M.A.V.M. 1° Cap. g. cpl Tranquillo BIANCHI, nato a Sormano (Como) 20 ottobre 1892 e 

deceduto a Moreno (Argentina) il 12 luglio 1964

   venne   colpito   ed   abbattuto         davanti   ai   propri   soldati   che   si   trovarono   allo   sbaraglio   sotto   il   tiro   micidiale   di   una   postazione   di mitragliatrice   austriaca.   Anche   se   si   trovava   sul   luogo   di   battaglia   con   altri   incarichi,   Il   S.Ten.   Bianchi,   con   un   impeto   di   ira,   dopo aver   estratto   la   propria   pistola,   saltò   fuori   dalla   trincea   e   si   pose   alla   testa   dei   soldati   distanti   solo   una   ventina   di   passi   e   urlò   Avanti,   ragazzi,   Savoia!   “   I   fanti   al   suo   grido   si   rianimarono      e   si   lanciarono   contro   il   nemico.   Con   un   balzo   raggiunsero   la   quota 170   e   sorpresero   la   postazione   austriaca   che   si   stava   riparando   dal   fuoco   della   artiglieria   italiana.   Sorpresa   dall’improvvisa apparizione   dei   soldati   nemici   e   ancor   più   dalla   voce   dell’eroico   Ufficiale   italiano   che   con   una   perfetta   pronuncia   tedesca intimava   loro   di   arrendersi,   dalla   postazione   austriaca   immediatamente   uscì   un   capitano   ungherese   con   la   bandiera   bianca seguito da altri 6 ufficiali e 66 soldati con le mani alzate. In   data   10   agosto   1915,   al   cospetto   di   Emanuele   Filiberto,   Duca   d'Aosta,   il   Sottotenente   Tranquillo   Bianchi   fu   decorato   sul campo, in presenza di tutti gli Ufficiali, con la prima Medaglia al Valor Militare ricevuta dal Corpo del Genio Militare. Sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Guerra datato 14 agosto 1915, si legge la seguente motivazione:
RICOMPENSE AL VALOR MILITARE per la campagna di guerra del 1915 RICOMPENSE CONCESSE DI MOTO PROPRIO DA S.M. IL RE Medaglia d'argento 13 agosto 1915 BIANCHI tranquillo, da Sormano (Como), sottotenente complemento 3 reggimento genio : Comandante di un posto di segnalazione ottica, nei pressi della linea di fuoco, visto cadere un ufficiale comandante di plotone, lo sostituì nel comando del reparto, continuando l'assalto iniziato e portandolo a termine, contribuendo efficacemente alla riuscita dell'attacco ed alla cattura di numerosi prigionieri, fra cui sette ufficiali. 18 luglio 1915
Le   sue   geste   eroiche   furono   raccontate   in   diverse   riviste   dell’epoca,   come   sulla   rassegna   di   lettere   ed   arte   Aprutium   del   1918   a   pugno   dell’On.   Alceo   Speranza   (   vedi   pdf                                                                  ). Dopo   la   guerra   Tranquillo   Bianchi   lascia   l’Esercito   e   viene   assunto   dal   Ministeo   degli   Esteri   come   Addetto   Militare   e,   per   la   sua   perfetta   conoscenza   della   lingua   tedesca, destinato   poi   all’Ambasciata   del   Regno   d’Italia   a   Berlino.   Rimase   in   Germania   fino   al   1929,   anno   in   cui   chiese   di   essere   trasferito   come   Console   all’Agenzia   Consolare   di Malaga, dove si erano formati forti interessi commerciali legati alla presenza di alcune compagnie private italiane.[1] Purtroppo,   nel   luglio   del   1936,   lo   scoppio   della   Guerra   Civile   spagnola      e   la   conseguente   chiusura   della   città   da   parte   delle   forze   anarchiche-repubblicane   produssero   uno scompiglio   totale   nella   gestione   di   quel   Consolato   che   si   trovò   isolato   a   gestire   l’emergenza   del   momento,   costellata   di   efferati   fatti   di   sangue   contro   la   popolazione sospettata   di   aver   avuto   contatti   con   il   bando   nazionalista.      Le   atrocità   degli   anarchici   terminarono      l’8   febbraio   del   ’37   con   la   resa   della   città   alle   truppe   italiane   di   invasione del  C.T.V.. Gli   Italiani,   subito   dopo   l’occupazione,   consegnarono   la   città   alle   forze   nazionaliste   le   quali,   su ordine   dei   loro   generali   Mola,   Franco   e   Queipo   de   Llano,   iniziarono   una   dura   e   sanguinosa repressione    contro    i    prigionieri    e    la    popolazione    arresa,    con    numerose    fucilazioni    di    massa, vendette,   condanne   a   morte   pronunciate   da   tribunali   fantoccio   ed   eseguite   immediatamente dopo   la   lettura   della   sentenza,   false   delazioni   esternate   per   dispetto   personale.   Tale   repressione sanguinosa   e   spirito   di   vendetta   sui   vinti   suscitò   lo   stupore   e   lo   sdegno   degli   ufficiali   italiani   che non riuscivano a comprendere e a giustificare simili livelli di violenza e punizione. Questo,   per   disgrazia,   fu   la   norma   generale   in   tutta   la   Spagna   conquistata   dai   Nazionalisti.   Si iniziò   ad   utilizzare   sistematicamente   il   metodo   della   terra   bruciata   e   si   volle   eliminare   qualsiasi possibilità   di   ripresa   del   nemico,   il   quale,   a   sua   volta,   poteva   rappresentare   un   pericolo   fisico   per la   sicurezza   dei   nuovi   occupanti   .   Non   ci   si   rendeva   conto   che   una   violenza   ingiusta,   smisurata   ed indiscriminata   avrebbe   esacerbato   un   inarrestabile   desiderio   di   vendetta   nei   vinti   devastando   per   decenni   le   coscienze   degli   spagnoli.   I   comandanti   del   C.T.V.   presero   le distanze da simili efferatezze e informarono i loro superiori di quanto stava avvenendo nei territori occupati [2] In   questo   clima   di   ferocia   e   terrore,   l’Agente   Consolare   italiano   Tranquillo   Bianchi,   mise   in   atto   una   piccola “Schienderlist”   tutta   italiana   che   funzionò   sia   con   la   Malaga   in   mano   al   Fruente   Popular,   e   sia   quando   le truppe nazionaliste ebbero il totale controllo della città dopo nel febbraio del ’37. Nel    primo    periodo    repubblicano    il    Console    Tranquillo    Bianchi    salvò    dalla    fucilazione    alcuni    eminenti personaggi   di   quella   città,   tra   cui   il   Vescovo   Balbino   Santos   Olivera,   altri   rappresentanti   del   clero   e   tutta   la famiglia   del   Generale   nazionalista   Gonzalo   Queipo   de   LLano   y   Sierra,   complice   fedele,   ma   allo   stesso   tempo scomodo,   del   dittatore   Franco.   Grazie   ai   suoi   provvidenziali   contatti   con   la   Marina   Mercantile   italiana,   tutti   i nostri   connazionali   poterono   sfuggire,   unitamente   a   molte   persone   della   borghesia   malaghegna,   alla   ferocia omicida   degli   anarchici   mediante   rocamboleschi   imbarchi   per   Tangeri   dove   trovarono   rifugio   presso   quelle autorità internazionali. Per   queste   azioni   provvidenziali   ed   eroiche,   le   autorità   di   Malaga      nel   ’37   insignirono   il   Console   Tranquillo Bianchi      dell’onorificenza      “Figlio   Adottivo   della   città   di   Malaga”,   mentre   in   Italia   gli   veniva   conferita   la seconda Medaglia d’Argento al Valor Militare con la seguente motivazione : RICOMPENSE AL VALOR MILITARE concessa con Regio Decreto 1 luglio 1937 Medaglia d'argento BIANCHI Tranquillo di Cesare, da Sormano (Como), primo capitano del genio di complemento in congedo. - Agente consolare in Malaga, mentre la città era in preda al terrore ed i connazionali esposti a grave pericolo, si prodigava con ammirevole abnegazione e sangue freddo a porre in salvo le famiglie italiane colà residenti, accompagnandole incolumi a bordo delle navi inviate in loro soccorso. Nonostante le minacce e gli attacchi di cui più volte fu oggetto, rimase al suo posto fino a quando non ebbe espletato l'intero suo compito. Esempio fascista di ferma fede, di generoso ardire e di singolare sprezzo del pericolo. - Malaga (Spagna), luglio- novembre 1936. Anche   dopo   la   consegna   di   Malaga,   durante   le   efferate   operazioni   di   “limpieza”   compiuta   dai   Nazionalisti,   grazie   alle   sue   personali   conoscenze   e   forte   della   gratitudine guadagnata   con   la   fuga   del   Vescovo   e   della   potente   famiglia   di   Queipo   de   LLano,   il   Console   Bianchi   riuscì   ad   intercedere   con   le   autorità   militari   e   a   salvare   centinaia   di abitanti di Malaga arrestati e condannati a morte dai tribunali militari di occupazione. Al   portone   di   ingresso   del   Consolato   d   ’Italia   si   formarano   code   di   persone   in   fila   per   chiedere aiuto   all   ’unica   persona   che   avesse   avuto   il   coraggio   di   opporsi   a   simili   crudeltà.   Accompagnato dal   suo   autista,   a   bordo   di   una   vettura   decapottabile   che   gli   abitanti   di   Malaga   chiamavano scherzosamente   “la   bañera”   (vasca   da   bagno),   il   Console   Tranquillo   Bianchi,   forte   delle         proprie protezioni   agli   alti   livelli   del   regime,      percorreva   di   notte   le   oscure   strade   cittadine   dove   si avevano   sporadiche   notizie   delle   fucilazioni   dei   prigionieri   per   poterne   salvare   quante   più persone   possibili,   caricandole   sulla   vettura   e   dandogli   rifugio   in   casa   propria   e   nei   locali   del Consolato italiano. Il   seguente   Rapporto   Segreto   del   Console   di   Siviglia   Conti   diretto   al   Ministro   degli   Esteri   Ciano, di   cui   si   trascrive   un   estratto,   descrive   dettagliatamente   il   comportamento   eroico   dell’Agente Consolare   Cav.   Tranquillo   Bianchi   a   favore   della   popolazione   oppressa:   « …   continua   in   Malaga   la repressione   di   elementi   comunisti,   posta   in   atto   su   larga   scala   e   con   indiscutibile   durezza   dal governo   nazionale.   Essa   si   fonda   su   provvedimenti   che   sono   sostanzialmente   sommari,   più   per   il   sistema   sbrigativo   con   cui   vengono   attuati   che   per   la   procedura,   alla   quale   la giustizia   militare   si   sforza   di   conservare   una   certa   forma   esteriore.   Gli   imputati   sono   nella   grande   maggioranza   i   comunisti   attivi   ~uomini   e   donne   ~che   non   hanno   potuto abbandonare   la   città   prima   dell'occupazione   da   parte   delle   truppe   nazionali   e   che   devono   rispondere   di   delitti   per   lo   più   gravissimi;   vi   sono   tuttavia,   in   mezzo   a   questi,   elementi   grigi che   sotto   la   minaccia   del   terrore   si   sono   lasciati   passivamente   imporre   ed   assorbire   dal   comunismo   imperante.   ..omissis….   La   condanna   a   morte   viene   inflitta   non   soltanto   per omicidio   e   violenze   ma   anche   per   atti   di   sabotaggio   e   di   devastazione.   Particolarmente   severa   è   la   repressione   nei   confronti   delle   Guardie   Civili   e   dei   Carabineros   (corrispondenti   alle nostre   Guardie   di   Finanza)   che   avevano   offerto   i   loro   servizi   al   regime   rosso…omissis….   In   complesso,   dall'occupazione   di   Malaga   ad   oggi   le   fucilazioni   ammonterebbero,   secondo   le cifre   fornite   dal   cav.   Bianchi,   a   oltre   tremila.   L'azione   svolta   da   questo   agente   consolare   per   ottenere   la   sospensione   delle   esecuzioni   assorbe   praticamente   tutta   la   sua   attività giornaliera.   Ho   potuto   constatare   de   visu   la   pietosa   scena   che   si   svolge   ogni   giorno   dinanzi   alla   porta   dell'albergo   ove   egli   abita:   una   folla   di   congiunti,   di   donne,   di   preti   si   reca   da lui   a   intercedere   per   i   condannati   che   debbono   essere   fucilati   nella   notte   stessa   o   l'indomani.   L'intervento   del   Bianchi   ha   un   carattere   più   che   altro   personale   e   privato   e   si   fonda sull'indiscutibile   prestigio   di   cui   egli   gode   presso   gli   ambienti   locali   della   Falange,   presso   i   funzionari   subordinati   delle   amministrazioni   locali   e   sopratutto   presso   la   popolazione malaghegna che non vede tanto in lui il rappresentante consolare del governo italiano, quanto, e soprattutto, uno dei primi «squadristi» del movimento nazionale in Malaga. Pieno   di   coraggio,   generoso,   irriflessivo,   sentimentalissimo,   teatrale,   il   Bianchi   ha   molti   numeri   per   piacere   agli   spagnuoli   del   Sud.   …omissis…   l'intervento   del   Bianchi   per   la sospensione   delle   esecuzioni,   come   ho   potuto   constatare   personalmente,   si   svolge   per   lo   più   in   questo   modo: Bianchi~   che   ha   ingresso   libero   in   tutte   le   prigioni   di   Malaga   ~   si   reca   nelle   sezioni   dei   condannati   a   morte   con una   lista   di   nomi   fornitagli   dai   suoi   numerosi   postulanti   e   sovente   basta   un   breve   colloquio   col   vice   direttore di   turno   per   ottenere   la   provvisoria   sospensione   dell'esecuzione.   Nella   notte   del   6   corrente,   per   esempio,   uno dei   suoi   protetti   ~   per   il   quale   egli   aveva   già   ottenuto   la   sospensione   della   pena   ~essendo   stato   fucilato   cinque minuti   prima,   Bianchi   ha   potuto   ottenere   in   cambio   la   vita   di   altri   due   comunisti,   scelti   a   caso,   che   si trovavano    già    letteralmente    dinanzi    al    plotone    d'esecuzione.    Per    quest'ultima    «variazione»    è    bastato    il consenso   del   comandante   del   plotone   stesso.   L'indomani   i   fatti   vengono   dai   funzionari   subalterni   segnalati   ai superiori,   attraverso   la   lenta   e   ancora   disordinata   burocrazia   giudiziaria,   mentre   i   condannati   passano   ad altro    carcere,    perpetuando    di    fatto    la    loro    situazione    alquanto    incerta    di    «sospesi    a    titolo    provvisorio» dall'esecuzione. Come   l'Eccellenza   Vostra   comprende,   questa   azione   del   Bianchi   non   appoggia   tanto   su   aderenze   di   alte personalità   ufficiali,   che   assai   poco   dimostrerebbero   di   gradire   questo   intervento   diretto   nell'esercizio   dei   loro poteri,   ma   agisce   per   contro   dal   basso   in   alto,   penetrando   fra   le   maglie   e   agguantandosi   alle   falle   di   questo singolarissimo   sistema   di   amministrare   la   giustizia,   ora   tragicamente   e   ora   bonariamente   approssimativo.   La verità   è   che   in   questa   atmosfera   di   rivoluzione   il   valore   etico   della   vita   umana   è   ridotto   al   minimo,   per   cui anche le questioni gravi in cui essa è in gioco, sono trattate come affari di ordinaria amministrazione. Bianchi   asserisce   che   su   tremila   condannati   a   morte   egli   è   riuscito   a   sospendere   l'esecuzione   a   favore   di   oltre   quattrocento,   il   che   rappresenterebbe   un   successo   veramente   notevole. Egli   agisce   principalmente   sotto   l'impulso   della   sua   schietta   emotività   sentimentale   e   per   l'ambizione   di   accrescere   la   sua   popolarità.   Sarebbe   tuttavia   augurabile   -   in   questo   senso gli   ho   dato   precise   istruzioni   -   che   questi   suoi   interventi   fossero   più   scrupolosamente   vagliati   per   evitare   che   essi   cadano   a   favore   di   elementi   troppo   gravemente   invisi   alle   autorità governative,   o   che   comunque   non   meritano   la   protezione   fascista.   Lo   ho   anche   consigliato   di   essere   più   riservato   e   di   astenersi   dal   manifestare   in   pubblico,   con   esuberante   sincerità, giudizi   che   offendono   la   suscettibilità   degli   elementi   di   governo,   potrebbero   indebolire   la   sua   posizione   e   limitare   le   sue   possibilità   di   movimento.   È   infatti   un   peccato   che   per   simili imprudenze,   egli   abbia   un   pò   compromesso   il   suo   ascendente,   (un   tempo   così   notevole   perché   legato   a   motivi   di   riconoscenza   personale)   con   il   generale   Queipo   de   Llano.   Il   cav. Bianchi,   in   un   telegramma   direttamente   inviato   all'Eccellenza   Vostra,   ha   fatto   cenno   ad   un   eventuale   pericolo   di   gravi   complicazioni   politiche   in   seguito   all'eccessiva   durezza   della repressione e lamenta come in tale repressione venga, a suo modo di vedere, coinvolta la responsabilità morale del governo fascista.…omissis… Quando   …   alla   pretesa   corresponsabilità   del   governo   fascista   nella   repressione,   va   notato   che   a   Malaga,   dove,   fra   l'altro   non   vi   sono   attualmente   che   otto   volontari   italiani, l'opinione   pubblica   ben   sa   che   il   R.   Governo   si   è   astenuto   dall'intervenire   ufficialmente   in   tale   campo   per   evitare   slittamenti   d'autorità,   e   che,   se   intervento   puramente   ufficioso   e amichevole vi è stato attraverso l'opera personale di Bianchi, esso ha mirato a limitare gli eccessi e a consigliare la moderazione. È   mia   impressione,   in   definitiva,   che   la   repressione,   indiscutibilmente   necessaria   in   profondità   sia   stata   forse   eccessiva   in   estensione.   Una   volta   distrutti   tutti   i   nuclei   del   movimento sovversivo,   credo   che   la   Spagna   Nazionale   sarebbe   salva   ugualmente   se   a   Malaga   si   fucilasse   qualche   centinaia   di   comunisti   di   meno,   che   domani,   sotto   un   governo   forte   e comprensivo, potrebbero venire gradualmente riassorbiti….. » [3]. Dopo   alcune   autorevoli   e   inascoltate   ammonizioni   del   Console   Generale   a   Siviglia   affinchè   non   ci   si   intromettesse   in   affari   che   esulassero   dalle   competenze   diplomatiche,   il Governo   italiano   nel   1940,      per   motivi   di   opportunità,      decise   di   rimuovere   il   Console   Tranquillo   Bianchi,   affidandogli   il   Consolato   Generale   di   Belo   Horizonte   in   Brasile.      Alla fine   del   gennaio   1942,   le   relazioni   diplomatiche   con   i   Paesi   dell’Asse   Roma-Berlino-Tokyo   furono   drasticamente   interrotte   dal   Brasile   e   pertanto   il   Console   Tranquillo Bianchi   fu   inviato   a   dirigere      la   rappresentanza   diplomatica   ad   Agen   (Bordeaux),   in   territorio   d’occupazione   tedesca   in   Francia   ove   si   era   aggregata   una   cospicua   comunità di connazionali emigrati in quella regione per lavoro. Nel    settembre    1943,    all’indomani    dell’Armistizio,    trovandosi    in    territorio    controllato    dalle    truppe naziste,   la   Gestapo   fermò   il   Console   Bianchi   per   conoscere   se   intendesse   rimanere   al   fianco   dei tedeschi   sotto   la   Repubblica   di   Salò   oppure   essere   deportato   in   Germania   con   tutta   la   propria   famiglia come    traditore    dell’Alleanza    italo-tedesca.    Dopo    una    sofferta    meditazione    e    consapevole    delle conseguenze   che   avrebbero   dovuto   soffrire   i   propri   familiari,   il   Console   Bianchi   con   coraggio   dichiarò di   mantenersi   fedele   al   proprio   giuramento   verso   il   Re   e   la   Stato   italiano.   A   quella   dichiarazione, furono   tutti   trasferiti   a   Toulose   per   poi   essere   tradotti   in   treno   a   Parigi   ,   prima   della   deportazione   in Germania. La   stessa   provvidenza   che   in   Andalusia   animò   Tranquillo   Bianchi   a   salvare   tante   vite   umane   gli   si presentò   nelle   vesti   di   un   monaco   incontrato   per   caso   durante   una   breve   sosta      ad   una   stazione ferroviaria   verso   il   confine   :   guardato   a   vista   da   un   ufficiale   delle   SS,   Tranquillo   Bianchi   si   siede   per   un caffè   a   fianco   del   prelato   nel   piccolo   bar   della   stazione,   quando   si   accorge   che   questi   era   di   lingua spagnola.   Senza   farsi   comprendere   dall’ufficiae   tedesco,   il   nostro   diplomatico   chiede   nella   lingua   del sacerdote   di   far   pervenire   al   Generale   Queipo   de   LLano,   in   Spagna,   il   messaggio   che   sta   per   scrivere   . Con    un    sotterfugio,    Tranquillo    Bianchi    prende    una    salvietta    di    carta    del    bancone    e    vi    scrive        in spagnolo      « Gonzalo,   mi   trovo   nella   stessa   situazione   della   tua   famiglia   nel   ’36.   Sono   in   Francia   contro   i tedeschi,   Fai   qualcosa   per   noi!   La   Primula   Nera »   ,   piega   il   foglietto   e   lo   mette   di   nascosto   sotto   il   bicchiere del   prelato,   il   quale   dopo   aver   visto   allontanare   il   treno   si   accorge   del   messaggio   in   codice.   Come   scritto   in un   copione   di   un   film,   dopo   due   settimane   giunge   un   telegramma   dal   Comando   tedesco   che   ordina   di   rilasciare   il   Console   e   la   sua   famiglia,   liberi   di   raggiungere   la   Spagna sotto la protezione di Franco, amico della nazione germanica. Nella   penisola   iberica   Tranquillo   Bianchi      sfruttò   le   proprie   conoscenze   per   aprire   e   gestire   un      proprio   ufficio   di   rappresentanza   commerciale,   finquando   nel   1950      accettò     una   proposta   del   Ministero   degli   Esteri   italiano   di   aprire   una   agenzia   consolare   onoraria   in   Argentina   nella   cittadina   di   Moreno   a   circa   50   km.   da   Buenos   Aires.   Fu   l’inizio   di una nuova epoca per la famiglia Bianchi che, senza non poche difficoltà, si adattò presto al recente scenario  legato alla vita dei nostri emigrati in Sud America. Purtroppo   nel   1964   un   tragico   e   banale   incidente   al   casello   ferroviario   di   Moreno   pose   fine   alla   straordinaria   e   romanzesca esistenza   del   Console   Tranquillo   Bianchi   che   morì   lontano   dalla   madre   Patria,   mentre   rincasava   dal   suo   ufficio   in   sella   alla   sua bicicletta.[4] Una   vita   dedicata   al   lavoro   e   al   prossimo,   la   lontananza   dall’Italia   e   le   difficoltà   di   riconoscere   la   sua   umanità   ed   il   suo   coraggio per   ciò   che   avvenne   in   un   periodo   storico   ancor’oggi   considerato   da   molti   “scomodo“   ,   han   fatto   sì   che   le   sorprendenti   vicende del Console Tranquillo Bianchi cadessero nel dimenticatoio della Storia. Ma   ancora   una   volta,   come   se   tutto   fosse   diretto   da   un   provvidenziale   regista   occulto,   uno   scrittore,   nipote   di   un   condannato   a morte   dai   Tribunali   di   Guerra   dei   nazionalisti   e   per   ben   due   strappato   volte   alla   fucilazione   dal   Console   Bianchi   (   forse   ancora vivo   se   la   terza   volta   non   fosse   stata   anticipata   l’esecuzione   per   eludere   la   caparbietà   del   nostro   eroe)   inizia   nel   1991   per proprio   conto   una   attenta   indagine   sui   fatti   di   Malaga   che   lo   portarono   dopo   circa   20   anni   a   incontrare   la   figlia,   Lilia   Bianchi, anch’essa   titolare   del   Consolato   Onorario   d’Italia   a   Moreno   (Buenos   Aires).   Da   questa   sua      avventura   ispano-argentina   a novembre   del   2018   viene   pubblicato   il   libro   di   Antonio   Olea   Peréz   intitolato   "Tranquillo   Bianchi   -   El   cónsul   italiano   de   la   Guerra Civil   en   Màlaga".   Con   dovizia   di   particolari   inediti   e   con   trasparente   obiettività   intellettuale   finalmente   vengono   con   coraggio descritti   moltissimi   inquietanti   episodi   riportati   alla   luce   dai   sopravvissuti   e   dai   loro   familiari   che   ancora   adesso   non   hanno dimenticato   il   terrore   e   l’omertà   di   quei   momenti   bui   della   Spagna   “de   entreguerras”.   Oltre   alle   raffinate   riflessioni   dell’autore, l’opera   racchiude   una   garbata   ed   affettuosa   biografia   sul   nostro   personaggio   scritta   nel   1988   dalla   stessa   Lilia   Bianchi   con   cui   il lettore   può   cogliere,   con   gli   occhi   affascinati   di   una   figlia,   il   singolare   carattere   del   "Console   italiano   a   Malaga"   e   conoscere   la vera storia di un eroe italiano, ammirato e poi dimenticato dagli stessi sostenitori. A   Malaga   la   pubblicazione   del   libro   sul   Console   Italiano   sta   suscitando   un   crescente   interesse   e   comprensibile      curiosità   su personaggi   e   ambientazioni   dell’epoca,   aiutando      così   a   riconsiderare   alcuni   avvenimenti   di   quel   periodo   sotto   una   prospettiva più ragionata, pacata e chiara allo stesso tempo. L’auspicata      traduzione   in   italiano   della   biografia   spagnola   e   l’intitolazione   di   una   Sezione   Estera   UNUCI   saranno   le   leve   iniziali   che   riporteranno   alla   luce   le   eroiche vicessitudini del 1° Capitano Tranquillo Bianchi, protagonista del suo tempo ed esaltante esempio di coraggio e lealtà per le generazioni future.             Articolo del S.Ten. Pil. CC cpl (r) Giuseppe Coviello                               Presidente della Sezione UNUCI all’Estero  UNUCI Spagna / Isole Canarie _________________________________________________ 1 Antonio Olea Peréz, Tranquillo Bianchi - El cónsul italiano de la Guerra Civil en Màlaga, Ediciones del Genal, Malaga, segunda parte 213-437 2 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 111-112 3 Console a Siviglia, Conti, al Ministro degli Esteri, Ciano – Rapporto Segreto 854/46. Siviglia, 9 marzo 1937 4 Antonio Olea Peréz, Tranquillo Bianchi - El cónsul italiano de la Guerra Civil en Màlaga, Ediciones del Genal, Malaga, segunda parte 213-437
Il Console Tranquillo Bianchi sfila per le vie cittadine come Hijo  Adoptivo de la Ciudad de Malaga Miliziani Repubblicani difendono Malaga Persone in coda sotto il Consolato d'Italia a Malaga Il Console Tranquillo Bianchi accoglie la visita a Malaga del Conte Ciano, Ministro degli esteri 08 settembre 1943 - L'Armistizio 08 settembre 1943 - L'Armistizio
La   Sezione   UNUCI   all’Estero   di   Spagna   /   Isole   Canarie   viene   intitolata   in   data   7   marzo   2020   alla   M.A.V.M. Tranquillo   Bianchi      su   proposta   del      Presidente   della   Sezione   all’Estero   UNUCI   per   la   Spagna   /   Isole   Canarie, S.Ten.   CC.   Pil.   (R)   Giuseppe   Coviello,   che   durante   alcune   ricerche   storiche   sulla   partecipazione   italiana   nel periodo   1936-39   al   conflitto   della   Guerra   Civile   spagnola,      ha   avuto   notizia   delle   sbalorditive   peripezie   del Console   d’Italia   in   Malaga,   Tranquillo   Bianchi,      già   Sottotenente   del   Genio   ed   eroe   della   1^   Guerra   Mondiale, insignito   con   la   prima   Medaglia   al   Valor   Militare   assegnata   al   Corpo   del   Genio   (18   luglio   1915)   sul   campo   di battaglia. Tranquillo   Bianchi   nasce   il   20   ottobre   1892   a   Sormano,   un   piccolo   borgo   vicino   al   lago   di   Como,   da   una   umile   e laboriosa   famiglia   che   nel   1897   emigrò   a   Triberg,   nella   Foresta   Nera   tedesca.   Con   grandi   sacrifici   della   propria famiglia,   Tranquillo   Bianchi   si   laureò   a   pieni   voti   in   Ingegneria   all’Università,   di   Kalrsruhe      (D)   ,   ma   nel   1913 rientrò   in   Italia   per   assolvere   agli   obblighi   di   Leva.   Grazie   ai   suoi   studi   universitari,   poté   quasi   subito   accedere Scuola Allievi Ufficiali di Complemento del Genio di Verona. Allo   scoppio   della   1^   Guerra   Mondiale,   Tranquillo   Bianchi   fu   inviato   al   fronte   con   il   grado   di   S.Tenente   del Genio   presso   la   10^   Compagnia   del   Genio   Telegrafisti   del   IX   Corpo   d’Armata.   Durante   la   battaglia   del   Monte San   Michele,   il   S.Ten.   Tranquillo   Bianchi   si   offrì   volontario   per   ripristinare   il   collegamento   con   la   prima   linea, tramite una nuova stazione ottica.     Nel momento dell’assalto, il Tenente che comandava il plotone di Fanteria
© 2019
La   Sezione   all’Estero   di   Spagna   /   Isole   Canarie   viene   intitolata   in   data   7 marzo     2020     alla     M.A.V.M.     Tranquillo     Bianchi          su     proposta     del       Presidente    della    Sezione    all’Estero    UNUCI    per    la    Spagna    /    Isole Canarie,    S.Ten.    CC.    Pil.    (R)    Giuseppe    Coviello,    che    durante    alcune ricerche   storiche   sulla   partecipazione   italiana   nel   periodo   1936-39   al conflitto     della     Guerra     Civile     spagnola,          ha     avuto     notizia     delle sbalorditive   peripezie   del   Console   d’Italia   in   Malaga,   Tranquillo   Bianchi,     già   Sottotenente   del   Genio   ed   eroe   della   1^   Guerra   Mondiale,   insignito con   la   prima   Medaglia   al   Valor   Militare   assegnata   al   Corpo   del   Genio (18 luglio 1915) sul campo di battaglia. Tranquillo   Bianchi   nasce   il   20   ottobre   1892   a   Sormano,   un   piccolo borgo   vicino   al   lago   di   Como,   da   una   umile   e   laboriosa   famiglia   che   nel 1897   emigrò   a   Triberg,   nella   Foresta   Nera   tedesca.   Con   grandi   sacrifici della    propria    famiglia,    Tranquillo    Bianchi    si    laureò    a    pieni    voti    in Ingegneria   all’Università,   di   Kalrsruhe      (D)   ,   ma   nel   1913   rientrò   in   Italia per   assolvere   agli   obblighi   di   Leva.   Grazie   ai   suoi   studi   universitari, poté   quasi   subito   accedere   Scuola   Allievi   Ufficiali   di   Complemento   del Genio di Verona. Allo   scoppio   della   1^   Guerra   Mondiale,   Tranquillo   Bianchi   fu   inviato   al fronte   con   il   grado   di   S.Tenente   del   Genio   presso   la   10^   Compagnia   del Genio    Telegrafisti    del    IX    Corpo    d’Armata.    Durante    la    battaglia    del Monte   San   Michele,   il   S.Ten.   Tranquillo   Bianchi   si   offrì   volontario   per ripristinare    il    collegamento    con    la    prima    linea,    tramite    una    nuova stazione   ottica.   Nel   momento   dell’assalto,   il   Tenente   che   comandava   il plotone di Fanteria venne colpito e abbattuto  davanti ai propri soldati
che   si   trovarono   allo   sbaraglio   sotto   il   tiro   micidiale   di   una   postazione di   mitragliatrice   austriaca.   Anche   se   si   trovava   sul   luogo   di   battaglia con   altri   incarichi,   Il   S.Ten.   Bianchi,   con   un   impeto   di   ira,   dopo   aver estratto   la   propria   pistola,   saltò   fuori   dalla   trincea   e   si   pose   alla   testa dei   soldati   distanti   solo   una   ventina   di   passi   e   urlò   “   Avanti,   ragazzi, Savoia!   “   I   fanti   al   suo   grido   si   rianimarono      e   si   lanciarono   contro   il nemico.    Con    un    balzo    raggiunsero    la    quota    170    e    sorpresero    la postazione   austriaca   che   si   stava   riparando   dal   fuoco   della   artiglieria italiana.    Sorpresa    dall’improvvisa    apparizione    dei    soldati    nemici    e ancor   più   dalla   voce   dell’eroico   Ufficiale   italiano   che   con   una   perfetta pronuncia    tedesca    intimava    loro    di    arrendersi,    dalla    postazione austriaca    immediatamente    uscì    un    capitano ungherese   con   la   bandiera   bianca   seguito   da altri 6 ufficiali e 66 soldati con le mani alzate. In     data     10     agosto     1915,     al     cospetto     di Emanuele       Filiberto,       Duca       d'Aosta,       il Sottotenente    Tranquillo    Bianchi    fu    decorato sul   campo,   in   presenza   di   tutti   gli   Ufficiali,   con la    prima    Medaglia    al    Valor    Militare    ricevuta dal Corpo del Genio Militare. Sul    Bollettino    Ufficiale    del    Ministero    della Guerra    datato    14    agosto    1915,    si    legge    la seguente motivazione:
RICOMPENSE AL VALOR MILITARE per la campagna di guerra del 1915 RICOMPENSE CONCESSE DI MOTO PROPRIO DA S.M. IL RE Medaglia d'argento 13 agosto 1915 BIANCHI tranquillo, da Sormano (Como), sottotenente complemento 3 reggimento genio : Comandante di un posto di segnalazione ottica, nei pressi della linea di fuoco, visto cadere un ufficiale comandante di plotone, lo sostituì nel comando del reparto, continuando l'assalto iniziato e portandolo a termine, contribuendo efficacemente alla riuscita dell'attacco ed alla cattura di numerosi prigionieri, fra cui sette ufficiali. 18 luglio 1915
Le   sue   geste   eroiche   furono   raccontate   in   diverse   riviste   dell’epoca, come   sulla   rassegna   di   lettere   ed   arte   Aprutium   del   1918   a   pugno dell’On. Alceo Speranza ( vedi pdf                         ). Dopo   la   guerra   Tranquillo   Bianchi   lascia   l’Esercito   e   viene   assunto   dal Ministeo    degli    Esteri    come    Addetto    Militare    e,    per    la    sua    perfetta conoscenza    della    lingua    tedesca,    destinato    poi    all’Ambasciata    del Regno   d’Italia   a   Berlino.   Rimase   in   Germania   fino   al   1929,   anno   in   cui chiese    di    essere    trasferito    come    Console    all’Agenzia    Consolare    di Malaga,   dove   si   erano   formati   forti   interessi   commerciali   legati   alla presenza di alcune compagnie private italiane.[1] Purtroppo,   nel   luglio   del   1936,   lo   scoppio   della   Guerra   Civile   spagnola     e   la   conseguente   chiusura   della   città   da   parte   delle   forze   anarchiche- repubblicane   produssero   uno   scompiglio   totale   nella   gestione   di   quel Consolato    che    si    trovò    isolato    a    gestire    l’emergenza    del    momento, costellata   di   efferati   fatti   di   sangue   contro   la   popolazione   sospettata   di aver    avuto    contatti    con    il    bando    nazionalista.        Le    atrocità    degli anarchici   terminarono      l’8   febbraio   del   ’37   con   la   resa   della   città   alle truppe italiane di invasione del  C.T.V..   Italiani,    subito    dopo    l’occupazione,    consegnarono    la    città    alle    forze nazionaliste   le   quali,   su   ordine   dei   loro   generali   Mola,   Franco   e   Queipo de    Llano,    iniziarono    una    dura    e    sanguinosa    repressione    contro    i prigionieri   e   la   popolazione   arresa,   con   numerose   fucilazioni   di   massa, vendette,      condanne      a morte     pronunciate     da tribunali      fantoccio      ed e      s      e      g      u      i      t      e        immediatamente      dopo la   lettura   della   sentenza, false   delazioni   esternate per    dispetto    personale. Tale                  repressione sanguinosa    e    spirito    di vendetta   sui   vinti   suscitò lo    stupore    e    lo    sdegno degli   ufficiali   italiani   che non          riuscivano          a comprendere          e          a giustificare   simili   livelli   di violenza e punizione.  Questo,    per    disgrazia,    fu    la    norma    generale    in    tutta    la    Spagna conquistata   dai   Nazionalisti.   Si   iniziò   ad   utilizzare   sistematicamente   il metodo   della   terra   bruciata   e   si   volle   eliminare   qualsiasi   possibilità   di ripresa    del    nemico,    il    quale,    a    sua    volta,    poteva    rappresentare    un pericolo   fisico   per   la   sicurezza   dei   nuovi   occupanti   .   Non   ci   si   rendeva conto   che   una   violenza   ingiusta,   smisurata   ed   indiscriminata   avrebbe esacerbato   un   inarrestabile   desiderio   di   vendetta   nei   vinti   devastando per   decenni   le   coscienze   degli   spagnoli.   I   comandanti   del   C.T.V.   presero le    distanze    da    simili    efferatezze    e    informarono    i    loro    superiori    di quanto stava avvenendo nei territori occupati [2] In    questo    clima    di    ferocia    e    terrore,    l’Agente    Consolare    italiano Tranquillo   Bianchi,   mise   in   atto   una   piccola   “Schienderlist”   tutta   italiana che    funzionò    sia    con    la    Malaga    in    mano    al    Fruente    Popular,    e    sia quando    le    truppe    nazionaliste    ebbero    il    totale    controllo    della    città dopo nel febbraio del ’37. Nel   primo   periodo   repubblicano   il   Console   Tranquillo   Bianchi   salvò dalla   fucilazione   alcuni   eminenti   personaggi   di   quella   città,   tra   cui   il Vescovo   Balbino   Santos   Olivera,   altri   rappresentanti   del   clero   e   tutta   la famiglia   del   Generale   nazionalista   Gonzalo   Queipo   de   LLano   y   Sierra, complice   fedele,   ma   allo   stesso   tempo   scomodo,   del   dittatore   Franco. Grazie   ai   suoi   provvidenziali   contatti   con   la   Marina   Mercantile   italiana, tutti    i    nostri    connazionali    poterono    sfuggire,    unitamente    a    molte persone     della     borghesia     malaghegna,     alla     ferocia     omicida     degli anarchici     mediante     rocamboleschi     imbarchi     per     Tangeri     dove trovarono rifugio presso quelle autorità internazionali. Per   queste   azioni   provvidenziali   ed   eroiche,   le   autorità   di   Malaga      nel ’37   insignirono   il   Console   Tranquillo   Bianchi      dell’onoreficenza      “Figlio Adottivo   della   città   di   Malaga”,   mentre   in   Italia   gli   veniva   conferita   la seconda     Medaglia     d’Argento     al     Valor     Militare     con     la     seguente motivazione : RICOMPENSE AL VALOR MILITARE concessa con Regio Decreto 1 luglio 1937 Medaglia d'argento BIANCHI Tranquillo di Cesare, da Sormano (Como), primo capitano del genio di complemento in congedo. - Agente consolare in Malaga, mentre la città era in preda al terrore ed i connazionali esposti a grave pericolo, si prodigava con ammirevole abnegazione e sangue freddo a porre in salvo le famiglie italiane colà residenti, accompagnandole incolumi a bordo delle navi inviate in loro soccorso. Nonostante le minacce e gli attacchi di cui più volte fu oggetto, rimase al suo posto fino a quando non ebbe espletato l'intero suo compito. Esempio fascista di ferma fede, di generoso ardire e di singolare sprezzo del pericolo. - Malaga (Spagna), luglio- novembre 1936. Anche   dopo   la   consegna   di   Malaga,   durante   le   efferate   operazioni   di “limpieza”     compiuta     dai     Nazionalisti,     grazie     alle     sue     personali conoscenze    e    forte    della    gratitudine    guadagnata    con    la    fuga    del Vescovo   e   della   potente   famiglia   di   Queipo   de   LLano,   il   Console   Bianchi riuscì   ad   intercedere   con   le   autorità   militari   e   a   salvare   centinaia   di abitanti   di   Malaga   arrestati   e   condannati   a   morte   dai   tribunali   militari di occupazione. Al   portone   di   ingresso   del   Consolato   d   ’Italia   si   formarano   code   di persone   in   fila   per   chiedere   aiuto   all   ’unica   persona   che   avesse   avuto   il coraggio   di   opporsi   a   simili   crudeltà.   Accompagnato   dal   suo   autista,   a bordo     di     una     vettura     decapottabile     che     gli     abitanti     di     Malaga chiamavano   scherzosamente   “la   bañera”   (vasca   da   bagno),   il   Console Tranquillo   Bianchi,   forte   delle         proprie   protezioni   agli   alti   livelli   del regime,      percorreva   di   notte   le   oscure   strade   cittadine   dove   si   avevano sporadiche   notizie   delle   fucilazioni   dei   prigionieri   per   poterne   salvare quante    più    persone    possibili,    caricandole    sulla    vettura    e    dandogli rifugio in casa propria e nei locali del Consolato italiano. Il   seguente   Rapporto   Segreto   del   Console   di   Siviglia   Conti   diretto   al Ministro    degli    Esteri    Ciano,    di    cui    si    trascrive    un    estratto,    descrive dettagliatamente   il   comportamento   eroico   dell’Agente   Consolare   Cav. Tranquillo   Bianchi   a   favore   della   popolazione   oppressa:   « …   continua   in Malaga   la   repressione   di   elementi   comunisti,   posta   in   atto   su   larga   scala   e con    indiscutibile    durezza    dal    governo    nazionale.    Essa    si    fonda    su provvedimenti    che    sono    sostanzialmente    sommari,    più    per    il    sistema sbrigativo   con   cui   vengono   attuati   che   per   la   procedura,   alla   quale   la giustizia   militare   si   sforza   di   conservare   una   certa   forma   esteriore.   Gli imputati    sono    nella    grande    maggioranza    i    comunisti    attivi    ~uomini    e donne      ~che      non      hanno      potuto      abbandonare      la      città      prima dell'occupazione   da   parte   delle   truppe   nazionali   e   che   devono   rispondere di   delitti   per   lo   più   gravissimi;   vi   sono   tuttavia,   in   mezzo   a   questi,   elementi grigi    che    sotto    la    minaccia    del    terrore    si    sono    lasciati    passivamente imporre   ed   assorbire   dal   comunismo   imperante.   ..omissis….   La   condanna a   morte   viene   inflitta   non   soltanto   per   omicidio   e   violenze   ma   anche   per atti     di     sabotaggio     e     di     devastazione.     Particolarmente     severa     è     la repressione     nei     confronti     delle     Guardie     Civili     e     dei     Carabineros (corrispondenti   alle   nostre   Guardie   di   Finanza)   che   avevano   offerto   i   loro servizi    al    regime    rosso…omissis….    In    complesso,    dall'occupazione    di Malaga   ad   oggi   le   fucilazioni   ammonterebbero,   secondo   le   cifre   fornite   dal cav.   Bianchi,   a   oltre   tremila.   L'azione   svolta   da   questo   agente   consolare   per ottenere   la   sospensione   delle   esecuzioni   assorbe   praticamente   tutta   la   sua attività   giornaliera.   Ho   potuto   constatare   de   visu   la   pietosa   scena   che   si svolge   ogni   giorno   dinanzi   alla   porta   dell'albergo   ove   egli   abita:   una   folla   di congiunti,   di   donne,   di   preti   si   reca   da   lui   a   intercedere   per   i   condannati che   debbono   essere   fucilati   nella   notte   stessa   o   l'indomani.   L'intervento   del Bianchi    ha    un    carattere    più    che    altro    personale    e    privato    e    si    fonda sull'indiscutibile   prestigio   di   cui   egli   gode   presso   gli   ambienti   locali   della Falange,    presso    i    funzionari    subordinati    delle    amministrazioni    locali    e sopratutto   presso   la   popolazione   malaghegna   che   non   vede   tanto   in   lui   il rappresentante   consolare   del   governo   italiano,   quanto,   e   soprattutto,   uno dei primi «squadristi» del movimento nazionale in Malaga. Pieno    di    coraggio,    generoso,    irriflessivo,    sentimentalissimo,    teatrale,    il Bianchi   ha   molti   numeri   per   piacere   agli   spagnuoli   del   Sud.   …omissis… l'intervento    del    Bianchi    per    la    sospensione    delle    esecuzioni,    come    ho potuto   constatare   personalmente,   si   svolge   per   lo   più   in   questo   modo: Bianchi~   che   ha   ingresso   libero   in   tutte   le   prigioni   di   Malaga   ~   si   reca   nelle sezioni   dei   condannati   a   morte   con   una   lista   di   nomi   fornitagli   dai   suoi numerosi   postulanti   e   sovente   basta   un   breve   colloquio   col   vice   direttore   di turno   per   ottenere   la   provvisoria   sospensione   dell'esecuzione.   Nella   notte del   6   corrente,   per   esempio,   uno   dei   suoi   protetti   ~   per   il   quale   egli   aveva già    ottenuto    la    sospensione    della    pena    ~essendo    stato    fucilato    cinque minuti   prima,   Bianchi   ha   potuto   ottenere   in   cambio   la   vita   di   altri   due comunisti,    scelti    a    caso,    che    si    trovavano    già    letteralmente    dinanzi    al plotone   d'esecuzione.   Per   quest'ultima   «variazione»   è   bastato   il   consenso del    comandante    del    plotone    stesso.    L'indomani    i    fatti    vengono    dai funzionari   subalterni   segnalati   ai   superiori,   attraverso   la   lenta   e   ancora disordinata   burocrazia   giudiziaria,   mentre   i   condannati   passano   ad   altro carcere,    perpetuando    di    fatto    la    loro    situazione    alquanto    incerta    di «sospesi a titolo provvisorio» dall'esecuzione. Come    l'Eccellenza    Vostra    comprende,    questa    azione    del    Bianchi    non appoggia   tanto   su   aderenze   di   alte   personalità   ufficiali,   che   assai   poco dimostrerebbero   di   gradire   questo   intervento   diretto   nell'esercizio   dei   loro poteri,   ma   agisce   per   contro   dal   basso   in   alto,   penetrando   fra   le   maglie   e agguantandosi   alle   falle   di   questo   singolarissimo   sistema   di   amministrare la    giustizia,    ora    tragicamente    e    ora    bonariamente    approssimativo.    La verità   è   che   in   questa   atmosfera   di   rivoluzione   il   valore   etico   della   vita umana   è   ridotto   al   minimo,   per   cui   anche   le   questioni   gravi   in   cui   essa   è   in gioco, sono trattate come affari di ordinaria amministrazione. Bianchi    asserisce    che    su    tremila    condannati    a    morte    egli    è    riuscito    a sospendere      l'esecuzione      a      favore      di      oltre      quattrocento,      il      che rappresenterebbe      un      successo      veramente      notevole.      Egli      agisce principalmente   sotto   l'impulso   della   sua   schietta   emotività   sentimentale   e per     l'ambizione     di     accrescere     la     sua     popolarità.     Sarebbe     tuttavia augurabile   -   in   questo   senso   gli   ho   dato   precise   istruzioni   -   che   questi   suoi interventi   fossero   più   scrupolosamente   vagliati   per   evitare   che   essi   cadano a   favore   di   elementi   troppo   gravemente   invisi   alle   autorità   governative,   o che     comunque     non     meritano     la     protezione     fascista.     Lo     ho     anche consigliato    di    essere    più    riservato    e    di    astenersi    dal    manifestare    in pubblico,   con   esuberante   sincerità,   giudizi   che   offendono   la   suscettibilità degli   elementi   di   governo,   potrebbero   indebolire   la   sua   posizione   e   limitare le    sue    possibilità    di    movimento.    È    infatti    un    peccato    che    per    simili imprudenze,   egli   abbia   un   pò   compromesso   il   suo   ascendente,   (un   tempo così    notevole    perché    legato    a    motivi    di    riconoscenza    personale)    con    il generale   Queipo   de   Llano.   Il   cav.   Bianchi,   in   un   telegramma   direttamente inviato   all'Eccellenza   Vostra,   ha   fatto   cenno   ad   un   eventuale   pericolo   di gravi     complicazioni     politiche     in     seguito     all'eccessiva     durezza     della repressione   e   lamenta   come   in   tale   repressione   venga,   a   suo   modo   di vedere, coinvolta la responsabilità morale del governo fascista.…omissis… Quando    …    alla    pretesa    corresponsabilità    del    governo    fascista    nella repressione,    va    notato    che    a    Malaga,    dove,    fra    l'altro    non    vi    sono attualmente   che   otto   volontari   italiani,   l'opinione   pubblica   ben   sa   che   il   R. Governo    si    è    astenuto    dall'intervenire    ufficialmente    in    tale    campo    per evitare   slittamenti   d'autorità,   e   che,   se   intervento   puramente   ufficioso   e amichevole    vi    è    stato    attraverso    l'opera    personale    di    Bianchi,    esso    ha mirato a limitare gli eccessi e a consigliare la moderazione. È    mia    impressione,    in    definitiva,    che    la    repressione,    indiscutibilmente necessaria   in   profondità   sia   stata   forse   eccessiva   in   estensione.   Una   volta distrutti    tutti    i    nuclei    del    movimento    sovversivo,    credo    che    la    Spagna Nazionale    sarebbe    salva    ugualmente    se    a    Malaga    si    fucilasse    qualche centinaia   di   comunisti   di   meno,   che   domani,   sotto   un   governo   forte   e comprensivo, potrebbero venire gradualmente riassorbiti….. » [3]. Dopo     alcune     autorevoli     e     inascoltate     ammonizioni     del     Console Generale    a    Siviglia    affinchè    non    ci    si    intromettesse    in    affari    che esulassero    dalle    competenze    diplomatiche,    il    Governo    italiano    nel 1940,        per    motivi    di    opportunità,        decise    di    rimuovere    il    Console Tranquillo   Bianchi,   affidandogli   il   Consolato   Generale   di   Belo   Horizonte in   Brasile.      Alla   fine   del   gennaio   1942,   le   relazioni   diplomatiche   con   i Paesi    dell’Asse    Roma-Berlino-Tokyo    furono    drasticamente    interrotte dal   Brasile   e   pertanto   il   Console   Tranquillo   Bianchi   fu   inviato   a   dirigere     la     rappresentanza     diplomatica     ad     Agen     (Bordeaux),     in     territorio d’occupazione   tedesca   in   Francia   ove   si   era   aggregata   una   cospicua comunità di connazionali emigrati in quella regione per lavoro. Nel     settembre     1943,     all’indomani     dell’Armistizio,     trovandosi     in territorio   controllato   dalle   truppe   naziste,   la   Gestapo   fermò   il   Console Bianchi   per   conoscere   se   intendesse   rimanere   al   fianco   dei   tedeschi sotto   la   Repubblica   di   Salò   oppure   essere   deportato   in   Germania   con tutta    la    propria    famiglia    come    traditore    dell’Alleanza    italo-tedesca. Dopo   una   sofferta   meditazione   e   consapevole   delle   conseguenze   che avrebbero    dovuto    soffrire    i    propri    familiari,    il    Console    Bianchi    con coraggio   dichiarò   di   mantenersi   fedele   al   proprio   giuramento   verso   il Re   e   la   Stato   italiano.   A   quella   dichiarazione,   furono   tutti   trasferiti   a Toulose    per    poi    essere    tradotti    in    treno    a    Parigi    ,    prima    della deportazione in Germania. La    stessa    provvidenza    che    in    Andalusia    animò    Tranquillo    Bianchi    a salvare    tante    vite    umane    gli    si    presentò    nelle    vesti    di    un    monaco incontrato    per    caso    durante    una    breve    sosta        ad    una    stazione ferroviaria   verso   il   confine   :   guardato   a   vista   da   un   ufficiale   delle   SS, Tranquillo   Bianchi   si   siede   per   un   caffè   a   fianco   del   prelato   nel   piccolo bar   della   stazione,   quando   si   accorge   che   questi   era   di   lingua   spagnola. Senza    farsi    comprendere    dall’ufficiae    tedesco,    il    nostro    diplomatico chiede   nella   lingua   del   sacerdote   di   far   pervenire   al   Generale   Queipo de    LLano,    in    Spagna,    il    messaggio    che    sta    per    scrivere    .    Con    un sotterfugio,    Tranquillo    Bianchi    prende    una    salvietta    di    carta    del bancone    e    vi    scrive        in    spagnolo        « Gonzalo,    mi    trovo    nella    stessa situazione   della   tua   famiglia   nel   ’36.   Sono   in   Francia   contro   i   tedeschi,   Fai qualcosa   per   noi!   La   Primula   Nera »   ,   piega   il   foglietto   e   lo   mette   di nascosto    sotto    il    bicchiere    del    prelato,    il    quale    dopo    aver    visto allontanare   il   treno   si   accorge   del   messaggio   in   codice.   Come   scritto   in un   copione   di   un   film,   dopo   due   settimane   giunge   un   telegramma   dal Comando   tedesco   che   ordina   di   rilasciare   il   Console   e   la   sua   famiglia, liberi   di   raggiungere   la   Spagna   sotto   la   protezione   di   Franco,   amico della nazione germanica. Nella   penisola   iberica   Tranquillo   Bianchi      sfruttò   le   proprie   conoscenze per   aprire   e   gestire   un      proprio   ufficio   di   rappresentanza   commerciale, finquando   nel   1950      accettò      una   proposta   del   Ministero   degli   Esteri italiano   di   aprire   una   agenzia   consolare   onoraria   in   Argentina   nella cittadina   di   Moreno   a   circa   50   km.   da   Buenos   Aires.   Fu   l’inizio   di   una nuova   epoca   per   la   famiglia   Bianchi   che,   senza   non   poche   difficoltà,   si adattò   presto   al   recente   scenario      legato   alla   vita   dei   nostri   emigrati   in Sud America. Purtroppo   nel   1964   un   tragico   e   banale   incidente   al   casello   ferroviario di    Moreno    pose    fine    alla    straordinaria    e    romanzesca    esistenza    del Console    Tranquillo    Bianchi    che    morì    lontano    dalla    madre    Patria, mentre rincasava dal suo ufficio in sella alla sua bicicletta.[4] Una   vita   dedicata   al   lavoro   e   al   prossimo,   la   lontananza   dall’Italia   e   le difficoltà   di   riconoscere   la   sua   umanità   ed   il   suo   coraggio   per   ciò   che avvenne     in     un     periodo     storico     ancor’oggi     considerato     da     molti “scomodo“    ,    han    fatto    sì    che    le    sorprendenti    vicende    del    Console Tranquillo      Bianchi      cadessero      nel dimenticatoio della Storia. Ma   ancora   una   volta,   come   se tutto      fosse      diretto      da      un provvidenziale     regista     occulto, uno     scrittore,     nipote     di     un condannato        a        morte        dai Tribunali         di         Guerra         dei nazionalisti      e      per      ben      due strappato    volte    alla    fucilazione dal     Console     Bianchi     (     forse ancora   vivo   se   la   terza   volta   non fosse             stata             anticipata l’esecuzione      per      eludere      la caparbietà      del      nostro      eroe) inizia   nel   1991   per   proprio   conto una   attenta   indagine   sui   fatti   di Malaga    che    lo    portarono    dopo circa    20    anni    a    incontrare    la figlia,     Lilia     Bianchi,     anch’essa titolare   del   Consolato   Onorario   d’Italia   a   Moreno   (Buenos   Aires).   Da questa   sua      avventura   ispano-argentina   a   novembre   del   2018   viene pubblicato   il   libro   di   Antonio   Olea   Peréz   intitolato   "Tranquillo   Bianchi   - El    cónsul    italiano    de    la    Guerra    Civil    en    Màlaga".    Con    dovizia    di particolari   inediti   e   con   trasparente   obiettività   intellettuale   finalmente vengono   con   coraggio   descritti   moltissimi   inquietanti   episodi   riportati alla   luce   dai   sopravvissuti   e   dai   loro   familiari   che   ancora   adesso   non hanno    dimenticato    il    terrore    e    l’omertà    di    quei    momenti    bui    della Spagna    “de    entreguerras”.    Oltre    alle    raffinate    riflessioni    dell’autore, l’opera    racchiude    una    garbata    ed    affettuosa    biografia    sul    nostro personaggio   scritta   nel   1988   dalla   stessa   Lilia   Bianchi   con   cui   il   lettore può   cogliere,   con   gli   occhi   affascinati   di   una   figlia,   il   singolare   carattere del   "Console   italiano   a   Malaga"   e   conoscere   la   vera   storia   di   un   eroe italiano, ammirato e poi dimenticato dagli stessi sostenitori. A   Malaga   la   pubblicazione   del   libro   sul   Console   Italiano   sta   suscitando un    crescente    interesse    e    comprensibile        curiosità    su    personaggi    e ambientazioni     dell’epoca,     aiutando          così     a     riconsiderare     alcuni avvenimenti    di    quel    periodo    sotto    una    prospettiva    più    ragionata, pacata e chiara allo stesso tempo. L’auspicata          traduzione     in     italiano     della     biografia     spagnola     e l’intitolazione   di   una   Sezione   UNUCI   all’Estero   saranno   le   leve   iniziali che    riporteranno    alla    luce    le    eroiche    vicessitudini    del    1°    Capitano Tranquillo   Bianchi,   protagonista   del   suo   tempo   ed   esaltante   esempio di coraggio e lealtà per le generazioni future.     Articolo del S.Ten. Pil. CC cpl (r) Giuseppe Coviello                               Presidente della Sezione UNUCI all’Estero Spagna/Isole Canarie _________________________________________________ 1 Antonio Olea Peréz, Tranquillo Bianchi - El cónsul italiano de la Guerra Civil en Màlaga, Ediciones del Genal, Malaga, segunda parte 213-437 2 Dimas Vaquero Pelaéz, Credere, obbedire, combattere, Mira Editores, Zaragoza, 2007, pag 111-112 3 Console a Siviglia, Conti, al Ministro degli Esteri, Ciano – Rapporto Segreto 854/46. Siviglia, 9 marzo 1937 4 Antonio Olea Peréz, Tranquillo Bianchi - El cónsul italiano de la Guerra Civil en Màlaga, Ediciones del Genal, Malaga, segunda parte 213-437
Miliziani Repubblicani difendono Malaga La Tribuna Illustrata  23 8 1936 - Le gesta del Console Italiano a Malaga Persone in coda sotto il Consolato d'Italia a Malaga Il Console Tranquillo Bianchi accoglie la visita a Malaga del Conte Ciano, Ministro degli esteri 08 settembre 1943 - L'Armistizio 08 settembre 1943 - L'Armistizio Il Console Tranquillo Bianchi sfila per le vie cittadine come Hijo  Adoptivo de la Ciudad de Malaga
© 2019