La Guerra Civile in Spagna (1936-39) - Pagina 2

© 2019
L’Agente Consolare a Malaga, Cav. Tranquillo Bianchi. In   questo   clima   di   atrocità   e   terrore,   un   personaggio   provvidenziale,   l’agente   consolare   italiano   Tranquillo,   mise   in   atto   una   piccola   “Schienderlist”   tutta   italiana   che funzionò sia con la Malaga in  mano al “Frente Popular”, e sia quando le truppe nazionaliste presero in consegna la città dopo l’8 febbraio del ’36. Nel   periodo   repubblicano,   l’agente   consolare   Bianchi   nascose   presso   il   proprio   Consolato   il   vescovo   di   Malaga   con   il   parroco   di   San   Juan.   Chiamata   via   radio   un mercantile   italiano   ( Silvia   Ticovit ),   all’alba   del   20   settembre   del   ’36,   di   nascosto,   fece   traghettare   a   Tangeri   l’alto   prelato   accompagnato   dal   monsignore   di   San   Juan   e da    altri    fedeli    9    tra    i    quali    anche    dei    familiari    del    generale    Queipo    de    Llano),    evitando    cosi’    il    loro    sequestro    e    deportazione    da    parte    di    bande    armate repubblicane 18 . Anche   dopo   la   consegna   di   Malaga,   durante   le   efferate   operazioni   di   limpieza ”   compiuta   dai   Nazionalisti,   grazie   alle   sue   personali   conoscenze   e   forte   della gratitudine   guadagnata   con   la   fuga   del   Vescovo,   riuscì   ad   intercedere   con   le   autorità militari   e   a   salvare   centinaia   di   abitanti   di   Malaga   arrestati   e   condannati   a morte dai tribunali militari di occupazione. Il   seguente   Rapporto   Segreto   del   Console   di   Siviglia   Conti   diretto   al   Ministro   degli   Esteri   Ciano,   di   cui   si   trascrive un   estratto,   descrive   dettagliatamente   il   comportamento   eroico   dell’Agente   Consolare   Cav.   Tranquillo   Bianchi   a favore   della   popolazione   oppressa:   «    continua   in   Malaga   la   repressione   di   elementi   comunisti,   posta   in   atto   su larga    scala    e    con    indiscutibile    durezza    dal    governo    nazionale.    Essa    si    fonda    su    provvedimenti    che    sono sostanzialmente   sommari,   più   per   il   sistema   sbrigativo   con   cui   vengono   attuati   che   per   la   procedura,   alla   quale   la giustizia   militare   si   sforza   di   conservare   una   certa   forma   esteriore.   Gli   imputati   sono   nella   grande   maggioranza   i comunisti   attivi   ~uomini   e   donne   ~che   non   hanno   potuto   abbandonare   la   città   prima   dell'occupazione   da   parte   delle truppe   nazionali   e   che   devono   rispondere   di   delitti   per   lo   più   gravissimi;   vi   sono   tuttavia,   in   mezzo   a   questi,   elementi grigi   che   sotto   la   minaccia   del   terrore   si   sono   lasciati   passivamente   imporre   ed   assorbire   dal   comunismo   imperante. ..omissis….   La   condanna   a   morte   viene   inflitta   non   soltanto   per   omicidio   e   violenze   ma   anche   per   atti   di   sabotaggio   e di    devastazione.    Particolarmente    severa    è    la    repressione    nei    confronti    delle    Guardie    Civili    e    dei    Carabineros (corrispondenti   alle   nostre   Guardie   di   Finanza)   che   avevano   offerto   i   loro   servizi   al   regime   rosso…omissis….   In complesso,   dall'occupazione   di   Malaga   ad   oggi   le   fucilazioni   ammonterebbero,   secondo   le   cifre   fornite   dal   cav. Bianchi,   a   oltre   tremila.   L'azione   svolta   da   questo   agente   consolare   per   ottenere   la   sospensione   delle   esecuzioni assorbe   praticamente   tutta   la   sua   attività   giornaliera.   Ho   potuto   constatare   de   visu   la   pietosa   scena   che   si   svolge   ogni   giorno   dinanzi   alla   porta   dell'albergo   ove   egli   abita: una   folla   di   congiunti,   di   donne,   di   preti   si   reca   da   lui   a   intercedere   per   i   condannati   che   debbono   essere   fucilati   nella   notte   stessa   o   l'indomani.   L'intervento   del   Bianchi   ha un   carattere   più   che   altro   personale   e   privato   e   si   fonda   sull'indiscutibile   prestigio   di   cui   egli   gode   presso   gli   ambienti   locali   della   Falange,   presso   i   funzionari   subordinati delle   amministrazioni   locali   e   sopratutto   presso   la   popolazione   malaghegna   che   non   vede   tanto   in   lui   il   rappresentante   consolare   del   governo   italiano,   quanto,   e soprattutto, uno dei primi «squadristi» del movimento nazionale in Malaga. Pieno   di   coraggio,   generoso,   irriflessivo,   sentimentalissimo,   teatrale,   il   Bianchi   ha   molti   numeri   per   piacere   agli   spagnuoli   del   Sud.   …omissis…   l'intervento   del   Bianchi   per   la sospensione   delle   esecuzioni,   come   ho   potuto   constatare   personalmente,   si   svolge   per   lo   più   in   questo   modo:   Bianchi~   che   ha   ingresso   libero   in   tutte   le   prigioni   di   Malaga   ~ si   reca   nelle   sezioni   dei   condannati   a   morte   con   una   lista   di   nomi   fornitagli   dai   suoi   numerosi   postulanti   e   sovente   basta   un   breve   colloquio   col   vice   direttore   di   turno   per ottenere   la   provvisoria   sospensione   dell'esecuzione.   Nella   notte   del   6   corrente,   per   esempio,   uno   dei   suoi   protetti   ~   per   il   quale   egli   aveva   già   ottenuto   la   sospensione   della pena   ~essendo   stato   fucilato   cinque   minuti   prima,   Bianchi   ha   potuto   ottenere   in   cambio   la   vita   di   altri   due   comunisti,   scelti   a   caso,   che   si   trovavano   già   letteralmente dinanzi   al   plotone   d'esecuzione.   Per   quest'ultima   «variazione»   è   bastato   il   consenso   del   comandante   del   plotone   stesso.   L'indomani   i   fatti   vengono   dai   funzionari   subalterni segnalati   ai   superiori,   attraverso   la   lenta   e   ancora   disordinata   burocrazia   giudiziaria,   mentre   i   condannati   passano   ad   altro   carcere,   perpetuando   di   fatto   la   loro   situazione alquanto incerta di «sospesi a titolo provvisorio» dall'esecuzione. Come   l'Eccellenza   Vostra   comprende,   questa   azione   del   Bianchi   non   appoggia   tanto   su   aderenze   di   alte   personalità   ufficiali,   che   assai   poco   dimostrerebbero   di   gradire questo   intervento   diretto   nell'esercizio   dei   loro   poteri,   ma   agisce   per   contro   dal   basso   in   alto,   penetrando   fra   le   maglie   e   agguantandosi   alle   falle   di   questo   singolarissimo sistema   di   amministrare   la   giustizia,   ora   tragicamente   e   ora   bonariamente   approssimativo.   La   verità   è   che   in   questa   atmosfera   di   rivoluzione   il   valore   etico   della   vita   umana è ridotto al minimo, per cui anche le questioni gravi in cui essa è in gioco, sono trattate come affari di ordinaria amministrazione. Bianchi   asserisce   che   su   tremila   condannati   a   morte   egli   è   riuscito   a   sospendere   l'esecuzione   a   favore   di   oltre   quattrocento,   il   che   rappresenterebbe   un   successo   veramente notevole.   Egli   agisce   principalmente   sotto   l'impulso   della   sua   schietta   emotività   sentimentale   e   per   l'ambizione   di   accrescere   la   sua   popolarità.   Sarebbe   tuttavia   augurabile   - in   questo   senso   gli   ho   dato   precise   istruzioni   -   che   questi   suoi   interventi   fossero   più   scrupolosamente   vagliati   per   evitare   che   essi   cadano   a   favore   di   elementi   troppo gravemente   invisi   alle   autorità   governative,   o   che   comunque   non   meritano   la   protezione   fascista.   Lo   ho   anche   consigliato   di   essere   più   riservato   e   di   astenersi   dal manifestare   in   pubblico,   con   esuberante   sincerità,   giudizi   che   offendono   la   suscettibilità   degli   elementi   di   governo,   potrebbero   indebolire   la   sua   posizione   e   limitare   le   sue possibilità   di   movimento.   È   infatti   un   peccato   che   per   simili   imprudenze,   egli   abbia   un   pò   compromesso   il   suo   ascendente,   (un   tempo   così   notevole   perché   legato   a   motivi   di riconoscenza   personale)   con   il   generale   Queipo   de   Llano.   Il   cav.   Bianchi,   in   un   telegramma   direttamente   inviato   all'Eccellenza   Vostra,   ha   fatto   cenno   ad   un   eventuale pericolo   di   gravi   complicazioni   politiche   in   seguito   all'eccessiva   durezza   della   repressione   e   lamenta   come   in   tale   repressione   venga,   a   suo   modo   di   vedere,   coinvolta   la responsabilità morale del governo fascista.…omissis… Quando   …   alla   pretesa   corresponsabilità   del   governo   fascista   nella   repressione,   va   notato   che   a   Malaga,   dove,   fra   l'altro   non   vi   sono   attualmente   che   otto   volontari   italiani, l'opinione   pubblica   ben   sa   che   il   R.   Governo   si   è   astenuto   dall'intervenire   ufficialmente   in   tale   campo   per   evitare   slittamenti   d'autorità,   e   che,   se   intervento   puramente ufficioso e amichevole vi è stato attraverso l'opera personale di Bianchi, esso ha mirato a limitare gli eccessi e a consigliare la moderazione. È   mia   impressione,   in   definitiva,   che   la   repressione,   indiscutibilmente   necessaria   in   profondità   sia   stata   forse   eccessiva   in   estensione.   Una   volta   distrutti   tutti   i   nuclei   del movimento   sovversivo,   credo   che   la   Spagna   Nazionale   sarebbe   salva   ugualmente   se   a   Malaga   si   fucilasse   qualche   centinaia   di   comunisti   di   meno,   che   domani,   sotto   un governo forte e comprensivo, potrebbero venire gradualmente riassorbiti….. » 19 . Spagnoli ed Italiani Inizialmente   Franco   temette   di   vedere   diminuito   il   suo   prestigio   militare   e   si    lamentò   con   Mussolini   della   presenza cospicua   di   milizie   italiane,   ribadendo   che   la   sua   richiesta   di   aiuto   si   limitava   solo   all’invio   di   aerei,   mezzi   da trasporto,   armi   e   munizioni.   Lo   stesso   Franco   si   sarebbe   lamentato   di   essersi   ritrovato   sul   proprio   territorio   un esercito   straniero,   di   cui   avrebbe   fatto   volentieri   a   meno.   Dopo   il   successo   di   Malaga,   il   futuro   Caudillo   dovette ricredersi,   anche   perché   la   presenza   delle   truppe   del   CTV   erano   strettamente   legate   all’elargizione   di   mezzi   aerei   e navali   concessi   dall’Italia   fascista,   che   alla   primavera   del   1937   avrebbe   inviato   ben   più   di   35.000   uomini   completi   di un   Gruppo   di   artiglieria   di   vario   calibro   e   di   una   unità   del   Genio.   L’aviazione   italiana   vantava   gia’   sul   campo   14 bombardieri,   27   aeri   da   caccia   e   21   da   ricognizione   con   base   sugli   aeroporti   con   pista   interrata   di   Soria   e   ad Almazàn 20 .   L’esercito   spagnolo   nazionalista   non   vedeva   sempre   di   buon   occhio   la   massiccia   presenza   degli   italiani visto   talvolta   come   un   esercito   fascista   di   occupazione   del   territorio   spagnolo.   La   loro   bramosia   di   ottenere   una vittoria   lampo   per   aggiungere   trionfi   ed   allori   al   Duce,   portò   a   mal   giudicare   sia   l’esercito   repubblicano   come   quello di   Franco.   Inoltre   non   vi   era   da   parte   italiana   una   visione   coerente   della   situazione   reale   spagnola,   senza   tenere   in giusta   considerazione   la   particolare   geografia   e   del   clima   iberico:   l’euforica   sottovalutazione   delle   capacità   belliche del   nemico   fu   un   grave   errore   che   gli   italiani   pagheranno   molto   caro   sui   campi   di   battaglia   per   la   presuntuosa conquista   di   Madrid.   Le   continue   dispute   con   lo   Stato   Maggiore   spagnolo   per   imporre   i   propri   piani   militari,   il   voler essere   indipendenti   ed   autonomi   con   le   proprie   unità   di   attacco   per   poter   vantare   i   propri   trionfi   da   dedicare   al Duce   e   all’Italia   fascista,   instaurarono   un   atteggiamento   di   diffidenza   e   di   fastidio   tra   le   alte   gerarchie   militari nazionaliste   spagnole.   A   livello   popolare   i   soldati   italiani   venivano   derisi   per   le   loro   impeccabili   ed   eleganti   uniformi dai    camerati    spagnoli    che    chiamando    señoritos     a    passeggio    sul    suolo    spagnolo”.    I    militari    fascisti    erano continuamente   canzonati   per   i   loro   “pennacchi”,   per   le   loro   vistose   divise   indossate   con   quell’aria   sfarzosa   di   conquistatori   e   per   lo   spruzzarsi   continuamente acqua   di   colonia.   I   commilitoni   spagnoli   invidiosi   del   loro   elegante   portamento   si   domandavano:   “Ma   dove   si   è   visto   mai   un   soldato   improfumato   ?!“.   Le   condizioni dei   militari   spagnoli,   sia   nazionalisti   che   repubblicani,   erano   molto   misere   e   non   era   raro   incontrarli   mezzi   scalzi   o   con   la   suola   delle   scarpe   fatta   con   le   coperture dei   pneumatici   dei   camion   e   ritagliate   a   mo’   di   ciabatte   imbracciando   degli   enormi   ed   antichi   vecchi   moschetti.   Tutto   ciò   cozzava   con   l’impeccabilità   del   vestiario degli    italiani,    nonché    delle    loro    colonne    motorizzate    e    degli    equipaggiamenti    moderni    che    li    faceva risaltare   sulle   arretrate   e   povere   condizioni   dell’esercito nazionalista.   Nonostante   le   goliardiche   dicerie, per   molti   spagnoli   gli   italiani   venivano   considerati   come   gente   molto   educata,   corretta   ed   impeccabile   nel tratto   e   nel   comportamento   con   gli   abitanti   delle   zone   che   attraversavano,   raggiungendo   ad   alti   livelli   di fraternizzazione   con   la   popolazione   civile.   Con   le   donne   erano   presuntuosi   ed   altezzosi   e   furono   numerosi i   casi   di   cuori   infranti   a   cui   seguirono   gravidanze   di   donne   nubili,   la   cui   unica   colpa   era   quella   di   aver creduto   alle   facili   promesse   di   questi   italiani   incantatori.   È   da   dire   che   però   molti   di   loro   furono   di   parola   e alla   fine   della   guerra   rimasero   in   Spagna   per   formare   la   loro   propria   famiglia   e   per   trovare   un   lavoro onesto:   a   prova   di   ciò   sono   i   cognomi   italiani   che   si   possono   incontrare   sulla   penisola   iberica   e   che provengono   da   quei   matrimoni   misti   che   seppero   trasmettere   ai   loro   figli   e   nipoti   i   ricordi   delle   prodezze militari   in   Spagna   ed   il   loro   legame   con   la   lontana   Italia.      Purtroppo   si   registrarono   tra   la   popolazione anche   atti   di   abusi,   prepotenze   ed   atti   vandalici,   per   lo   più   dovuti   alla   presenza   tra   le   file   dei   fascisti   di molti ex-detenuti e di gente senza scrupoli 21 . Il contrabbando di aiuti italiani alla causa repubblicana spagnola Un   aspetto   controverso   della   politica   italiana   nel   periodo   del   conflitto   spagnolo   fu   l’interessata   tolleranza   da   parte   del   Governo   fascista   al   commercio   di   mercanzie e   prodotti   italiani   con   la   parte   repubblicana.   Questo   traffico   di   materiali   non   esisteva   ufficialmente,   ma   questo   non   significava   che   non   accadeva   con   una   certa regolarità.   Il   contrabbando   di   materie   prime   per   l’industria,   elementi   e   parti   per   l’industria   bellica,   farine,   zucchero,   rappresentava   una   fonte   di   guadagno   per   la piccola   e   media   borghesia   strettamente   legata   al   fascismo   e   all’idea   di   una   egemonia   sì   militare,   ma   anche   economica   sull’intera   area   mediterranea,   considerata come    una    zona    di    pertinenza    più    o    meno    esclusiva.    Si    giustificava    che    l’invio    di    mercantili    sui    porti    repubblicani,    oltre    che    poter    acquisire    informazioni sull’organizzazione bellica, servisse anche da via di fuga via mare per i profughi scampati alla repressione repubblicana, protetti dalla Regia Marina Militare italiana. È   però   pur   vero   che   la   maggior   parte   di   questo   commercio   clandestino   avveniva   tramite   la   Francia,   utilizzando   i   porti   francesi   di   Marsiglia   o   le   vie   di   collegamento attraverso   i   Pirenei.   L’ufficiosità   di   questo   contrabbando   “assistito”   viene   confermata   da   delle   note   ed   istruzioni   del   Ministero   delle   Comunicazioni   con   cui   si consigliava   alle   navi   italiane   che   potenzialmente   commerciavano   con   la   Repubblica   di   Spagna,   di   evitare   lo   scalo   marittimo   di   Marsiglia   dove   i   controlli   venivano eseguiti con più frequenza ed attenzione 22 . La disastrosa battaglia di Guadalajara Nel   marzo   del   ’37   le   truppe   nazionaliste   di   Franco   puntarono   sulla   conquista   della   capitale   e   decisero   di farlo   da   Nord   attraverso   la   direttrice   Madrid-Zaragozza,   affidando   alle   truppe   del   CTV   il   settore   Nordest di   Guadaljara.   Il   comandante   in   capo   delle   forze   italiane   era   il   Generale   Mario   Roatta,   mentre   al   Generale Bergonzoli   venne   dato   il   comando   delle   truppe   impiegate   nell’operazione   disponendo   di   un   totale   di circa   oltre   35.000   uomini   (la   maggior   parte   composta   da   miliziani   fascisti),   4   squadroni   dei   carri   leggeri da   combattimento   Fiat   Ansaldo,   160   cannoni   di   artiglieria,   1500   camione   4   stormi   di   caccia   Fiat   CR32   per un   complessivo   di   80   apparecchi   rischierati   sugli   aeroporti   di   Soria   e   di   Amazàn 23 .   Per   i   generali   italiani sarebbe   stata   questa   un’imperdibile   occasione   per   dimostrare   agli   antiquati   generali   spagnoli   di   come potessero   le   nuove   tattiche   di   guerra   veloce,   unite   al   il   valore   delle   milizie   fasciste,   ottenere   una   vittoria rapida,   facile   e   sicura,   come   quella   di   Malaga.   La   baldanzosa   sicurezza   dello   Stato   Maggiore   italiano   era basata   su   erronee   analisi   e   valutazioni   tratte   dalle   battaglie   di   Malaga,   dove   il   nemico   abbondonò   il territorio   senza   ingaggiare   una   vera   battaglia   in   campo   aperto.   Inoltre   l’impazienza   di   voler   finalmente dimostrare    il    valore    ed    il    potere    di    impatto    dei    propri Reparti   (in   realtà   carenti   di   ufficiali   e   militari   professionali   adeguatamente   addestrati)      non   diede   la   possibilità   ai servizi   di   intelligence   italiani   di   ottenere   le   corrette   informazioni   sulle   potenzialità   belliche   del   nemico   ,   che   contava già   dell’appoggio   delle   Brigate   Internazionali   e   Miste      (tra   cui   la   Brigata   Garibaldi   formata   da   volontari   antifascisti italiani)    e    di    un’efficiente    aviazione    repubblicana    dotata    dei    velivoli    da    guerra    russi.    Le    pessime    condizioni meteorologiche   di   quell’inizio   marzo,   penalizzarono   ulteriormente   le   truppe   del   CTV,   che   ancora   vestivano   delle uniformi   di   tela   inadeguate   al   clima   invernale   degli   altopiani   iberici.   Il   giorno   prima   della   battaglia,   il   7   di   marzo,   il tempo   veniva   descritto   come   pessimo,   con   neve,   pioggia   e   forti   raffiche   di   vento.   Da   giorni   le   truppe   si   lamentavano che   non   ricevevano   un   pasto   caldo.   Molte   unità   avevano   trascorso   diversi   giorni   immobilizzati   sui   propri   mezzi   al   lato della   strada   impercorribile   senza   guanti   di   lana   o   passamontagna.   La   mattina   dell’8   marzo   del   ’36   l’artiglieria   italiana iniziò   il   combattimento   con   il   martellamento   delle   postazioni   repubblicane.   L’aviazione   italiana   non   poté   essere impiegata   per   la   impraticabilità   delle   piste   in   terra   battuta,   cosa   che   invece   non   accadde   per   quella   repubblicana, rischierata   in   aeroporti   più   attrezzati   da   dove   decollarono   senza   difficoltà,   trasformandosi   in   una   carta   vincente   per l’esercito   lealista.   Quando   l’isteria   della   “Guerra   Celere”   si   manifestò   con   gli   ordini   di   lanciarsi   con   i   blindati   contro   le postazioni   nemiche,   il   CTV   rimase   distanziato   dalle   truppe   spagnole   che   dovevano   affrontare   sull’unica   strada   di avanzamento   una   nebbia   ghiacciante   con   una   visibilità   di   circa   cento   metri,   tra   cunette   e   buche   nella   strada   e   i   campi adiacenti   pieni   di   fango   e   neve   che   erano   difficoltose   da   attraversare   persino   a   piedi.   Nonostante   le   difficoltà   del tempo,    il    fronte    nazionalista    avanzò    di    circa    10    kilometri.    Le    forze    repubblicane    dimostrarono    una    efficiente coordinazione   e   riuscirono   il   12   marzo   a   bloccare   la   celere   avanzata   fascista   sottomettendola   ad   una   durissima condizione   di   combattimento.   Le   comunicazioni   tra   il   distante   Quartier   Generale,   a   80   km   dalla   zona   di   operazione, erano   compromesse   e   ritardavano   gli   ordini   di   combattimento,   a   volte   fraintesi.   Fu   un   caos   totale   che   durò   fino   al giorno    18    quando    Roata    ordino    a    Bergonzoli    di    dare    l’ordine    di    ritirata.    Fu    un    caos    totale:    i    primi    mezzi    di sfondamento   dovettero   invertire   la   propria   marcia   trovandosi   bloccati   ed   intrappolati   dalle   colonne   retrostanti   che invece   continuavano   ad   avanzare.   Gli   aerei   russi   iniziarono   a   bersagliare   le   colonne   italiane   in   difficoltà   di   movimento   ed   a   mitragliare   i   militari   che   non   potevano trovare   rifugio   sulle   desolate   distese   dell’altopiano.   Alla   fine   della   battaglia   le   cifre   ufficiali   parlavano   di   340   soldati   e   37   ufficiali   uccisi   in   combattimento,   circa   2000 feriti e 600 dispersi, mentre tra le truppe nazionaliste spagnole non si registrarono perdite. Con   la   sconfitta   emersero   pesanti   interrogativi   sull’efficienza   del   CTV   e   le   spiegazioni   fornite   andavano   dallo   scarso   propensione   di   andare   in   battaglia   di   numerosi “padri   di   famiglia”   dai   capelli   grigi   arruolatisi   per   lo   stipendio   allettante,   ai   giovani   volontari   inesperti   e   non   addestrati   al   combattimento,   all’inettitudine   di   numerosi ufficiali   inferiori   che   riceverono   i   loro   gradi   in   base   alle   loro   pregresse   e   non   utili   esperienze   politiche   e   lavorative.   Va   detto,   inoltre,   che   grazie   alle   difficili   condizioni ambientali   in   cui   il   CTV   si   trovò   a   Guadalajara,   molti   volontari   giunti   in   Spagna,   ingannati   o   non,   per   lavorare   come   coloni,   per   farsi   esonerare   dalla   battaglia, accusavano   malattie   croniche   che   stranamente   all’atto   dell’arruolamento   non   venivano   dichiarate.   Non   furono   rari   gli   episodi   di   autolesionismo   al   fine   di   procurarsi un’invalidità al combattimento. La   battaglia   di   Guadalajara   segnò   un   passaggio   importante   per   l’intervento   fascista   in   Spagna   e   fu   il   luogo   in cui   gli   italiani   dei   due   bandi   opposti   si   affrontarono   direttamente   sui   campi   di   battaglia,   con   il   celebre episodio   in   cui   delle   truppe   fasciste,   sentendo   parlare   in   italiano,   confusero   una   pattuglia   di   ricognizione   della Brigata   Garibaldi   per   dei   soldati   della   Divisione   “Littorio”.   In   un’imboscata   le   milizie   fasciste   si   trincerarono   nel cascinale   Ibarra   dove   il   Luigi   Longo   (futuro   senatore   del   PCI)   con   degli   megafoni   esortò   i   connazionali   ad arrendersi   con   le   seguenti   testuali   parole   “Fratelli,   perché   siete   venuti   in   terra   straniera   ad   assassinare   dei lavoratori?” .   Nonostante   gli   inviti   dei   connazionali   garibaldini,   i   fascisti   non   si   arresero   e   furono   uccisi   in   un aspro   e   duro   combattimento   tra   uomini   che   combattevano   inutilmente   per   degli   ideali   diversi,   ma   per   una stessa Patria. Si   dice   che   dopo   la   sconfitta   italiana,   molti   membri   dello   Stato   Maggiore   di   Franco   brindarono   alla   vittoria repubblicana,   visto   che   avevano   dimostrato”   che   gli   spagnoli,   anche   se   erano   repubblicani,   sempre   potevano vincere   gli   italiani”.   Questi   fatti   facilitarono   la   supremazia   politica   di   un   Franco   ambizioso   il   quale   pensava   più alla   sua   soddisfazione   personale   ed   antecedeva   i   suoi   obiettivi   personali   a   quelli   strategici   nazionali,   potendo   aver   meglio   pianificato   una   battaglia   perfettamente coordinato con le ingenti truppe del CTV e terminando quanto prima la guerra civile con la conquista di Madrid 24 . Anche   se   le   perdite   in   termini   di   vite   umane   e   di   materiale   bellico   lasciato   sul   campo   furono   ingenti,   sul   piano   militare   la tenace   e   vittoriosa   resistenza   dei   Repubblicani   non   mutò   la   situazione   tra   i   due   campi.   Giunte   a   Roma   le   notizie   e   le valutazioni    sull’umiliante    disfatta    di    Guadalajara,    i    nuovi    ordini    non    si    fecero    attendere    molto.    Il    Generale    Roatta    ed    i comandanti   delle   Divisioni   furono   destituiti   e   rimpatriati.   In   data   15   aprile   il   Generale   Bastico   fu   nominato   Capo   del   CTV   e   fu affiancato   da   ben   otto   generali   per   la   ricostruzione   del   Corpo.   Si   rafforzò   il   contingente   dei   Carabinieri   Reali   di   altre   150 militari   affinchè   potessero   espletare   a   pieno   le   loro   funzioni   di   Polizia   Militare   per   evitare   eventuali   atti   di   insubordinazione   o indisciplina.   Si   decise   infine   di   rimpatriare   tutti   coloro   che   venivano   considerati   inutili   ai   combattimenti,   presenti   in   special modo   nelle   1 a e   3 a Divisione   delle   “Camicie   Nere”   e   della   MVSN.   Il   rientro   di   2.255   feriti,   2.685   infermi   e   soprattutto   il   rimpatrio per   motivi   di   disciplinari,   di   scarsa   idoneità   fisica,   professionale   e   morale   di   3.719   uomini,   di   cui   171   ufficiali,   diede   luogo   al reintegro   di   1500   soldati   professionalmente   addestrati   e   ad   una   ristrutturazione   organica   di   uomini   e   mezzi   dell’intero contingente   del   CTV 25 .   Questo   dimostrava   che   l’Italia   intendeva   proseguire   nel   conflitto   non   come   aiuto   all’esercito   di   Franco, ma   in   qualità   di   terza   entità   belligerante   assumendosi   le   responsabilità   proprie   di   comando   a   dispetto   di   quanto   vietava   il “Patto   di   non   intervento”   di   Londra   e   che   oramai   non   aveva   alcun   potere   e   significato   geopolitico.   Il   nuovo   obiettivo   di Mussolini.   dopo   la   sconfitta   di   Guadalajara.   sarebbe   stato   quello   di   vendicare   i   morti   in   combattimento,   ora   che   gli   Italiani sarebbero stati capaci di dimostrare il loro valore in battaglia. Le Operazioni belliche a Nord della Spagna e la presa di Santander. I    nuovi   assetti   spinsero   Franco   ad   abbandonare   la   conquista   di   Madrid   e   a   ideare   una   occupazione sistematica    del    territorio    nord-orientale    della    penisola,    obbligando    a    sostituire    la    ormai    inefficace “guerra   celere”   con   operazioni   a   largo   raggio   lente   e   metodiche.      I   nazionalisti   aumentarono   le   richieste di     intervento     della     moderna     aviazione     tedesca,     denominata     “Legione     Condor”     che     riusciva     a capitalizzare   diverse   successi   militari   senza   peraltro   esporsi   ad   alcun   rischio.   La   loro   influenza   sullo Stato   Maggiore   spagnolo   accresceva   moltissimo,   a   discapito   del   riconoscimento   degli   sforzi   compiuti   sul campo    dagli    Italiani    il    cui    sangue    scorreva    ogni    giorno    sulle    aspre    montagne    cantabriche.    Il bombardamento    di    Guernica    da    parte    della    Legione    Condor    dello    spietato    Generale    Speerle    e coadiuvata    dall’Aviazione    Legionaria    italiana,    fu    uno    degli    atti    più    atroci    e    terroristici    verso    la popolazione   civile.   Inizialmente   la   propaganda   repubblicana   esagerò   il   numero   delle   vittime   portandole ad   oltre   1600,   ma   più   recentemente   un’indagine   della   nuova   Spagna   democratica   ha   stabilito   che   i   morti effettivi   potrebbero   essere   stati   soltanto   200   circa,   anche   grazie   al   fatto   che   l’affollata   piazza   del   mercato cittadino   rimase   chiusa   in   quei   giorni   per   la   troppa   vicinanza   al   fronte   bellico.   Quel   triste   eccidio   fu   per molto   tempo   taciuto   dalle   autorità   militari   nazionaliste   e   svelato   grazie   alle   cronache   dei   coraggiosi giornalisti stranieri presenti sul posto, tra i quali anche Ernst Hemingway e George Orwell. I combattimenti sugli altri fronti e gli scontri interni alla Repubblica. Ad    aggravare    la    situazione    repubblicana,    nel    maggio    del    ’37    scoppiò    a    Barcellona    una    controrivoluzione    repubblicana- stalinista   (conosciuta   come   Las   Jornadas   de   Mayo)   che   affrontò   le   forze   anarchiche   coadiuvate   dal   PUOM    (Partido   Uniòn   Obrera Marxista)   in   cinque   giornate   di   scontri   e   barricate   che   produssero   più   di   500   morti   e   un   migliaio   di   feriti   dopo   che   il   Governo repubblicano di Madrid sedò gli scontri inviando circa 10.000 uomini degli Asaltos in aiuto alla fazione Comunista e Socialista. Un   chiacchierato   incidente   aereo,   ufficialmente   causato   da   un   forte   temporale,   in   cui   perse   la   vita   il   3      giugno1937   il   Generale Mola    Vidal,    diede    a    Franco    la    possibilità    di    condurre    le    operazioni    militari    in    completa    autonomia.    Nei    primi    giorni dell’ Alzamiento ,   il   20   di   luglio   del   1936,   un'altra   figura   di   spicco   della   ribellione   nazionalista   e   vero   ispiratore   del   colpo   di   stato, il   Generale   José   Sanjurjo   Sacanell,   morì   in   un   incidente   aereo   in   Portogallo   durante   il   decollo   del   velivolo   militare   pilotato   dal colonnello   Juan   Antonio   Ansaldo,   rimasto   miracolosamente   illeso.   In   quell’incidente   le   cause   furono   imputate   all’eccessivo peso   al   decollo   dovuto   alle   pesanti   valige   del   generale   che   ostinatamente   voleva   portarsi   appresso   tutte   le   sue   ingombranti divise.   Sebbene   consigliato   dal   pilota   di   lasciare   a   terra   le   proprie   valige,   sembra   che   il   generale   Sanjurjo   replicò   seccamente dicendo che “ come futuro Caudillo di Spagna, era d’obbligo indossare abiti appropriati ”. Dopo   alcune   settimane   di   violentissimi   combattimenti   e   bombardamenti,   il   18   di   giugno   del   ’37   i   Nazionalisti   riuscirono   a conquistare   Bilbao,   mentre   le   truppe   riorganizzate   del   CTV   poterono   dimostrare   al   Duce   la   loro   audacia   e   valore   con   la battaglia   di   Puerto   Escudo,   preludio   della   resa   di   Santander   da   parte   delle   forze   repubblicane.   A   fine   dell’ottobre   del   ’37   le truppe   franchiste   completarono   la   conquista   della   regione   delle   Asturie,   mentre   i   primi   di   dicembre   le   truppe   repubblicane ottennero una vittoria per la riconquista della città di Teruel, ripresa dopo solo due mesi dall’esercito nazionalista di Franco. La resa di Barcellona e la fine della Guerra Civile con la caduta di Madrid I   combattimenti   puntarono   verso   l’ultima   zona   bagnata   dal   Mediterraneo,   per   costringere   la   capitolazione   di   Barcellona   nel frattempo   colpita   dalle   artiglierie   della   Regia   Marina   Italiana   e   dagli   incessanti   bombardamenti   aerei   sia   italiani   che   tedeschi. Nell’aprile   del   1938   le   truppe   di   Franco   raggiunsero   per   la   prima   volta   le   coste   catalane   all’altezza   di   Vinaroz.   Nell’ottobre   del ’38,   dietro   le   insistenze   delle   comunità   internazionali,   ma   anche   perché   ormai   l’esercito   di   Franco   aveva   raggiunto   una   propria autonomia   sul   vasto   territorio   iberico   conquistato,   decise   il   rimpatrio   di   oltre   10.000   uomini   del   CTV   che   da   22   mesi   stavano combattendo   in   un   paese   straniero,   lontani   dalle   proprie   famiglie.   Dopo   il   23   dicembre   del   ’38,   Franco   riorganizzò   i   propri contingenti    ed    iniziò    dal    fronte    meridionale    un    attacco    coordinato    per    impadronirsi    di    tutta    la    Catalogna.    Le    forze repubblicane,   abbandonate   da   tutti   i   volontari   sovietiche   e   dalle   Brigate   internazionali,   resistettero   strenuamente   per   più   di   4 settimane   ed   alla   fine   di   violenti   combattimenti,   le   truppe   franchiste   coadiuvate   da   contingenti   italiani   entrarono   nella   capitale catalana.    Oltre    2000.000    soldati    repubblicani    fuggirono    verso    la    Francia    che    fu    costretta    ad    internarli    in    vasti    campi    di concentramento.   Alla   fine   del   febbraio   1939   la   Francia   e   la   Gran   Bretagna,   nel   gioco   delle   diplomazie   internazionali,   scelsero   di riconoscere   ufficialmente   il   governo   del   Generale   Franco.   Madrid   nel   frattempo   rimaneva   ancora   in   mano   dei   Repubblicani   che decisero   di   resistere   nonostante   le   condizioni   nettamente   sfavorevoli   con   l’unico   scopo   di   raggiungere   una   pace   onorevole ”. Questa    resa    però    non    era    condivisa    da    tutto    il    Consiglio    per    la    Difesa    Nazionale    di    Madrid,    sfociando    in    una    inutile    e sanguinosa   contesa   tra   membri   della   stessa   fazione   che   portò   ugualmente   all’accettazione   di   una   resa   senza   condizioni imposta in data 31 marzo 1939 dall’inamovibile Franco 26 . Lo   sorte   giocò   un   ruolo   fondamentale   per   Franco   che   fu   comunque   molto   abile   a   cogliere   i   vantaggi   offerti   sul   campo:   al   principio   l“ alzamiento ”   dei   generali franchisti   si   sarebbe   dovuto   insabbiare   tra   le   dune   del   Marocco,   dato   che   la   Reale   Marina   Spagnola   non   si   prestò   a   traghettare   gli   insorti   sulle   sponde   meridionali iberiche,   ma   gli   aiuti   subito   offerti   dalla   Germania      nazista   e   dall’Italia   mussoliniana   offrirono   la   decisiva   soluzione   all’improvvisato   piano   golpista.   Altro   grave   errore da   parte   dei   Repubblicani   fu   quello   di   non   armare   immediatamente   il   popolo   delle   città   per   contrastare   la   presa   di   potere   delle   caserme   dei   militari:   nelle   città dove   gli   operai   e   gli   anarchici   affrontarono   immediatamente   le   guarnigioni   di   militari   insorti,   questi   si   arresero   senza   opporre   grande   resistenza   lasciando   il   terreno sotto   il   controllo   repubblicano.      Per   lo   stesso   motivo,   nei   capoluoghi   dove   si   credeva   che   i   militari   non   proseguissero   nel   loro   intento,   questi   effettuarono   una   dura repressione   nei   confronti   delle   autorità   cittadine.   Infine,   nei   momenti   più   cruciali   del   conflitto,   le   problematiche   insorte   a   Barcellona   e   a   Madrid   diedero   luogo   ad una    guerra    civile    nella    guerra    civile,    con    anarchici    contro    comunisti,    generando    una    profonda    confusione    e    perdite    di    vite    umane,    a    tutto    vantaggio    del Generalissimo.   Non   di   poco   conto   il   fatto   che   i   suoi   più   forti   rivali   politico   militari   perirono   in   due   diversi   incidenti   aerei,   lasciando   così   a   Franco   il   cammino   del successo libero da qualsiasi ostacolo. Tutti   gli   onori   ed   i   privilegi   andarono   al   Generalissimo   Franco,   Caudillo   della   Nuova   Spagna,   che   seppe ben   avvantaggiarsi   degli   aiuti   inviati   dall’Italia   nel   momento   di   sua   maggior   difficoltà.   Franco   fu   abile anche   a   promettere   e   non   mantenere.   Durante   la   Seconda   Guerra   Mondiale   si   dichiarò   “Paese   non belligerante”   senza   aderire   all’asse   nazi-fascista,   sostenendo   che   il   suo   esercito,   dopo   la   disastrosa guerra    civile,    necessitava    di    tempo    per    essere    completamente    riorganizzato.    Nel    1941    si    sdebitò “simbolicamente”   solo   con   Hitler,   inviando   cica   47   mila   volontari   (División   Azúl)   sul   fronte   russo   da   cui più   di   5.000   soldati   non   tornarono   più   in   Spagna,   contro   i   scarsi   300   soldati   tedeschi   caduti   durante   i   tre anni di guerra civile. Alla   fine   della   guerra   civile   spagnola   l’Italia   fascista   ci   lascia   alcune   cifre   su   cui   poter   riflettere   :   oltre 3.400   cadaveri   di   soldati   italiani   morti   in   terra   straniera,   centinaia   di   vedove   e   madri   senza   figli,   8 miliardi   e   mezzo   di   vecchie   lire,   due   milioni   di   bombe   a   mano,   105.000   fucili   per   l’impiego   di   78.800 militari,   4.000   veicoli,   11.500   tonnellate   di   esplosivo   lanciato   in   5.328   incursioni   aeree 27 .   Le   cifre   relative alla   partecipazione   nel   bando   repubblicano   sono   poche   ed   imprecise,   dovute   alla   censura   del   periodo franchista   ed   al   timore   di   dichiarare   le   identità   dei   caduti   per   evitare   le   ripercussioni   sulle   loro   famiglie. Si   calcola   comunque   che   gli   italiani   deceduti   in   aiuto   alla   Seconda   Repubblica   spagnola   siano   circa   550, la   maggior   parte   sepolti   anonimamente   in   cimiteri   locali   o   mai   trovati   o   identificati   nelle   fosse   comuni.   Tutto   questo   per   voler   dimostrare   ancora   una   volta   quale prezzo altissimo ed inutile abbia dovuto pagare l’Italia per l’orgoglio e la vanità del fascismo di Mussolini. Dobbiamo   inoltre   osservare   che   Franco,   grazie   all’appoggio   di   Hitler,   senza   l’intervento   dell’Italia,   sarebbe   stato   in   grado   di   completare   ugualmente   il   suo   colpo   di stato e concludere vittoriosamente la guerra civile. Oltre   alle   160.000   vittime   totali   del   conflitto   civile,   si   debbono   considerare   anche   le   circa   110.000   uccisioni   dovute   alla   dura   ed   indiscriminata   repressione, maggiormente   messa   in   atto   dai   franchisti,   ma   anche   da   parte   repubblicana.   Circa   400.000   persone   hanno   dovuto   trovare   esilio   all’estero   per   sfuggire   alla   spietata dittatura di Franco, durata quasi 40 anni, la più lunga nella storia moderna europea. Il Mausoleo italiano di Puerto Escudo e il Sacrario Militare italiano di Saragozza. Il   regime   di   Franco   e   il   governo   fascista   di   Mussolini   adoperavano   la   monumentalità   dei   cimiteri   di   guerra   come   mezzi propagandistici   di   coercizione   ideologica,   esaltando   il   culto   dei   martiri   per   la   Patria   e   la   capacità   di   ripetere   il   loro   gesto estremo e le cause che produssero questi eventi. Nei   pressi   di   Puerto   Escudo,   nella   regione   montuosa   cantabrica   a   circa   50   km   a   sud   di   Santander,   venne   eretto   un   mausoleo   a forma   di   piramide   in   cui   dovevano   riposare   i   corpi   di   372   soldati   italiani   caduti   cosiddetto   fronte   del   Nord.   Dei   sepolti,   268 furono    rimpatriati,    mentre    i    restanti    104    furono    traslati    nell’anno    1975    alla    Torre    Ossario    di    Saragozza 28 .    Quest’ultima costruzione    fa    parte    di    un    complesso    architettonico    adibito    a    Sacrario    Militare    e composto   da   una   chiesa   dei   Cappuccini   dedicata   a   Sant’Antonio   da   Padova   e   da   una torre   di   42   metri   (nel   progetto   originale   si   prevedeva   un’altezza   di   72   metri,   ridotta   per mancanza   di   fondi)   in   cui   vengono   custoditi   le   spoglie   di   tutti   i   caduti   nella   Guerra   di Spagna,   includendo   anche   22   italiani   della   Brigata   Internazionale.   Iniziato   nel   maggio del   1942,   il   Sacrario   fu   aperta   al   pubblico   nel   giugno   1945   in   epoca   postfascista   e gestista    dal    Ministero    della    Difesa    italiano,    affidando    il    compito    di    ricerca    e conservazione    dei    corpi    al    priore    Padre    Bergamini,    cappellano    militare    al    tempo dell’intervento militare italiano in territorio spagnolo. 29 Articolo del S.Ten. CC (R) Giuseppe Coviello Presidente della Sezione Estera UNUCI per le Isole Canarie (E) _________________________________________________ 18 Periodico ABC Sevilla – 26.02.1937 pag 9 19 Console a Siviglia, Conti, al Ministro degli Esteri, Ciano – Rapporto Segreto 854/46. Siviglia, 9 marzo 1937 20 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 131 21 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 120-122 22 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 1166-167 23 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.131 24 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 143 25 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.143-145 26 Augusto Cantarelli, I nostri nella Guerra Civile di Spagna, Editoria Privata Sassoferrato (AN), 2011, pag 110-111 27 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.334 28 Dima Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 247 29 Dima Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 262-270
Pagina  2 Clickare per tornare a pagina 1 Clickare per tornare a pagina 1
L'agente Consolare Bianchi accoglie Ciano, Ministro degli Esteri, al suo arrivo in divisa bianca all'aeroporto di Malaga.
Ufficiali del CTV in Spagna (Archivio prov. BZ, Fondo Sandri)
Soldati italiani soccorrono un ferito
Militari in rotta a Guadalajara Copertina della Domenica del Corriere del Corriere del 1937 Soldati del CTV in marcia in Spagna (Archivio prov. BZ, Fondo Sandri) Miliziani repubblicani in sfilata a Barcelona Ernst Hemingway tra i Repubblicani spagnoli Manifesto di propaganda repubblicana Miliziana Repubblicana Spagnola Manifesto per la vittoria del Generalissimo Franco Mausoleo italiano di Puerto Escudo Sacrario Militare Italiano di Saragozza
© 2019
L’Agente Consolare a Malaga, Cav. Tranquillo Bianchi. In     questo     clima     di atrocità   e   terrore,   un p   e   r   s   o   n   a   g   g   i   o       l’agente        consolare italiano        Tranquillo, mise      in      atto      una p      i      c      c      o      l      a        “Schienderlist”     tutta italiana   che   funzionò sia   con   la   Malaga   in     mano       al       “Frente Popular”,         e         sia quando      le      truppe nazionaliste presero in consegna la città dopo l’8 febbraio del ’36. Nel   periodo   repubblicano,   l’agente   consolare   Bianchi   nascose   presso   il proprio    Consolato    il    vescovo    di    Malaga    con    il    parroco    di    San    Juan. Chiamata   via   radio   un   mercantile   italiano   ( Silvia   Ticovit ),   all’alba   del   20 settembre   del   ’36,   di   nascosto,   fece   traghettare   a   Tangeri   l’alto   prelato accompagnato   dal   monsignore   di   San   Juan   e   da   altri   fedeli   9   tra   i   quali anche   dei   familiari   del   generale   Queipo   de   Llano),   evitando   cosi’   il   loro sequestro e deportazione da parte di bande armate repubblicane 18 . Anche   dopo   la   consegna   di   Malaga,   durante   le   efferate   operazioni   di limpieza ”     compiuta     dai     Nazionalisti,     grazie     alle     sue     personali conoscenze    e    forte    della    gratitudine    guadagnata    con    la    fuga    del Vescovo,    riuscì    ad    intercedere    con    le    autorità militari    e    a    salvare centinaia    di    abitanti    di    Malaga    arrestati    e    condannati    a    morte    dai tribunali militari di occupazione. Il   seguente   Rapporto   Segreto   del   Console   di   Siviglia   Conti   diretto   al Ministro    degli    Esteri    Ciano,    di    cui    si    trascrive    un    estratto,    descrive dettagliatamente   il   comportamento   eroico   dell’Agente   Consolare   Cav. Tranquillo   Bianchi   a   favore   della   popolazione   oppressa:   «    continua   in Malaga   la   repressione   di   elementi   comunisti,   posta   in   atto   su   larga   scala   e con     indiscutibile     durezza     dal     governo     nazionale.     Essa     si     fonda     su provvedimenti    che    sono    sostanzialmente    sommari,    più    per    il    sistema sbrigativo    con    cui    vengono    attuati    che    per    la    procedura,    alla    quale    la giustizia    militare    si    sforza    di    conservare    una    certa    forma    esteriore.    Gli imputati   sono   nella   grande   maggioranza   i   comunisti   attivi   ~uomini   e   donne ~che   non   hanno   potuto   abbandonare   la   città   prima   dell'occupazione   da parte   delle   truppe   nazionali   e   che   devono   rispondere   di   delitti   per   lo   più gravissimi;   vi   sono   tuttavia,   in   mezzo   a   questi,   elementi   grigi   che   sotto   la minaccia   del   terrore   si   sono   lasciati   passivamente   imporre   ed   assorbire   dal comunismo   imperante.   ..omissis….   La   condanna   a   morte   viene   inflitta   non soltanto    per    omicidio    e    violenze    ma    anche    per    atti    di    sabotaggio    e    di devastazione.   Particolarmente   severa   è   la   repressione   nei   confronti   delle Guardie    Civili    e    dei    Carabineros    (corrispondenti    alle    nostre    Guardie    di Finanza)   che   avevano   offerto   i   loro   servizi   al   regime   rosso…omissis….   In complesso,      dall'occupazione      di      Malaga      ad      oggi      le      fucilazioni ammonterebbero,   secondo   le   cifre   fornite   dal   cav.   Bianchi,   a   oltre   tremila. L'azione   svolta   da   questo   agente   consolare   per   ottenere   la   sospensione delle   esecuzioni   assorbe   praticamente   tutta   la   sua   attività   giornaliera.   Ho potuto   constatare   de   visu   la   pietosa   scena   che   si   svolge   ogni   giorno   dinanzi alla   porta   dell'albergo   ove   egli   abita:   una   folla   di   congiunti,   di   donne,   di preti   si   reca   da   lui   a   intercedere   per   i   condannati   che   debbono   essere fucilati    nella    notte    stessa    o    l'indomani.    L'intervento    del    Bianchi    ha    un carattere    più    che    altro    personale    e    privato    e    si    fonda    sull'indiscutibile prestigio   di   cui   egli   gode   presso   gli   ambienti   locali   della   Falange,   presso   i funzionari   subordinati   delle   amministrazioni   locali   e   sopratutto   presso   la popolazione    malaghegna    che    non    vede    tanto    in    lui    il    rappresentante consolare    del    governo    italiano,    quanto,    e    soprattutto,    uno    dei    primi «squadristi» del movimento nazionale in Malaga. Pieno    di    coraggio,    generoso,    irriflessivo,    sentimentalissimo,    teatrale,    il Bianchi   ha   molti   numeri   per   piacere   agli   spagnuoli   del   Sud.   …omissis… l'intervento   del   Bianchi   per   la   sospensione   delle   esecuzioni,   come   ho   potuto constatare   personalmente,   si   svolge   per   lo   più   in   questo   modo:   Bianchi~ che   ha   ingresso   libero   in   tutte   le   prigioni   di   Malaga   ~   si   reca   nelle   sezioni dei   condannati   a   morte   con   una   lista   di   nomi   fornitagli   dai   suoi   numerosi postulanti   e   sovente   basta   un   breve   colloquio   col   vice   direttore   di   turno   per ottenere    la    provvisoria    sospensione    dell'esecuzione.    Nella    notte    del    6 corrente,   per   esempio,   uno   dei   suoi   protetti   ~   per   il   quale   egli   aveva   già ottenuto   la   sospensione   della   pena   ~essendo   stato   fucilato   cinque   minuti prima,   Bianchi   ha   potuto   ottenere   in   cambio   la   vita   di   altri   due   comunisti, scelti    a    caso,    che    si    trovavano    già    letteralmente    dinanzi    al    plotone d'esecuzione.    Per    quest'ultima    «variazione»    è    bastato    il    consenso    del comandante   del   plotone   stesso.   L'indomani   i   fatti   vengono   dai   funzionari subalterni   segnalati   ai   superiori,   attraverso   la   lenta   e   ancora   disordinata burocrazia    giudiziaria,    mentre    i    condannati    passano    ad    altro    carcere, perpetuando   di   fatto   la   loro   situazione   alquanto   incerta   di   «sospesi   a   titolo provvisorio» dall'esecuzione. Come    l'Eccellenza    Vostra    comprende,    questa    azione    del    Bianchi    non appoggia   tanto   su   aderenze   di   alte   personalità   ufficiali,   che   assai   poco dimostrerebbero   di   gradire   questo   intervento   diretto   nell'esercizio   dei   loro poteri,   ma   agisce   per   contro   dal   basso   in   alto,   penetrando   fra   le   maglie   e agguantandosi   alle   falle   di   questo   singolarissimo   sistema   di   amministrare la   giustizia,   ora   tragicamente   e   ora   bonariamente   approssimativo.   La   verità è   che   in   questa   atmosfera   di   rivoluzione   il   valore   etico   della   vita   umana   è ridotto   al   minimo,   per   cui   anche   le   questioni   gravi   in   cui   essa   è   in   gioco, sono trattate come affari di ordinaria amministrazione. Bianchi    asserisce    che    su    tremila    condannati    a    morte    egli    è    riuscito    a sospendere      l'esecuzione      a      favore      di      oltre      quattrocento,      il      che rappresenterebbe      un      successo      veramente      notevole.      Egli      agisce principalmente   sotto   l'impulso   della   sua   schietta   emotività   sentimentale   e per     l'ambizione     di     accrescere     la     sua     popolarità.     Sarebbe     tuttavia augurabile   -   in   questo   senso   gli   ho   dato   precise   istruzioni   -   che   questi   suoi interventi   fossero   più   scrupolosamente   vagliati   per   evitare   che   essi   cadano a   favore   di   elementi   troppo   gravemente   invisi   alle   autorità   governative,   o che   comunque   non   meritano   la   protezione   fascista.   Lo   ho   anche   consigliato di    essere    più    riservato    e    di    astenersi    dal    manifestare    in    pubblico,    con esuberante   sincerità,   giudizi   che   offendono   la   suscettibilità   degli   elementi   di governo,   potrebbero   indebolire   la   sua   posizione   e   limitare   le   sue   possibilità di   movimento.   È   infatti   un   peccato   che   per   simili   imprudenze,   egli   abbia   un pò   compromesso   il   suo   ascendente,   (un   tempo   così   notevole   perché   legato a   motivi   di   riconoscenza   personale)   con   il   generale   Queipo   de   Llano.   Il   cav. Bianchi,   in   un   telegramma   direttamente   inviato   all'Eccellenza   Vostra,   ha fatto   cenno   ad   un   eventuale   pericolo   di   gravi   complicazioni   politiche   in seguito    all'eccessiva    durezza    della    repressione    e    lamenta    come    in    tale repressione    venga,    a    suo    modo    di    vedere,    coinvolta    la    responsabilità morale del governo fascista.…omissis… Quando    …    alla    pretesa    corresponsabilità    del    governo    fascista    nella repressione,    va    notato    che    a    Malaga,    dove,    fra    l'altro    non    vi    sono attualmente   che   otto   volontari   italiani,   l'opinione   pubblica   ben   sa   che   il   R. Governo    si    è    astenuto    dall'intervenire    ufficialmente    in    tale    campo    per evitare   slittamenti   d'autorità,   e   che,   se   intervento   puramente   ufficioso   e amichevole    vi    è    stato    attraverso    l'opera    personale    di    Bianchi,    esso    ha mirato a limitare gli eccessi e a consigliare la moderazione. È    mia    impressione,    in    definitiva,    che    la    repressione,    indiscutibilmente necessaria   in   profondità   sia   stata   forse   eccessiva   in   estensione.   Una   volta distrutti    tutti    i    nuclei    del    movimento    sovversivo,    credo    che    la    Spagna Nazionale    sarebbe    salva    ugualmente    se    a    Malaga    si    fucilasse    qualche centinaia    di    comunisti    di    meno,    che    domani,    sotto    un    governo    forte    e comprensivo, potrebbero venire gradualmente riassorbiti….. » 19 . Spagnoli ed Italiani Inizialmente           Franco temette        di        vedere diminuito          il          suo prestigio    militare    e    si   lamentò    con    Mussolini della   presenza   cospicua di         milizie         italiane, ribadendo    che    la    sua richiesta      di      aiuto      si limitava   solo   all’invio   di aerei,           mezzi           da trasporto,         armi         e munizioni.      Lo      stesso Franco        si        sarebbe lamentato      di      essersi ritrovato      sul      proprio territorio      un      esercito straniero,          di          cui avrebbe   fatto   volentieri a    meno.    Dopo    il    successo    di    Malaga,    il    futuro    Caudillo    dovette ricredersi,    anche    perché    la    presenza    delle    truppe    del    CTV    erano strettamente    legate    all’elargizione    di    mezzi    aerei    e    navali    concessi dall’Italia   fascista,   che   alla   primavera   del   1937   avrebbe   inviato   ben   più di   35.000   uomini   completi   di   un   Gruppo   di   artiglieria   di   vario   calibro   e di   una   unità   del   Genio.   L’aviazione   italiana   vantava   gia’   sul   campo   14 bombardieri,   27   aeri   da   caccia   e   21   da   ricognizione   con   base   sugli aeroporti    con    pista    interrata    di    Soria    e    ad    Almazàn 20 .    L’esercito spagnolo   nazionalista   non   vedeva   sempre   di   buon   occhio   la   massiccia presenza    degli    italiani    visto    talvolta    come    un    esercito    fascista    di occupazione   del   territorio   spagnolo.   La   loro   bramosia   di   ottenere   una vittoria   lampo   per   aggiungere   trionfi   ed   allori   al   Duce,   portò   a   mal giudicare   sia   l’esercito   repubblicano   come   quello   di   Franco.   Inoltre   non vi    era    da    parte    italiana    una    visione    coerente    della    situazione    reale spagnola,   senza   tenere   in   giusta   considerazione   la   particolare   geografia e   del   clima   iberico:   l’euforica   sottovalutazione   delle   capacità   belliche   del nemico   fu   un   grave   errore   che   gli   italiani   pagheranno   molto   caro   sui campi   di   battaglia   per   la   presuntuosa   conquista   di   Madrid.   Le   continue dispute    con    lo    Stato    Maggiore    spagnolo    per    imporre    i    propri    piani militari,   il   voler   essere   indipendenti   ed   autonomi   con   le   proprie   unità   di attacco   per   poter   vantare   i   propri   trionfi   da   dedicare   al   Duce   e   all’Italia fascista,   instaurarono   un   atteggiamento   di   diffidenza   e   di   fastidio   tra   le alte   gerarchie   militari   nazionaliste   spagnole.   A   livello   popolare   i   soldati italiani   venivano   derisi   per   le   loro   impeccabili   ed   eleganti   uniformi   dai camerati    spagnoli    che    chiamando    señoritos     a    passeggio    sul    suolo spagnolo”.   I   militari   fascisti   erano   continuamente   canzonati   per   i   loro “pennacchi”,   per   le   loro   vistose   divise   indossate   con   quell’aria   sfarzosa di   conquistatori   e   per   lo   spruzzarsi   continuamente   acqua   di   colonia.   I commilitoni     spagnoli     invidiosi     del     loro     elegante     portamento     si domandavano:   “Ma   dove   si   è   visto   mai   un   soldato   improfumato   ?!“.   Le condizioni   dei   militari   spagnoli,   sia   nazionalisti   che   repubblicani,   erano molto   misere   e   non   era   raro   incontrarli   mezzi   scalzi   o   con   la   suola   delle scarpe   fatta   con   le   coperture   dei   pneumatici   dei   camion   e   ritagliate   a mo’   di   ciabatte   imbracciando   degli   enormi   ed   antichi   vecchi   moschetti. Tutto   ciò   cozzava   con   l’impeccabilità   del   vestiario   degli   italiani,   nonché delle   loro   colonne   motorizzate   e   degli   equipaggiamenti   moderni   che   li faceva     risaltare     sulle     arretrate     e     povere     condizioni     dell’esercito nazionalista.   Nonostante   le   goliardiche   dicerie,   per   molti   spagnoli   gli italiani   venivano   considerati   come   gente   molto   educata,   corretta   ed impeccabile   nel   tratto   e   nel   comportamento   con   gli   abitanti   delle   zone che   attraversavano,   raggiungendo   ad   alti   livelli   di   fraternizzazione   con la   popolazione   civile.   Con   le   donne   erano   presuntuosi   ed   altezzosi   e furono   numerosi   i   casi   di   cuori   infranti   a   cui   seguirono   gravidanze   di donne   nubili,   la   cui   unica   colpa   era   quella   di   aver   creduto   alle   facili promesse   di   questi   italiani   incantatori.   È   da   dire   che   però   molti   di   loro furono    di    parola    e    alla    fine    della    guerra    rimasero    in    Spagna    per formare   la   loro   propria   famiglia   e   per   trovare   un   lavoro   onesto:   a   prova di   ciò   sono   i   cognomi   italiani   che   si   possono   incontrare   sulla   penisola iberica    e    che    provengono    da    quei    matrimoni    misti    che    seppero trasmettere    ai    loro    figli    e    nipoti    i    ricordi    delle    prodezze    militari    in Spagna     ed     il     loro     legame     con     la     lontana     Italia.          Purtroppo     si registrarono   tra   la p   o   p   o   l   a   z   i   o   n   e     anche        atti        di abusi,   prepotenze ed    atti    vandalici, per    lo    più    dovuti alla    presenza    tra le    file    dei    fascisti di         molti         ex- detenuti        e        di gente              senza scrupoli 21 . Il contrabbando di aiuti italiani alla causa repubblicana spagnola Un   aspetto   controverso   della   politica   italiana   nel   periodo   del   conflitto spagnolo   fu   l’interessata   tolleranza   da   parte   del   Governo   fascista   al commercio   di   mercanzie   e   prodotti   italiani   con   la   parte   repubblicana. Questo   traffico   di   materiali   non   esisteva   ufficialmente,   ma   questo   non significava   che   non   accadeva   con   una   certa   regolarità.   Il   contrabbando di   materie   prime   per   l’industria,   elementi   e   parti   per   l’industria   bellica, farine,   zucchero,   rappresentava   una   fonte   di   guadagno   per   la   piccola   e media    borghesia    strettamente    legata    al    fascismo    e    all’idea    di    una egemonia      sì      militare,      ma      anche      economica      sull’intera      area mediterranea,   considerata   come   una   zona   di   pertinenza   più   o   meno esclusiva.   Si   giustificava   che   l’invio   di   mercantili   sui   porti   repubblicani, oltre     che     poter     acquisire     informazioni     sull’organizzazione     bellica, servisse   anche   da   via   di   fuga   via   mare   per   i   profughi   scampati   alla repressione repubblicana, protetti dalla Regia Marina Militare italiana. È   però   pur   vero   che   la   maggior   parte   di   questo   commercio   clandestino avveniva   tramite   la   Francia,   utilizzando   i   porti   francesi   di   Marsiglia   o   le vie     di     collegamento     attraverso     i     Pirenei.     L’ufficiosità     di     questo contrabbando   “assistito”   viene   confermata   da   delle   note   ed   istruzioni del    Ministero    delle    Comunicazioni    con    cui    si    consigliava    alle    navi italiane    che    potenzialmente    commerciavano    con    la    Repubblica    di Spagna,    di    evitare    lo    scalo    marittimo    di    Marsiglia    dove    i    controlli venivano eseguiti con più frequenza ed attenzione 22 . La disastrosa battaglia di Guadalajara Nel   marzo   del ’37     le     truppe nazionaliste   di F    r    a    n    c    o        s      u      l      l      a        c   o   n   q   u   i   s   t   a     della     capitale e    decisero    di farlo    da    Nord attraverso      la d   i   r   e   t   t   r   i   c   e     M    a    d    r    i    d    -   affidando    alle    truppe    del    CTV    il    settore    Nordest    di    Guadaljara.    Il comandante   in   capo   delle   forze   italiane   era   il   Generale   Mario   Roatta, mentre   al   Generale   Bergonzoli   venne   dato   il   comando   delle   truppe impiegate   nell’operazione   disponendo   di   un   totale   di   circa   oltre   35.000 uomini   (la   maggior   parte   composta   da   miliziani   fascisti),   4   squadroni dei    carri    leggeri    da    combattimento    Fiat    Ansaldo,    160    cannoni    di artiglieria,     1500     camione     4     stormi     di     caccia     Fiat     CR32     per     un complessivo   di   80   apparecchi   rischierati   sugli   aeroporti   di   Soria   e   di Amazàn 23 .   Per   i   generali   italiani   sarebbe   stata   questa   un’imperdibile occasione    per    dimostrare    agli    antiquati    generali    spagnoli    di    come potessero   le   nuove   tattiche   di   guerra   veloce,   unite   al   il   valore   delle milizie   fasciste,   ottenere   una   vittoria   rapida,   facile   e   sicura,   come   quella di   Malaga.   La   baldanzosa   sicurezza   dello   Stato   Maggiore   italiano   era basata   su   erronee   analisi   e   valutazioni   tratte   dalle   battaglie   di   Malaga, dove    il    nemico    abbondonò    il    territorio    senza    ingaggiare    una    vera battaglia    in    campo    aperto.    Inoltre    l’impazienza    di    voler    finalmente dimostrare   il   valore   ed   il   potere   di   impatto   dei   propri   Reparti   (in   realtà carenti   di   ufficiali   e   militari   professionali   adeguatamente   addestrati)     non   diede   la   possibilità   ai   servizi   di   intelligence   italiani   di   ottenere   le corrette           informazioni           sulle potenzialità    belliche    del    nemico    , che   contava   già   dell’appoggio   delle Brigate   Internazionali   e   Miste      (tra cui   la   Brigata   Garibaldi   formata   da volontari    antifascisti    italiani)    e    di un’efficiente   aviazione   repubblicana dotata   dei   velivoli   da   guerra   russi. Le               pessime               condizioni meteorologiche        di        quell’inizio marzo,                            penalizzarono ulteriormente    le    truppe    del    CTV, che   ancora   vestivano   delle   uniformi di       tela       inadeguate       al       clima invernale    degli    altopiani    iberici.    Il giorno   prima   della   battaglia,   il   7   di marzo,    il    tempo    veniva    descritto come   pessimo,   con   neve,   pioggia   e forti   raffiche   di   vento.   Da   giorni   le   truppe   si   lamentavano   che   non ricevevano   un   pasto   caldo.   Molte   unità   avevano   trascorso   diversi   giorni immobilizzati   sui   propri   mezzi   al   lato   della   strada   impercorribile   senza guanti    di    lana    o    passamontagna.    La    mattina    dell’8    marzo    del    ’36 l’artiglieria   italiana   iniziò   il   combattimento   con   il   martellamento   delle postazioni   repubblicane.   L’aviazione   italiana   non   poté   essere   impiegata per   la   impraticabilità   delle   piste   in   terra   battuta,   cosa   che   invece   non accadde   per   quella   repubblicana,   rischierata   in   aeroporti   più   attrezzati da    dove    decollarono    senza    difficoltà,    trasformandosi    in    una    carta vincente   per   l’esercito   lealista.   Quando   l’isteria   della   “Guerra   Celere”   si manifestò   con   gli   ordini   di   lanciarsi   con   i   blindati   contro   le   postazioni nemiche,   il   CTV   rimase   distanziato   dalle   truppe   spagnole   che   dovevano affrontare   sull’unica   strada   di   avanzamento   una   nebbia   ghiacciante   con una   visibilità   di   circa   cento   metri,   tra   cunette   e   buche   nella   strada   e   i campi    adiacenti    pieni    di    fango    e    neve    che    erano    difficoltose    da attraversare    persino    a    piedi.    Nonostante    le    difficoltà    del    tempo,    il fronte   nazionalista   avanzò   di   circa   10   kilometri.   Le   forze   repubblicane dimostrarono   una   efficiente   coordinazione   e   riuscirono   il   12   marzo   a bloccare   la   celere   avanzata   fascista   sottomettendola   ad   una   durissima condizione            di   Le   comunicazioni tra      il      distante Q    u    a    r    t    i    e    r      Generale,     a     80 km   dalla   zona   di o   p   e   a   z   i   o   n   e   ,     e       r       a       n       o         compromesse     e ritardavano        gli ordini                   di   a   volte   fraintesi.   Fu   un   caos   totale   che   durò   fino   al   giorno   18   quando Roata   ordino   a   Bergonzoli   di   dare   l’ordine   di   ritirata.   Fu   un   caos   totale:   i primi    mezzi    di    sfondamento    dovettero    invertire    la    propria    marcia trovandosi   bloccati   ed   intrappolati   dalle   colonne   retrostanti   che   invece continuavano   ad   avanzare.   Gli   aerei   russi   iniziarono   a   bersagliare   le colonne   italiane   in   difficoltà   di   movimento   ed   a   mitragliare   i   militari   che non   potevano   trovare   rifugio   sulle   desolate   distese   dell’altopiano.   Alla fine   della   battaglia   le   cifre   ufficiali   parlavano   di   340   soldati   e   37   ufficiali uccisi   in   combattimento,   circa   2000   feriti   e   600   dispersi,   mentre   tra   le truppe nazionaliste spagnole non si registrarono perdite. Con   la   sconfitta   emersero   pesanti   interrogativi   sull’efficienza   del   CTV   e le   spiegazioni   fornite   andavano   dallo   scarso   propensione   di   andare   in battaglia   di   numerosi   “padri   di   famiglia”   dai   capelli   grigi   arruolatisi   per lo   stipendio   allettante,   ai   giovani   volontari   inesperti   e   non   addestrati   al combattimento,     all’inettitudine     di     numerosi     ufficiali     inferiori     che riceverono   i   loro   gradi   in   base   alle   loro   pregresse   e   non   utili   esperienze politiche   e   lavorative.   Va   detto,   inoltre,   che   grazie   alle   difficili   condizioni ambientali   in   cui   il   CTV   si   trovò   a   Guadalajara,   molti   volontari   giunti   in Spagna,   ingannati   o   non,   per   lavorare   come   coloni,   per   farsi   esonerare dalla   battaglia,   accusavano   malattie   croniche   che   stranamente   all’atto dell’arruolamento   non   venivano   dichiarate.   Non   furono   rari   gli   episodi di autolesionismo al fine di procurarsi un’invalidità al combattimento. La    battaglia    di    Guadalajara    segnò    un    passaggio    importante    per l’intervento   fascista   in   Spagna   e   fu   il   luogo   in   cui   gli   italiani   dei   due bandi   opposti   si   affrontarono   direttamente   sui   campi   di   battaglia,   con   il celebre    episodio    in    cui    delle    truppe    fasciste,    sentendo    parlare    in italiano,   confusero   una   pattuglia   di   ricognizione   della   Brigata   Garibaldi per    dei    soldati    della    Divisione    “Littorio”.    In    un’imboscata    le    milizie fasciste   si   trincerarono   nel   cascinale   Ibarra   dove   il   Luigi   Longo   (futuro senatore     del     PCI)     con     degli     megafoni     esortò     i     connazionali     ad arrendersi   con   le   seguenti   testuali   parole   “Fratelli,   perché   siete   venuti   in terra   straniera   ad   assassinare   dei   lavoratori?” .   Nonostante   gli   inviti   dei connazionali   garibaldini,   i   fascisti   non   si   arresero   e   furono   uccisi   in   un aspro   e   duro   combattimento   tra   uomini   che   combattevano   inutilmente per degli ideali diversi, ma per una stessa Patria. Si    dice    che    dopo    la    sconfitta    italiana,    molti    membri    dello    Stato Maggiore    di    Franco    brindarono    alla    vittoria    repubblicana,    visto    che avevano    dimostrato”    che    gli    spagnoli,    anche    se    erano    repubblicani, sempre    potevano    vincere    gli    italiani”.    Questi    fatti    facilitarono    la supremazia   politica   di   un   Franco   ambizioso   il   quale   pensava   più   alla sua   soddisfazione   personale   ed   antecedeva   i   suoi   obiettivi   personali   a quelli   strategici   nazionali,   potendo   aver   meglio   pianificato   una   battaglia perfettamente   coordinato   con   le   ingenti   truppe   del   CTV   e   terminando quanto prima la guerra civile con la conquista di Madrid 24 . Anche   se   le   perdite   in   termini   di   vite   umane   e   di   materiale   bellico lasciato    sul    campo    furono    ingenti,    sul    piano    militare    la    tenace    e vittoriosa   resistenza   dei   Repubblicani   non   mutò   la   situazione   tra   i   due campi.   Giunte   a   Roma   le   notizie   e   le   valutazioni   sull’umiliante   disfatta   di Guadalajara,   i   nuovi   ordini   non   si   fecero   attendere   molto.   Il   Generale Roatta   ed   i   comandanti   delle   Divisioni   furono   destituiti   e   rimpatriati.   In data    15    aprile    il    Generale    Bastico    fu    nominato    Capo    del    CTV    e    fu affiancato    da    ben    otto    generali    per    la    ricostruzione    del    Corpo.    Si rafforzò   il   contingente   dei   Carabinieri   Reali   di   altre   150   militari   affinchè potessero    espletare    a    pieno    le    loro    funzioni    di    Polizia    Militare    per evitare   eventuali   atti   di   insubordinazione   o   indisciplina.   Si   decise   infine di     rimpatriare     tutti     coloro     che     venivano     considerati     inutili     ai combattimenti,   presenti   in   special   modo   nelle   1 a e   3 a Divisione   delle “Camicie   Nere”   e   della   MVSN.   Il   rientro   di   2.255   feriti,   2.685   infermi   e soprattutto    il    rimpatrio    per    motivi    di    disciplinari,    di    scarsa    idoneità fisica,   professionale   e   morale   di   3.719   uomini,   di   cui   171   ufficiali,   diede luogo   al   reintegro   di   1500   soldati   professionalmente   addestrati   e   ad una   ristrutturazione   organica   di   uomini   e   mezzi   dell’intero   contingente del    CTV 25 .    Questo    dimostrava    che    l’Italia    intendeva    proseguire    nel conflitto        non        come        aiuto all’esercito     di     Franco,     ma     in qualità          di          terza          entità belligerante       assumendosi       le responsabilità          proprie          di comando    a    dispetto    di    quanto vietava       il       “Patto       di       non intervento”     di     Londra     e     che oramai   non   aveva   alcun   potere   e significato    geopolitico.    Il    nuovo obiettivo    di    Mussolini.    dopo    la sconfitta   di   Guadalajara.   sarebbe stato   quello   di   vendicare   i   morti in    combattimento,    ora    che    gli Italiani   sarebbero   stati   capaci   di dimostrare      il      loro      valore      in battaglia. Le Operazioni belliche a Nord della Spagna e la presa di Santander. I    nuovi   assetti   spinsero   Franco   ad   abbandonare   la   conquista   di   Madrid e   a   ideare   una   occupazione   sistematica   del   territorio   nord-orientale della    penisola,    obbligando    a    sostituire    la    ormai    inefficace    “guerra celere”   con   operazioni   a   largo   raggio   lente   e   metodiche.      I   nazionalisti aumentarono     le     richieste     di     intervento     della     moderna     aviazione tedesca,    denominata    “Legione    Condor”    che    riusciva    a    capitalizzare diverse   successi   militari   senza   peraltro   esporsi   ad   alcun   rischio.   La   loro influenza    sullo    Stato    Maggiore    spagnolo    accresceva    moltissimo,    a discapito    del    riconoscimento    degli    sforzi    compiuti    sul    campo    dagli Italiani    il    cui    sangue    scorreva    ogni    giorno    sulle    aspre    montagne cantabriche.    Il    bombardamento    di    Guernica    da    parte    della    Legione Condor    dello    spietato    Generale    Speerle    e    coadiuvata    dall’Aviazione Legionaria   italiana,   fu   uno   degli   atti   più   atroci   e   terroristici   verso   la popolazione   civile.   Inizialmente   la   propaganda   repubblicana   esagerò   il numero   delle   vittime   portandole   ad   oltre   1600,   ma   più   recentemente un’indagine   della   nuova   Spagna   democratica   ha   stabilito   che   i   morti effettivi   potrebbero   essere   stati   soltanto   200   circa,   anche   grazie   al   fatto che   l’affollata   piazza   del   mercato   cittadino   rimase   chiusa   in   quei   giorni per   la   troppa   vicinanza   al   fronte   bellico.   Quel   triste   eccidio   fu   per   molto tempo   taciuto   dalle   autorità   militari   nazionaliste   e   svelato   grazie   alle cronache    dei    coraggiosi    giornalisti    stranieri    presenti    sul    posto,    tra    i quali anche Ernst Hemingway e George Orwell. I     combattimenti     sugli     altri     fronti     e     gli     scontri     interni     alla Repubblica. Ad        aggravare        la s    i    t    u    a    z    i    o    n    e      repubblicana,         nel maggio        del        ’37 scoppiò   a   Barcellona u                 n                 a                     e   p   u   b   b   l   i   c   a   n   a   - stalinista   (conosciuta come     Las     Jornadas de          Mayo)          che affrontò       le       forze a    n    a    r    c    h    i    c    h    e      coadiuvate   dal   PUOM    (Partido   Uniòn   Obrera   Marxista)   in   cinque   giornate di   scontri   e   barricate   che   produssero   più   di   500   morti   e   un   migliaio   di feriti    dopo    che    il    Governo    repubblicano    di    Madrid    sedò    gli    scontri inviando    circa    10.000    uomini    degli    Asaltos    in    aiuto    alla    fazione Comunista e Socialista. Un   chiacchierato   incidente   aereo,   ufficialmente   causato   da   un   forte temporale,   in   cui   perse   la   vita   il   3      giugno1937   il   Generale   Mola   Vidal, diede    a    Franco    la    possibilità    di    condurre    le    operazioni    militari    in completa   autonomia.   Nei   primi   giorni   dell’ Alzamiento ,   il   20   di   luglio   del 1936,    un'altra    figura    di    spicco    della    ribellione    nazionalista    e    vero ispiratore   del   colpo   di   stato,   il   Generale   José   Sanjurjo   Sacanell,   morì   in un   incidente   aereo   in   Portogallo   durante   il   decollo   del   velivolo   militare pilotato   dal   colonnello   Juan   Antonio   Ansaldo,   rimasto   miracolosamente illeso.   In   quell’incidente   le   cause   furono   imputate   all’eccessivo   peso   al decollo    dovuto    alle    pesanti    valige    del    generale    che    ostinatamente voleva    portarsi    appresso    tutte    le    sue    ingombranti    divise.    Sebbene consigliato   dal   pilota   di   lasciare   a   terra   le   proprie   valige,   sembra   che   il generale   Sanjurjo   replicò   seccamente   dicendo   che   come   futuro   Caudillo di Spagna, era d’obbligo indossare abiti appropriati ”. Dopo       alcune       settimane       di       violentissimi       combattimenti       e bombardamenti,   il   18   di   giugno del   ’37   i   Nazionalisti   riuscirono   a conquistare     Bilbao,     mentre     le truppe     riorganizzate     del     CTV poterono   dimostrare   al   Duce   la loro     audacia     e     valore     con     la battaglia      di      Puerto      Escudo, preludio   della   resa   di   Santander da           parte           delle           forze repubblicane.   A   fine   dell’ottobre del     ’37     le     truppe     franchiste completarono   la   conquista   della regione    delle    Asturie,    mentre    i primi     di     dicembre     le     truppe repubblicane       ottennero       una vittoria    per    la    riconquista    della città   di   Teruel,   ripresa   dopo   solo due mesi dall’esercito nazionalista di Franco. La   resa   di   Barcellona   e   la   fine   della   Guerra   Civile   con   la   caduta   di Madrid I      combattimenti      puntarono      verso      l’ultima      zona      bagnata      dal Mediterraneo,     per     costringere     la     capitolazione     di     Barcellona     nel frattempo   colpita   dalle   artiglierie   della   Regia   Marina   Italiana   e   dagli incessanti   bombardamenti   aerei   sia   italiani   che   tedeschi.   Nell’aprile   del 1938    le    truppe    di    Franco    raggiunsero    per    la    prima    volta    le    coste catalane   all’altezza   di   Vinaroz.   Nell’ottobre   del   ’38,   dietro   le   insistenze delle    comunità    internazionali,    ma    anche    perché    ormai    l’esercito    di Franco    aveva    raggiunto    una    propria    autonomia    sul    vasto    territorio iberico   conquistato,   decise   il   rimpatrio   di   oltre   10.000   uomini   del   CTV che   da   22   mesi   stavano   combattendo   in   un   paese   straniero,   lontani dalle   proprie   famiglie.   Dopo   il   23   dicembre   del   ’38,   Franco   riorganizzò   i propri     contingenti     ed     iniziò     dal     fronte     meridionale     un     attacco coordinato     per     impadronirsi     di     tutta     la     Catalogna.     Le     forze repubblicane,   abbandonate   da   tutti   i   volontari   sovietiche   e   dalle   Brigate internazionali,   resistettero   strenuamente   per   più   di   4   settimane   ed   alla fine    di    violenti    combattimenti,    le    truppe    franchiste    coadiuvate    da contingenti   italiani   entrarono   nella   capitale   catalana.   Oltre   2000.000 soldati    repubblicani    fuggirono    verso    la    Francia    che    fu    costretta    ad internarli   in   vasti   campi   di   concentramento.   Alla   fine   del   febbraio   1939 la   Francia   e   la   Gran   Bretagna,   nel   gioco   delle   diplomazie   internazionali, scelsero              di              riconoscere ufficialmente       il       governo       del Generale       Franco.       Madrid       nel frattempo      rimaneva      ancora      in mano        dei        Repubblicani        che decisero   di   resistere   nonostante   le condizioni    nettamente    sfavorevoli con    l’unico    scopo    di    raggiungere una   pace   onorevole ”.   Questa   resa però   non   era   condivisa   da   tutto   il Consiglio   per   la   Difesa   Nazionale   di Madrid,   sfociando   in   una   inutile   e sanguinosa     contesa     tra     membri della     stessa     fazione     che     portò ugualmente   all’accettazione   di   una resa    senza    condizioni    imposta    in data            31            marzo            1939 dall’inamovibile Franco 26 . Lo   sorte   giocò   un   ruolo   fondamentale   per   Franco   che   fu   comunque molto    abile    a    cogliere    i    vantaggi    offerti    sul    campo:    al    principio l“ alzamiento ”   dei   generali   franchisti   si   sarebbe   dovuto   insabbiare   tra   le dune   del   Marocco,   dato   che   la   Reale   Marina   Spagnola   non   si   prestò   a traghettare   gli   insorti   sulle   sponde   meridionali   iberiche,   ma   gli   aiuti subito     offerti     dalla     Germania          nazista     e     dall’Italia     mussoliniana offrirono    la    decisiva    soluzione    all’improvvisato    piano    golpista.    Altro grave    errore    da    parte    dei    Repubblicani    fu    quello    di    non    armare immediatamente   il   popolo   delle   città   per   contrastare   la   presa   di   potere delle    caserme    dei    militari:    nelle    città    dove    gli    operai    e    gli    anarchici affrontarono   immediatamente   le   guarnigioni   di   militari   insorti,   questi   si arresero   senza   opporre   grande   resistenza   lasciando   il   terreno   sotto   il controllo   repubblicano.      Per   lo   stesso   motivo,   nei   capoluoghi   dove   si credeva    che    i    militari    non    proseguissero    nel    loro    intento,    questi effettuarono     una     dura     repressione     nei     confronti     delle     autorità cittadine.   Infine,   nei   momenti   più   cruciali   del   conflitto,   le   problematiche insorte   a   Barcellona   e   a   Madrid   diedero   luogo   ad   una   guerra   civile   nella guerra   civile,   con   anarchici   contro   comunisti,   generando   una   profonda confusione     e     perdite     di     vite     umane,     a     tutto     vantaggio     del Generalissimo.    Non    di    poco    conto    il    fatto    che    i    suoi    più    forti    rivali politico   militari   perirono   in   due   diversi   incidenti   aerei,   lasciando   così   a Franco il cammino del successo libero da qualsiasi ostacolo. Tutti   gli   onori   ed   i   privilegi   andarono   al   Generalissimo   Franco,   Caudillo della   Nuova   Spagna,   che   seppe   ben   avvantaggiarsi   degli   aiuti   inviati dall’Italia   nel   momento   di   sua   maggior   difficoltà.   Franco   fu   abile   anche a   promettere   e   non   mantenere.   Durante   la   Seconda   Guerra   Mondiale   si dichiarò   “Paese   non   belligerante”   senza   aderire   all’asse   nazi-fascista, sostenendo    che    il    suo    esercito,    dopo    la    disastrosa    guerra    civile, necessitava    di    tempo    per    essere    completamente    riorganizzato.    Nel 1941   si   sdebitò   “simbolicamente”   solo   con   Hitler,   inviando   cica   47   mila volontari   (División   Azúl)   sul   fronte   russo   da   cui   più   di   5.000   soldati   non tornarono   più   in   Spagna,   contro   i   scarsi   300   soldati   tedeschi   caduti durante      i      tre anni     di     guerra civile. Alla     fine     della guerra          civile spagnola    l’Italia fascista   ci   lascia alcune    cifre    su cui                poter riflettere    :    oltre 3.400      cadaveri di               soldati italiani    morti    in terra     straniera, centinaia           di vedove   e   madri   senza   figli,   8   miliardi   e   mezzo   di   vecchie   lire,   due   milioni di   bombe   a   mano,   105.000   fucili   per   l’impiego   di   78.800   militari,   4.000 veicoli,    11.500    tonnellate    di    esplosivo    lanciato    in    5.328    incursioni aeree 27 .   Le   cifre   relative   alla   partecipazione   nel   bando   repubblicano sono   poche   ed   imprecise,   dovute   alla   censura   del   periodo   franchista   ed al   timore   di   dichiarare   le   identità   dei   caduti   per   evitare   le   ripercussioni sulle   loro   famiglie.   Si   calcola   comunque   che   gli   italiani   deceduti   in   aiuto alla   Seconda   Repubblica   spagnola   siano   circa   550,   la   maggior   parte sepolti   anonimamente   in   cimiteri   locali   o   mai   trovati   o   identificati   nelle fosse    comuni.    Tutto    questo    per    voler    dimostrare    ancora    una    volta quale    prezzo    altissimo    ed    inutile    abbia    dovuto    pagare    l’Italia    per l’orgoglio e la vanità del fascismo di Mussolini. Dobbiamo   inoltre   osservare   che   Franco,   grazie   all’appoggio   di   Hitler, senza    l’intervento    dell’Italia,    sarebbe    stato    in    grado    di    completare ugualmente   il   suo   colpo   di   stato   e   concludere   vittoriosamente   la   guerra civile. Oltre     alle     160.000     vittime     totali     del     conflitto     civile,     si     debbono considerare    anche    le    circa    110.000    uccisioni    dovute    alla    dura    ed indiscriminata   repressione,   maggiormente   messa   in   atto   dai   franchisti, ma   anche   da   parte   repubblicana.   Circa   400.000   persone   hanno   dovuto trovare   esilio   all’estero   per   sfuggire   alla   spietata   dittatura   di   Franco, durata quasi 40 anni, la più lunga nella storia moderna europea. Il   Mausoleo   italiano   di   Puerto   Escudo   e   il   Sacrario   Militare   italiano di Saragozza. Il   regime   di   Franco   e   il   governo   fascista di          Mussolini          adoperavano          la monumentalità    dei    cimiteri    di    guerra come         mezzi         propagandistici         di coercizione   ideologica,   esaltando   il   culto dei   martiri   per   la   Patria   e   la   capacità   di ripetere   il   loro   gesto   estremo   e   le   cause che produssero questi eventi. Nei     pressi     di     Puerto     Escudo,     nella regione   montuosa   cantabrica   a   circa   50 km   a   sud   di   Santander,   venne   eretto   un mausoleo    a    forma    di    piramide    in    cui dovevano   riposare   i   corpi   di   372   soldati   italiani   caduti   cosiddetto   fronte del    Nord.    Dei    sepolti,    268    furono    rimpatriati,    mentre    i    restanti    104 furono    traslati    nell’anno    1975    alla    Torre    Ossario    di    Saragozza 28 . Quest’ultima    costruzione    fa    parte    di    un    complesso    architettonico adibito   a   Sacrario   Militare   e   composto   da   una   chiesa   dei   Cappuccini dedicata   a   Sant’Antonio   da   Padova   e   da   una   torre   di   42   metri   (nel progetto    originale    si    prevedeva    un’altezza    di    72    metri,    ridotta    per mancanza   di   fondi)   in   cui   vengono   custoditi   le   spoglie   di   tutti   i   caduti nella    Guerra    di    Spagna,    includendo    anche    22    italiani    della    Brigata Internazionale.         Iniziato         nel maggio    del    1942,    il    Sacrario    fu aperta    al    pubblico    nel    giugno 1945     in     epoca     postfascista     e gestista      dal      Ministero      della Difesa       italiano,       affidando       il compito           di           ricerca           e conservazione   dei   corpi   al   priore Padre       Bergamini,       cappellano militare   al   tempo   dell’intervento militare      italiano      in      territorio spagnolo. 29 Articolo del S.Ten. CC (R) Giuseppe Coviello Rappresentante della Sezione Estera UNUCI per le Isole Canarie (E) _________________________________________________ 18 Periodico ABC Sevilla – 26.02.1937 pag 9 19 Console a Siviglia, Conti, al Ministro degli Esteri, Ciano – Rapporto Segreto 854/46. Siviglia, 9 marzo 1937 20 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 131 21 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 120-122 22 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 1166-167 23 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.131 24 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 143 25 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.143-145 26 Augusto Cantarelli, I nostri nella Guerra Civile di Spagna, Editoria Privata Sassoferrato (AN), 2011, pag 110-111 27 Javier Rodrigo, La Guerra fascista, Alianza Editorial, Madrid, 2016, pag.334 28 Dima Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 247 29 Dima Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 262-270
Pagina  2 Clickare per tornare a pagina 1 Clickare per tornare a pagina 1
L'agente Consolare Bianchi accoglie Ciano, Ministro degli Esteri, al suo arrivo in divisa bianca all'aeroporto di Malaga.
Ufficiali del CTV in Spagna (Archivio prov. BZ, Fondo Sandri)
Soldati italiani soccorrono un ferito
Militari in rotta a Guadalajara Copertina della Domenica del Corriere del Corriere del 1937 Soldati del CTV in marcia in Spagna (Archivio prov. BZ, Fondo Sandri) Miliziani repubblicani in sfilata a Barcelona Ernst Hemingway tra i Repubblicani spagnoli Miliziana Repubblicana Spagnola Manifesto per la vittoria del Generalissimo Franco Mausoleo italiano di Puerto Escudo Sacrario Militare Italiano di Saragozza Manifesto di propaganda repubblicana