’acqua   permettendo   di   servire   un   pasto   caldo   a   tutti   i   soldati   arresi.   Subito   dopo   fu’ completato   un   piccolo   ospedale   da   campo   per   la   cura   dei   feriti   ed   il   decimo   giorno   le   truppe   regolari   dell’esercito   spagnolo di Franco ricevettero in consegna il miracolo organizzativo compiuto dall’Arma in pochi giorni. 7 La   presenza   dell’Arma   fu   anche   importante   nei   territori   conquistati   dalle   truppe   italiane,   evitando   che   molte   morti   inutili avvenissero   solo   per   vendetta   o   repressione   politica;   anche   se   poi,   una   volta   consegnati   le   città   all’esercito   nazionalista, non    poterono    essere    scongiurati    tanti    ingiustificati    eccidi    e    sommarie    fucilazioni    da    parte    dei    tribunali    militari d’occupazione.    Alla   fine   del   conflitto   con   la   resa   di   Madrid   del   31   marzo   1939,   il   contingente   italiano   del   CTV   unitamente   ai   militari   dei Carabinieri   Reali   furono   rimpatriati   dai   territori   spagnoli.   Molti   di   loro   riceverono   anche   delle   decorazioni   militari   da   parte del   Governo   della   Nuova   Spagna,   ma   il   destino   muta   il   suo   corso   come   il   vento   e   gli   italiani,   dopo   il   1943,   raccontarono   in Patria   da   “vinti”   le   proprie   battaglie   e   non   più   da   vincitori,   come   si   proclamò   Franco   grazie   agli   aiuti   internazionali   dell’Italia e della Germania. Ancora   oggi,   nonostante   la   Spagna   abbia   volto   pagina   e   sia   un   Paese   democratico   dell’Unione   Europea, si   fa   fatica   a   ricordare   quegli   eventi   dal   punto   storico,   mostrando   un   falso   imbarazzo   nel   riconoscere   la verità.   Quanto   vale   la   pena,   specie   per   le   future   generazioni,   non   riconoscere   che   purtroppo   tutti   i caduti   di   quel   conflitto   fratricida   combatterono   ciecamente   per   un   loro   diverso   ideale,   ma   necessario per   formare   una   stessa   Patria.   Una   Patria   che,   rossa   o   bianca   o   nera   che   sia,   ha   perso   un   numero troppo   alto   di   figli   a   cui   noi   oggi   dobbiamo   una   consapevolezza   ed   un’onestà   in   grado   di   garantire   il rispetto democratico delle idee altrui e nelle regole della giusta convivenza dei popoli. Dopo    70    anni    da    quel    conflitto    civile,    non    rimangono    in    vita    molti    combattenti    e    le    sanguinose esperienze   non   sono   più   raccontate   dalla   viva   voce   dei   testimoni   di   quei   tragici   momenti.   Al   Sacrario Militare   Italiano   di   Saragozza   dove   sono   raccolti   e   sepolti   i   caduti   della   Guerra   di   Spagna,   compresi quelli    del    bando    repubblicano,    prima    giungeva    tanta    gente    che    diceva    di    ricordare,    mentre    ora finalmente   si   presentano   persone   che   chiedono   di   sapere,   di   conoscere   quella   verità,   unica   grande “vittima”   di   quella   Guerra   Civile.   Oggi   conoscere   per   noi   significa   “non   dimenticare”,   ovvero   accettare che nella diversità delle idee si può e si deve trovare la soluzione di qualsiasi conflitto. Riposino in pace tutti i nostri italiani caduti in terra di Spagna, che ora si trovano uniti e fratelli davanti al cospetto del Padre, Signore nei cieli. Articolo del S.Ten. CC (R) Giuseppe Coviello Presidente della Sezione Estera Isole Canarie (E) _________________________________________________ 1   Il   Generale   G.   Piéche   fu   il   primo   Comandante   Generale   dell’Arma   dei   Carabinieri   dopo   l’era   fascista.   Immediatamente   dopo   l’annuncio   dell’armistizio   dell’8   settembre   1943   e   la   proclamazione del   Regno   del   Sud,   il   governo   provvisorio   italiano   di   Badoglio   e   la   famiglia   reale   sbarcarono   a   Brindisi   nei   territori   meridionali   liberi   dalle   forze   nazi-fasciste.   Il   12   settembre   venne   creato   il Comando   dei   Carabinieri   Reali   dell’Italia   Meridionale   agli   ordini   del   colonnello   Romano   Dalla   Chiesa,   padre   del   Generale   Carlo   Alberto   della   Chiesa,   vittima   della   mafia   nel   settembre   1982. Dopo   l’arrivo   degli   alleati   nelle   Puglie,   venne   istituito   a   Bari   il   Comando   Arma   Carabinieri   Reali   dell’Italia   Liberata   affidato   all’   vice   comandante   Giuseppe   Pièrche,   il   quale   divenne   il   nuovo Comandante   Generale   dell’Arma.   Suo   fu   l’incarico   al   T.Colonnello   Marco   Bianco   di   pronunciare   il   discorso   radiofonico   con   cui   si   esortavano   i   militari   ancora   nei   territori   occupati   a   mettere   in atto   una   resistenza   attiva   contro   le   truppe   tedesche,   senza   però   esporre   la   popolazione   civile   al   rischio   di   sanguinose   e   tristemente   note   rappresaglie   nazi-fasciste.   In   quell’oscuro   periodo   si immolarono   al   martirio   patriottico   molti   carabinieri,   come   il   V.Brig.   Salvo   d’Acquisto,   i   carabinieri   di   Fiesole   Alberto   La   Rocca,   Fulvio   Sbarretti   e   Vittorio   Marandola,   senza   dimenticare   i   12 carabinieri   trucidati   nelle   Fosse   Ardeatine.   Il   20   luglio   1944,   con   le   dimissioni   di   Badoglio   ed   il   nuovo   incarico   di   Governatore   Provvisorio   del   Regno   d’Italia   affidato   a   Ivanoe   Bonomi,     Comandante Generale  2 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial,Madrid, 2016, pag.143-145  3 I Carabinieri Reali in Spagna, Generale G. Piéche, Rivista dei Carabinieri Reali” Nr. 4 lug-ago 1940      4   Nel   1844,   regnando   di   Isabella   II   di   Spagna,   fu   creato   il   Cuerpo   de   la   Guardia   Civil   alla   cui   organizzazione   contribuirono   degli   Ufficali   superiori   dei   Carabinieri   Reali   inviati   da   Torino.   Nella stesura   della   “Cartilla   de   la   Guardia   Civil”,   un   vero   e   proprio   codice   morale   deontologico   del   Corpo   Militare,   si   possono   rilevare   numerosissime   somiglianze   con   il   Regolamento   Generale   dei Carabinieri stilata nel 1822.  5 I Carabinieri Reali in Spagna, Generale G. Piéche, Rivista dei Carabinieri Reali” Nr. 4 lug-ago 1940  6 Dati forniti dal Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri - Roma  7 Carabinieri Reali in Spagna, Generale G. Piéche, Rivista dei Carabinieri Reali” Nr. 4 lug-ago 1940 *   Le   fotografie   della   6^   Sezione   CC   Reali,   del   Magg.   CC.   De   Biagio   a   Santander   e   della   Guardia   Civil   di   Logroño   con   dedica   al   Col.   G.   Piéche      sono   state   gentilmente   fornite   dal   Museo   dell’Arma dei Carabinieri in Roma.
Carabinieri Reali sulle macerie di un bombardamento aereo Carabinieri Reali caduti in terra di Spagna Foto di gruppo della 6^ Sezione dei Carabinieri Reali impiegata nella OMS durante la Campagna di Spagna Santander - il Magg. CC.RR. Roberto De Blasio si offre come prigioniero temporaneo alle Milizie Repubblicane per trattare la resa della citta al contigente CTV italiano Foto con dedica al Col. G. Pieche raffigurante i Comandanti della Guardia Civil di Logroñoo con i Carabinieri Reali Il Gen. Roatta con Carabinieri e Bersaglieri del CTV
© 2019
Nell’       ottobre       1936,       a       seguito dell’inizio        della        Guerra        Civile spagnola,    Il    generale    Mario    Roatta, Capo    del    SIM    (Servizi    Informazione Militare)        venne        incaricato        dal Governo    di    Mussolini    di    creare    un contingente      militare      di      volontari. Roatta      si      avvalse      della      preziosa collaborazione     del     colonnello     dei Carabinieri    Reali    Giuseppe    Pièche 1 , all’epoca   responsabile   della   subalterna   III   Sezione   “controspionaggio”.   La missione   consisteva   nel   coordinare   gli   aiuti   da   inviare   in   Spagna   a   favore della   fazione   nazionalista   insorta,   dovendo   formare,   in   incognito,   una contingente    di    Truppe    Volontarie    che    inizialmente    sarebbero    state assorbite     dalla     Legione     Straniera     dell’esercito     di     Franco.     Questo arruolamento    fittizio    nel    Tercio    Extranjero    avrebbe    eluso    i    controlli previsti    dal    “patto    di    non-intervento”,    sottoscritto    da    ben    27    nazioni, evitando   così   l’attribuzione   di   una   partecipazione   diretta   e   ufficiale   nel conflitto spagnolo. Il   primo   contingente   di   Carabinieri   Reali,   che   non   superava   le   350   unità, (raggiunse   il   nr   di   500   dopo   la   disastrosa   battaglia   di   Guadalajara 2 ),   si organizzò   in   tre   diverse   Sezioni   ed   una   Compagnia,   quest’ultima   a   sua volta   suddivisa   in   Sezioni   per   poter   meglio   rispondere   alle   esigenze   di mobilità    dei    reparti    del    Corpo    Truppe    Volontarie,    il    quale    aveva    nel frattempo   raggiunto   una   sua   autonomia   di   comando   ed   azione.   All’inizio i     Regi     Carabinieri     vestivano     una     divisa     cachi     spagnola     sopra     cui spiccavano     gli     alamari     d’argento     bordati     di     rosso,     ad     indicare chiaramente     il     Corpo     di     appartenenza 3 .     La     popolazione     spagnola inizialmente    confondeva    i    nostri    carabinieri    con    le    guardie    doganali spagnole   chiamate   “Carabineros”,   rimasti   fedeli   al   bando   opposto   dei Repubblicani,   mentre   la   Guardia   Civil,   molto   simile   nell’ordinamento   e nei   compiti   alla   nostra   Arma   dei   Carabinieri    4 ,   si   schierò   quasi   totalmente dalla parte degli insorti Nazionalisti. Le   due   Benemerite,   infatti,   avevano   in   comune   lo   stesso   senso   della disciplina    e    di    lealtà    e    vantavano    inoltre    una    presenza    capillare    sul territorio   che   permetteva   loro   di   integrarsi   a   fondo   con   la   popolazione con   cui   condividevano   quotidianamente   la   vita   sociale   ed   economica. Questa    rassomiglianza    dei    compiti istituzionali     creava     una     grande confidenza   tra   i   Carabinieri   Reali   e la     Guardia     Civil,     la     quale     si dimostrava     sempre     premurosa nell’   ospitare   i   commilitoni   italiani nei   loro   cuarteles ”,   corrispondenti alle     nostre     Stazioni     dell’Arma. Nella      retrovia      non      era      raro osservare        come        in        molte occasioni        la        Guardia        Civil prendeva    ordini    e    direttamente dalle    Sezioni    dei    CC.RR.    istituite presso      le      Divisioni      del      CTV, cooperando   “gomito   a   gomito”   in delicati      e      faticosi      Servizi      di Istituto ”. I   compiti   principali   dei   Carabinieri   Reali,   oltre   a   quelli   di   Polizia   Militare, era   quello   di   effettuare   scorte   ai   convogli   di   materiali   per   il   CTV   lungo   le carenti   linee   ferroviarie   ed   sulle   strade   dissestate   del   vasto   territorio spagnolo.   La   rete   stradale   in   Spagna   era   molto   scadente   e   sulle   poche arterie    viarie    dovevano    muoversi    rapidamente    sia    gli    automezzi    del Servizio   Sanitario   Militare,   per   il   trasporto   urgente   dei   molti   feriti,   sia   le colonne   militari   per   il   trasporto   truppa   e   materiale   bellico.   Il   compito della   sicurezza   stradale   assegnata   all’Arma   dei   Carabinieri   Reali   diveniva pertanto   di   primaria   importanza,   specie   durante   i   combattimenti   dove   la frenesia   e   la   mancanza   di   comunicazione   metteva   a   volte   in   discussione l’esito      stesso      delle      manovre.      Quando      l’artiglieria      e      l’aviazione repubblicana   bersagliavano   le   truppe   italiane,   il   nervosismo   ed   il   panico potevano    giocare    brutti    scherzi:    accelerare    sperando    che    la    velocità potesse    evitare    qualche    granata    portava    invece    ad    ottenere    l’effetto contrario.    Sotto    i    bombardamenti    era    frequente    vedere    i    Carabinieri Reali    che    con    la    loro    ferma    determinazione    effettuavano    imperterriti posti   di   blocco   e   di   sbarramento   sui   crocevia   per   segnalare   il   pericolo   od indicare    deviazioni    di    scampo.    Si    racconta    che    a    volte    il    collega    che andava   a   dare   il   cambio,   trovasse   sul   posto   il   proprio   commilitone   ferito a   morte   dalle   schegge   delle   granate.   Il   giornalista   Luigi   Barzini,   inviato   di guerra   nel   1938,   raccontava:   Nelle   zone   solitarie,   presso   al   fronte   dove   non si   era   mai   sicuri   di   aver   preso   la buona     strada     e     di     non     essere capitati    in    territorio    nemico,    la vista   di   un   carabiniere   di   guardia, tranquillo     e     solo,     era     di     gran conforto.”      “      il      carabiniere      è protezione,        soccorso,        ordine, consiglio,    esempio,    quasi    sempre solo,   sufficiente   ed   indispensabile”. “Nelle      trincee,      sui      sentieri      di approccio    alle    posizioni,    presso    i comandi,   lungo   le   strade,   fino   alle basi,      ovunque,      era      un      rado punteggiamento       di       carabinieri immobili      e      pronti,      messi      ad interdire   o   facilitare   il   passaggio”. “La   specialità   del   carabiniere   è   di non     apparire     mai     sorpreso     di niente.   Crollasse   il   mondo,   egli   si manterebbe       a       disciplinare       il panico dell’umanità ”. I   fatti   di   eroismo   non   mancarono   di   essere   raccontati,   come   neppure mancarono   i   caduti   ed   i   feriti   che   per   l’Arma   dei   Carabinieri   furono   9 morti    e    33    infermi.    Nella    Campagna    di    Spagna    vennero    attribuite    9 medaglie   d’argento   al   valor   militare,   33   medaglie   di   bronzo,   136   croci   al valor militare con ben 32 promozioni per merito di guerra. Durante   il   bombardamento   dei   Repubblicani   su   Soncillo,   nei   pressi   di Santander,   nell’agosto   1938,   una   pattuglia   di   militari   dell’Arma,   composta dai    carabinieri    Bonifacino    Carlo    e    Proietti    Beniamino,    si    fermò    sulla piazza   tempestata   di   colpi   per   smistare   il   movimento   delle   colonne   di autocarri,   quando   improvvisamente   una   granata   scoppiò   davanti   a   loro: il   Bonifacino   cadde   riverso   in   una   pozza   di   sangue   con   il   capo   dilaniato da    una    scheggia,    mentre    il    Proietti    venne    ferito    gravemente    ad    una gamba   e   morì   pochi   giorni   dopo   in   ospedale   .   Il   suo   corpo   giace   ora   nel Sacrario Militare Italiano di Saragozza. 5 Alcuni      morirono      per      incidenti      stradali      in      servizio,      durante      le innumerevoli   scorte   condotte   spesso   in   condizioni   di   guida   impossibili.   È doveroso   ricordare,   oltre   i   due   precitati   militari   gli   altri   7   Regi   Carabinieri anch’essi    caduti    nella    Campagna    di    Spagna    :    Carabiniere    Grasselli Giuseppe   deceduto   il   17   maggio   1937   a   Burgos   (Castiglia   e   Leon)   per delle                 ferite causate                 da i    n    c    i    d    e    n    t    e        C   a   r   a   b   i   n   i   e   r   e     Giallara    Salvatore, deceduto   a   Vitoria (Paesi    Baschi)    per colpo      di      pistola p     a     r     t     i     t     o         da       un       collega, C   a   r   a   b   i   n   i   e   r   e     S   i   l   v   e   s   t   r   i   n   i     Giuseppe,   deceduto   il   6   agosto   1937   a   Quintanillas   (Cantabria)   per   esser stato   investito   durante   una   scorta      da   un   autocarro   militare,   Carabiniere Briatore    Pietro,    deceduto    il    19    marzo    1938    ad    Alcañiz    (Aragona)    per ferite   di   schegge   da   granata,      carabiniere   Simonazzi   Demos   deceduto   ad Alcañiz   (Aragona)   il   14   aprile   1938   per   essere   stato   colpito   da   scoppio   di     una   granata,   Carabiniere   Giannini   Vittorio   deceduto   in   combattimento      a Aldover   (   Catalonia),   Carabiniere   De   Felice   Donato,   deceduto   a   Granyena (Catalogna) il 28 dicembre 1938. 6 Anche    in    prima    linea    i    Carabinieri    Reali    si    distinsero    in    battaglia, trovandosi     spesso     a     fianco     delle     truppe     del     CTV     impegnato     in combattimento   e   descritti   in   eroiche   azioni   militari.   Un   grande   impegno venne   profuso   nella   gestione   dei   prigionieri   di   guerra,   che,   come   nel caso   dell’occupazione   di   Santander,   l’imprevista   resa   in   massa   di   25.000 soldati   repubblicani   avrebbe   causato   diversi   e   seri   problemi   al   CTV   non preparato      per      una      simile      evenienza.      Mancavano      i      campi      di concentramento    e    l’acqua    non    giungeva    per    un    sabotaggio    delle condutture   idriche.   Scarseggiavano   i   viveri   a   secco   per   sfamare   una   tale moltitudine   di   persone   e   si   stavano   presentando   i   primi   problemi   di salute,   specie   per   i   feriti   che   non   erano   stati   adeguatamente   medicati. Ma    grazie    ad    una    piccola    guarnigione    composta    da    4    ufficiali    e    una trentina   di   carabinieri,   tutti   i   prigionieri   furono   disarmati   e   smistati   su   dei campi    provvisori    affidati    alla    vigilanza    armata    delle    Milizie.    Il    quinto giorno   furono   ripristinate   le   tubature   d’acqua   permettendo   di   servire   un pasto   caldo   a   tutti   i   soldati   arresi.   Subito   dopo   fu’   completato   un   piccolo ospedale   da   campo   per   la   cura   dei   feriti   ed   il   decimo   giorno   le   truppe regolari    dell’esercito    spagnolo    di    Franco    ricevettero    in    consegna    il miracolo organizzativo compiuto dall’Arma in pochi giorni. 7 La   presenza   dell’Arma   fu   anche   importante   nei   territori   conquistati   dalle truppe   italiane,   evitando   che   molte   morti   inutili   avvenissero   solo   per vendetta   o   repressione   politica;   anche   se   poi,   una   volta   consegnati   le città    all’esercito    nazionalista,    non    poterono    essere    scongiurati    tanti ingiustificati   eccidi   e   sommarie   fucilazioni   da   parte   dei   tribunali   militari d’occupazione.     Alla    fine    del    conflitto    con    la    resa    di    Madrid    del    31    marzo    1939,    il contingente   italiano   del   CTV   unitamente   ai   militari   dei   Carabinieri   Reali furono   rimpatriati   dai   territori   spagnoli.   Molti   di   loro   riceverono   anche delle   decorazioni   militari   da   parte   del   Governo   della   Nuova   Spagna,   ma   il destino    muta    il    suo    corso    come    il    vento    e    gli    italiani,    dopo    il    1943, raccontarono    in    Patria    da    “vinti”    le    proprie    battaglie    e    non    più    da vincitori,     come     si     proclamò     Franco     grazie     agli     aiuti     internazionali dell’Italia e della Germania. Ancora   oggi,   nonostante   la   Spagna   abbia   volto   pagina   e   sia   un   Paese democratico   dell’Unione   Europea,   si   fa   fatica   a   ricordare   quegli   eventi   dal punto   storico,   mostrando   un   falso   imbarazzo   nel   riconoscere   la   verità. Quanto   vale   la   pena,   specie   per   le   future   generazioni,   non   riconoscere che    purtroppo    tutti    i    caduti    di    quel    conflitto    fratricida    combatterono ciecamente   per   un   loro   diverso   ideale,   ma   necessario   per   formare   una stessa   Patria.   Una   Patria   che,   rossa   o   bianca   o   nera   che   sia,   ha   perso   un numero   troppo   alto   di   figli   a   cui   noi   oggi   dobbiamo   una   consapevolezza ed   un’onestà   in   grado   di   garantire   il   rispetto   democratico   delle   idee   altrui e nelle regole della giusta convivenza dei popoli. Dopo    70    anni    da    quel    conflitto    civile,    non    rimangono    in    vita    molti combattenti   e   le   sanguinose   esperienze   non   sono   più   raccontate   dalla viva    voce    dei    testimoni    di    quei    tragici    momenti.    Al    Sacrario    Militare Italiano   di   Saragozza   dove   sono   raccolti   e   sepolti   i   caduti   della   Guerra   di Spagna,   compresi   quelli   del   bando   repubblicano,   prima   giungeva   tanta gente    che    diceva    di    ricordare,    mentre    ora    finalmente    si    presentano persone   che   chiedono   di   sapere,   di   conoscere   quella   verità,   unica   grande “vittima”   di   quella   Guerra   Civile.   Oggi   conoscere   per   noi   significa   “non dimenticare”,   ovvero   accettare   che   nella   diversità   delle   idee   si   può   e   si deve trovare la soluzione di qualsiasi conflitto. Riposino in pace tutti i nostri italiani caduti in terra di Spagna, che ora si trovano uniti e fratelli davanti al cospetto del Padre, Signore nei cieli. Articolo del S.Ten. CC (R) Giuseppe Coviello Presidente della Sezione Estera Isole Canarie (E) _________________________________________________ 1   Il   Generale   G.   Piéche   fu   il   primo   Comandante   Generale   dell’Arma   dei   Carabinieri dopo     l’era     fascista.     Immediatamente     dopo     l’annuncio     dell’armistizio     dell’8 settembre   1943   e   la   proclamazione   del   Regno   del   Sud,   il   governo   provvisorio italiano    di    Badoglio    e    la    famiglia    reale    sbarcarono    a    Brindisi    nei    territori meridionali    liberi    dalle    forze    nazi-fasciste.    Il    12    settembre    venne    creato    il Comando   dei   Carabinieri   Reali   dell’Italia   Meridionale   agli   ordini   del   colonnello Romano   Dalla   Chiesa,   padre   del   Generale   Carlo   Alberto   della   Chiesa,   vittima   della mafia   nel   settembre   1982.   Dopo   l’arrivo   degli   alleati   nelle   Puglie,   venne   istituito   a Bari    il    Comando    Arma    Carabinieri    Reali    dell’Italia    Liberata    affidato    all’    vice comandante   Giuseppe   Pièrche,   il   quale   divenne   il   nuovo   Comandante   Generale dell’Arma.   Suo   fu   l’incarico   al   T.Colonnello   Marco   Bianco   di   pronunciare   il   discorso radiofonico   con   cui   si   esortavano   i   militari   ancora   nei   territori   occupati   a   mettere in   atto   una   resistenza   attiva   contro   le   truppe   tedesche,   senza   però   esporre   la popolazione   civile   al   rischio   di   sanguinose   e   tristemente   note   rappresaglie   nazi- fasciste.    In    quell’oscuro    periodo    si    immolarono    al    martirio    patriottico    molti carabinieri,    come    il    V.Brig.    Salvo    d’Acquisto,    i    carabinieri    di    Fiesole    Alberto    La Rocca,   Fulvio   Sbarretti   e   Vittorio   Marandola,   senza   dimenticare   i   12   carabinieri trucidati   nelle   Fosse   Ardeatine.   Il   20   luglio   1944,   con   le   dimissioni   di   Badoglio   ed   il nuovo   incarico   di   Governatore   Provvisorio   del   Regno   d’Italia   affidato   a   Ivanoe Bonomi,  Comandante Generale  2 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial,Madrid, 2016, pag.143-145    3   I   Carabinieri   Reali   in   Spagna,   Generale   G.   Piéche,   Rivista   dei   Carabinieri   Reali”   Nr.   4 lug-ago 1940      4   Nel   1844,   regnando   di   Isabella   II   di   Spagna,   fu   creato   il   Cuerpo   de   la   Guardia   Civil alla   cui   organizzazione   contribuirono   degli   Ufficali   superiori   dei   Carabinieri   Reali inviati   da   Torino.   Nella   stesura   della   “Cartilla   de   la   Guardia   Civil”,   un   vero   e   proprio codice   morale   deontologico   del   Corpo   Militare,   si   possono   rilevare   numerosissime somiglianze con il Regolamento Generale dei Carabinieri stilata nel 1822.    5   I   Carabinieri   Reali   in   Spagna,   Generale   G.   Piéche,   Rivista   dei   Carabinieri   Reali”   Nr.   4 lug-ago 1940  6 Dati forniti dal Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri - Roma    7   Carabinieri   Reali   in   Spagna,   Generale   G.   Piéche,   Rivista   dei   Carabinieri   Reali”   Nr.   4 lug-ago 1940 *   Le   fotografie   della   6^   Sezione   CC   Reali,   del   Magg.   CC.   De   Biagio   a   Santander   e   della Guardia   Civil   di   Logroño   con   dedica   al   Col.   G.   Piéche      sono   state   gentilmente fornite dal Museo dell’Arma dei Carabinieri in Roma.
Carabinieri Reali sulle macerie di un bombardamento aereo Carabinieri Reali caduti in terra di Spagna Foto di gruppo della 6^ Sezione dei Carabinieri Reali impiegata nella OMS durante la Campagna di Spagna Santander - il Magg. CC.RR. Roberto De Blasio si offre come prigioniero temporaneo alle Milizie Repubblicane per trattare la resa della citta al contigente CTV italiano Foto con dedica al Col. G. Pieche raffigurante i Comandanti della Guardia Civil di Logroñoo con i Carabinieri Reali Il Gen. Roatta con Carabinieri e Bersaglieri del CTV