© 2019
Il    Duca    Andrea    Bonito    Pignatelli    :    il    virtuoso    ed    irruento    Capitan    General    de    Canarias    giunto    nel    1741    dal    Regno    di    Napoli    e soprannominato “figlio del Vesuvio”. Non   sono   pochi      i   personaggi   italiani   di   un   certo   rilievo   che   in   qualche   modo   sono   legati   con   un   filo rosso   alla   storia   e   allo   sviluppo   dell’arcipelago   canario,   tra   cui   Lanzarotto   Maloncello   che   per   primo primo   colonizzò   le   Canarie   (da   lui   deriva   il   nome   dell’isola   di   Lanzarote),      Cristoforo   Colombo   per   i suoi   epici      viaggi      verso   le   Indie,   senza   tralasciare   Leonardo   Torriani   per   le   prodigiose   opere   di ingegneria   militare   ordinate   dall’imperatore   Filippo   II.      La   sovranità   e   la   potenza   del   Regno   di   Spagna si   espresse   su   queste   nuove   terre   conquistate   attraverso   l’istituzione   dei   vari   Adelantados,   Cabildos, Regidores   e   Jueces   de   Audencia .   Le   continue   incursioni   dei   corsari   e   pirati   inglesi,   francesi   e   olandesi costrinsero   gli   abitanti   delle   isole   a   riunire   i   maggiori   poteri   militari   ed   amministrativi   nelle   mani   di una   sola   persona,   il   Capitan   General   nominato   direttamente   dalla   corona   spagnola.   Nel   1589   il Generale    Luis    De    La    Cueva    Y    Benavides        fu    il    primo    nominato    a    ricoprire    tale    carica    suprema stabilendo   il   palazzo   della   Capitanía   General   nella   città   di   Las   Palmas,   sull'isola   di   Gran   Canaria,   ove rimase   per   oltre   mezzo   secolo.   Nel   1656,   senza   aver   ricevuto   una   licenza   reale   per   cambiare   sede,   il Capitan   General   Alonso   Dávila   decise   di   trasferirsi   a   Tenerife.   Nel   1661   sarà   Jerónimo   De   Benavente, il   primo   Capitan   General   a   ricevere   davvero   il   permesso   ufficiale   per   insediarsi   " nell'isola   che   riteneva più   conveniente ",   stabilendosi   nell'edificio   noto   come   Casa   de   Los   Capitanes   a   San   Cristobal   de   La Laguna.   Nel   1723   Lorenzo   Fernández   de   Villavicencio,   Marchese   di   Vallehermoso,   volle      trasferire   la propria   residenza   ed   il   Comando   Militare   a   Santa   Cruz   de   Tenerife,   dove   fino   ad   oggi   sarebbe   rimasta la    sede    de    la    Capitanía    General    delle    Isole    Canarie.    In    questo    periodo    l’autorità    dei    Capitanes Generales,   normalmente   scelti   tra   la   nobiltà   locale,      assumeva   un   ruolo   assoluto   e   dispotico   dovuto alla   mancanza   di   divisione   dei   poteri   amministrativi   ed   esecutivi   lasciati   nelle   mani   di   un   solo   uomo che   poteva   pertanto   influenzare   direttamente   la   vita   quotidiana   degli   abitanti   attraverso   tasse   e balzelli   sulle   merci   prodotte   e   trasportate   o   rilasciando   autorizzazioni   per   i   lavori   di   pubblica   utilità. Questa   situazione   generò   ovviamente   un   certo   malcontento   tra   la   popolazione   che   fece   giungere   le proprie   rimostranze   alla   corte   reale   la   quale   decise   di   inviare   nel   1741   un   nuovo   Capitan   General, questa volta proveniente dai domini italiani del Regno di Napoli. Grazie   alla   presenza   di   illustri   personaggi   della   propria   famiglia   presso   la   corona   spagnola,   Andrea   Bonito-Pignatelli,   Duca   dell’Isola   (Aversa)   e   Marchese   di   Bonito (Irpinia/Avellino),   in   qualità   di   Mariscal   de   Campo   del   reale   esercito   spagnolo   fu   nominato   dall’imperatore   Carlo   III   Capitan   General   delle   Isole   Canarie   con   l’ambizioso compito   di   liberare   l’arcipelago   dalla   scorribande   dei   corsari   e   ristabilire   l’autorevolezza   delle   pubbliche   istituzioni   gestite   con   troppa   disinvoltura   dalle   famiglie notabili   insediatesi   nei   territori   di   conquista.   Nei   quattro   anni   del   suo   mandato   Don   Andrea   Bonito-Pignatelli   si   distinse   non   solo   per   la   sua   vasta   competenza   e professionalità   in   campo   militare   e   amministrativo,   ma   ancor   più   per   il   suo   carattere   risolutivo   ed   irruento   con   cui   non   lasciava   alternative   alle   proprie   decisioni.   Nel 1788      l’illustre   canonico      José   Viera   y   Clavijo   nella   sua   massima   opera   letteraria   Noticias   de   la   historia   general   de   las   Islas   de   Canaria ”,   dedica   ben   quattro   interi   capitoli in   cui   ci   riporta   le   vicissitudini   di      questo   Capitan   General   giunto   da   un   piccolo   borgo   del   Regno   di   Napoli   chiamato   Bonito,   da   cui   prese   nome   il   suo   casato.   La   sua azione   di   comando      venne   elogiata   per   aver   organizzato   le   milizie   locali   e   instaurato   una   disciplina   militare   tale   da   poter   garantire   il   pieno   controllo   sulle   acque   e sulle   isole   dell’arcipelago   infestato   da   continue   incursioni   di   corsari   e   pirati.   Trasferì   la   Real   Aduana   sul   porto   di   Santa   Cruz   de   Tenerife,   visitò   tutte   le   isole   risolvendo di   persona   le   vecchie   dispute   sorte   tra   i   vari   Regidores    locali   e   l’amministrazione   centrale.   Nel   1743   scalò   il   Teide   fino   al   cratere   superiore   del   vulcano,   cosa   mai   osata dai   suoi   predecessori.   Aiutò   la   popolazione   a   superare   le   difficoltà   sopraggiunte   per   delle   gravi   epidemie   di   polmonite   e   per   la   penuria   di   viveri   e   medicinali provocata   dalla   guerra   in   atto   con   la   corona   britannica,   detta   anche   guerra   dell'orecchio   di   Jenkins” .   La   speciale   devozione   verso   la   Madonna   della   Candelaria   lo   spinse a   costruire   un   muro   di   protezione   del   Santuario   e   una   imponente      palizzata   in   legno   marino   con   ampi portali   che   trasformarono   la   Cattedrale   in   un   un’efficiente   fortezza.   Purtroppo   nel   1789   una   violenta tempesta   distrusse   buona   parte   della   fortificazione,   ma   ancora   oggi   è   visibile   un’iscrizione   in   pietra   a testimonianza della prima trasformazione. Il   carattere   del   Duca   Andrea   Bonito   Pignatelli   veniva   descritto   come”   violento   ed   impetuoso   tipico   di   un capo   che   tratta   le   città,   la   nobiltà   e   le   persone   di   più   rilevanti   circostanze   con   la   medesima   inciviltà   e diffidenza   “   tanto   da   guadagnarsi   l’appellativo   di   hijo   del   Vesubio ”   (figlio   del   Vesuvio)   coniato   ad   arte dal   Viera   y   Clavijo.   La   prudente   distanza   dimostrata   nei   rapporti   con   i   responsabili   della   Giustizia   e delle   amministrazioni   locali   provocò   non   pochi   reclami   indirizzati   a   corte   e   firmati   da   esponenti   delle famiglie    più    importanti    di    Tenerife    che    si    lamentavano    di    come    Don    Andrea    Bonito    avesse ripetutamente   leso   i   loro      privilegi   e   diritti.   Don   Alonso   Fonseca,   noto   Regidor   de   La   Laguna   e   grande avversario    del    precedente    Capitan    General    Marchese    de    Valhermoso,    si    convertì    in    una    vittima eccellente    dell’intransigenza    di    Don    Andrea    Bonito    :    Fonseca    come    sindaco    de    La    Laguna    gli    si presentò      per   discutere   diverse   questioni   e   durante   alcune   contestazioni   affermó      apertamente   che   il Capitan   General   vulnerava   i   privilegi   della   Municipalità.   Bonito   Pignatelli   all’udire   la   parola   “vulnerare”, prendendola   a   pretesto   della   propria   collera,   si   sfogò   così   animatamente   contro   il   Fonseca,      famoso per   decennali   e   ripetuti   scontri   contro   il   precedente   e   dispotico   Generale   Vallehermoso,   tanto   che   si ritirò dall’udienza senza fiato e morì la sera stessa. il Generale Bonito, venuto a conoscenza del suo decesso, esclamò: ”Ora Vallehermoso è vendicato”. Come   tutti   i   potenti   dell’epoca,   anche   Don   Andrea   Bonito   non   disdegnava   regali   in   cambio   di   favori   che   lasciava   gestire   poi   alla   moglie   Doña   Francisca   Ignacia   de   la Vega,   la   quale   addirittura   prometteva   e   assicurava   le   investiture   locali   di   Colonnello   delle   Milizie.   Nonostante   la   sua   estraneità,   cercò   di   influenzare   gli   interessi   del fiorente   commercio   con   le   Indie,   ma   Don   Domingo   Miguel   de   la   Guerra,   giudice   della   Real   Audencia,   lo   ostacolò   non   senza   difficoltà.   Nel   giugno   del   1744,   al   quinto anno   di   comando,   Don   Andrea   Bonito   Pignatelli   fu   promosso   Ispettore   Generale   delle   Regali   Truppe   del   Regno   di   Napoli   dove   si   trasferì   con   la   consorte   Dña. Francisca   Ignacia   de   la   Vega.   Nel   1757,   alla   morte   del   Marchese,   non   essendoci   eredi   naturali,   l’antico   feudo   di   Bonito   passò   al   Fisco   che   lo   riassegnò   ai   Garofalo,   altra famiglia   nobile   napoletana,   estintasi   anch’essa   nel   1811.      Successivamente   Il   governo   dei   Napoleonidi   segnò   l’abolizione   della   feudalità   determinando   il   passaggio delle   terre   nelle   mani   di   nuovi   possessori.   Oggi   il   Torrione   del   palazzo   signorile   dimora   dalla   famiglia   Bonito-Pignatelli   è      stato   acquisito   dal   Comune   di   Bonito   che intende restaurarlo per un futuri utilizzo a favore dei propri concittadini.
II dipinto ritrovato e la fortunata relazione tra il Comune di Bonito (AV) ed il Santuario mariano della Candelaria di Tenerife. Bonito,   piccolo   comune   in   provincia   di   Avellino   di   ca.   2500   abitanti,   e   Candelaria,   sono rimaste   da   secoli   “gemellate”,   magari   senza   neppure   saperlo,   grazie   ad   un   ritratto   mariano del   noto   pittore   canario   Josè   Rodríguez   de   La   Oliva   (   1695   –   1777),   dipinto   gelosamente custodito   ed   esposto   con   grande   devozione   nella   chiesa   madre   della   cittadina   dell’Irpinia. Come   descritto   nella   ricerca   storica   condotta   da   Don   Carlo   Graziano,   dotto   sacerdote   di Bonito   trasferitosi   poi   nel   1970   nella   diocesi   di   New   York,   il   quadro   fu   fatto   recapitare   nel lontano    1742    dal    feudatario    del    luogo,    Don    Andrea    Bonito    Pignatelli    Duca    d’Isola    e Marchese    di    Bonito,    nominato    dall’Imperatore    Carlo    III    nel    1741    Capitan    General    de Canarias,   ovvero   la   massima   autorità   militare   ed   amministrativa   dell’arcipelago   canario.   Il quadro   della   chiesa   bonitese   ritrae   fedelmente,   quasi   come   una   fotografia,   la   statua   lignea della   Vergine   della   Candelaria,   patrona   delle   Isole   Canarie   che   andò   irrimediabilmente perduta   nel   1826   per   una   spaventosa   inondazione   che   colpì   Tenerife.   Infatti   la   statua attuale   venne   riprodotta   l’anno   successivo   senza   il   supporto   di   una   copia   o   disegno   fedele all’originale.   Infatti   l’immagine   che   si   conserva   a   Bonito   fu   dipinta   nel   1742,   quando   la statua    risultava    ancora    intatta.    Questa    particolarità    ci    offre    un    motivo    ulteriore    per considerare      unico   e   di   gran   pregio   il   dipinto   della   Virgen   de   la   Candelaria ”   di   Bonito, consolidando, a ragion veduta, gli antichi legami storico-religiosi tra le due località. L’artista   J osè   Rodríguez   de   La   Oliva ,   noto   come   " El   Moño "      è   considerato   uno   dei   più rappresentativi   pittori   e   scultori   spagnoli   dell'epoca   barocca   nelle   Isole   Canarie.   La   sua fama   derivò   dall’aver   ritratto   l’imperatore   Carlos   III,   così   come   Amaro   Rodríguez-Felipe   y Tejera   Machado,   il   corsaro   dell’isola   popolarmente   conosciuto   come   Amaro   Pargo,   e   Suor Maria    de    Jesús    (chiamata    la    Siervita ”),    quest’ultima    immagine    eseguita    durante    la miracolosa   riesumazione   ordinata   dal   corsaro   Amaro   Pargo   ed   avvenuta   a   tre   anni   dalla   morte   della   religiosa   il   cui   il   corpo   fu   trovato   intatto   e incorrotto dal tempo. La   ricerca   di   correlazioni   tra   il   dipinto   religioso   conservato   nella   parrocchia   di   Bonito   e   la   presenza   del   nobile   bonitese   al   comando   della   Capitanìa General   de   Canarias   ha   consentito   un’inaspettata   scoperta   sul   lascito   del   pittore   Rodríguez   de   La   Oliva,   all’epoca   molto   richiesto   dagli   esponenti delle   famiglie   notabili.   In   pratica   due   ritratti   di   Capitanes   Generales   eseguiti   nello   stesso   periodo   dal   “El   Moño”   risultavano   essere   stati   trasferiti per   diritti   ereditari   dalla   famiglia   Ossuna   y   van   der   Heede   alla   collezione   privata   di   Don   Emilio   Gutiérrez   de   Salamanca   Salazar   de   Frías,   sindaco de   La   Laguna   nei   tristi   anni   della   Guerra   Civile   di   Spagna.   Da   una   citazione   dal   cattedratico   Prof.   Mateo   Alonso   del   Castillo   y   Pérez   (1847-   1931) risultava   che   gli   stessi   dipinti   che   ritraevano      gli   “   Excmi.   Signori   Marchese   de   Valhermoso   e   Don   Andrés   Bonito   Pignatelli,   Comandanti   Generali   de queste   Isole    “   nel   1892   furono   esibiti   nella   esposizione   di   antiquariato   tenutasi   presso   la   sala   capitolare   della   Cattedrale   di   Santa   Cruz   de   Tenerife. Accertata   l’esistenza   di   un   ritratto   di   Don   Andrea   Bonito   Pignatelli,   rimaneva   solo   verificare   se   il   quadro   in   questione,   di   cui   si   persero   le   tracce   per     un secolo e mezzo, fosse andato perduto o trasferito ad altri acquirenti. Il   caso   ha   voluto   che      nell’autunno   del   2018   la   Concejalía   de   Patrimonio   Histórico   del   Ayuntamiento   de   La   Laguna   e   la   Consejería   de   Turismo, Cultura   y   Deportes   avesse   organizzato   nella   Casa   de   Los   Capitanes         (Capitanía   General   fino   al   1723   )   una   mostra   intitolata:   Vecinos   de   la   ciudad. Retratos   en   San   Cristóbal   de   La   Laguna   (siglos   XVI-XIX) ”   e   sul   catalogo   online   apparisse   uno   dei   due   dipinti   del   Rodríguez   de   La   Oliva,   quello raffigurante   il   Capitan   General   e   Marchese   de   Vallehermoso.   Finalmente   si   aveva   una   traccia   affidabile   da   cui   poter   continuare   la   ricerca   del secondo   ritratto   mancante,   che   verosimilmente   poteva   essere   acquisito   assieme   al   primo.   La   Sezione   UNUCI   Spagna   poteva   quindi   porsi   in contatto   con   l’organizzatore   dell’esposizione   lagunera   e   seguendo   le   indicazioni   che   man   mano   venivano   segnalate   dai   diversi   enti   interessati   , nel   febbraio   del   2022,      si   riceveva   la   conferma   dalla   Conservatoria   del   Museo   de   Historia   y   Antropologia   ( Casa   Lercaro )   de   La   Laguna   che   dai   loro inventari   risultava   un   dipinto   Andrés   Bonito   Pignatelli.   Duque   de   Bonito,   Comandante   General   de   Canarias   -   Pintado   en   1741   por   José   Rodríguez   de   la Oliva ”   accantonato   presso   i   loro   depositi.   Infatti   dal   loro   archivio   risultava   che   il   MHA   acquistó   il   quadro   nel   2005   da   Ana   Gutiérrez   de   Salamanca Ossuna,   figlia   del   predetto   Emilio   Gutiérrez   de   Salamanca   Salazar   de   Frías,   il   quale   raccolse   moltissime   opere   d’arte   e   manoscritti   provenienti   da una vasta e ricca collezione privata ereditata dalla moglie Guillermina Ossuna Ascanio. Dopo   aver   richiesto   ed   ottenuto   i   necessari   permessi,   La   Direzione   del   Museo de   Historia   y   Antropologia   autorizzava   il   recupero   dai   magazzini   museali   e l’esposizione    temporanea    del    quadro    in    questione    che,    con    orgoglio    e soddisfazione,    il    giorno    19    aprile    2022    veniva    presentato    ufficialmente    al presidente   della   Sezione   spagnola   dell’UNUCI   (Unione   Nazionale   Ufficiali   in Congedo   d’Italia)   S.Ten.CC.   (ris)   Giuseppe   Coviello,   promotore   della   indagine storica.   La   piccola   delegazione   UNUCI,   ricevuta   dalla   Vicedirettrice   Dott.sa Carmen    Dolores    Chinea    Brito    e    dal    Conservatore    del    Museo    Dott.    Jesús Roberto   Duque   Arimany,   eseguiva   in   loco   dei   rilievi   fotografici   del   quadro prima   che   venisse   riportato   nei   locali   del   Deposito   Museale   per   la   dovuta tutela   e   conservazione,   senza   la   quale   non   si   sarebbe   potuto   ammirare   oggi questa   opera   d’arte   del   ‘700   e   testimonianza   dello   stretto   legame   storico   e sociale tra l’Italia ed il Regno di Spagna. Il   dipinto,   che   misura   cm   60x90,   si   trova   in   buono   stato   di   conservazione   ed   è intelaiato   sulla   cornice   dorata   originale.   Il   ritratto   del   Capitan   Generale   Don Andrea   Bonito   Pignatelli   è   molto   dettagliato   e   mostra   la   testa   ben   modellata   ed   il   volto   dalla   carnagione   scura.   La   giacca   riporta   delle   belle tonalità   rosse   mentre   i   bianchi   virano   all’azzurro   per   l’invecchiamento   dei   colori.   Don   Andrea   sostiene   il   bastone   di   comando   con   la   mano   sinistra e   il   viso   ha   un’espressione   bonaria   e   nonostante   quest’impressione   si   legge   sul   cartiglio   in   alto   a   sinistra:   “(trad.)   Don   Bonito   Pignateli   della   Casa   dei Duchi   di   Isola,   Maresciallo   di   Campo   dei   reali   Eserciti   e   Comandante   Generale   di   queste   Isole.   Giunse   al   Porto   di   Santa   Cruz   nel   17   febbraio   del   1741. Mostrò   talenti   militari.   Al   suo   tempo   iniziarono   queste   Milizie   a      usare   uniformi.   Visitò   le   Isole;   salì   sul   Teide   :   Fu violento,   impetuoso   e   libero.   Uccise   con   le   parole   Don   Alonso   de   Fonseca.   Tentò   di   influenzare   Tribunale   delle Indie,   e   gli   resistette   Don   Domingo   de   la   Guerra,   Nel   Giugno   1744   giunse   a   succedergli   Don   Josef   Masones   de Lima. Partì per Napoli, sua patria, dove fu Duca di Bonito. Ritratto da D. Josef Rodríguez de la Oliva ”. Rodríguez   de   La   Oliva   possedeva   un   fortissimo   senso   della   realtà   che   dipingeva   con   estrema   esattezza. Lo   storico   Lope   Antonio   de   la   Guerra   (1738–1824)   racconta   che   Dña.   Francisca   de   la   Vega,   moglie   del Generale   Bonito   Pignatelli,   fu   ritratta   da   Rodríguez   de   La   Oliva,   ma   la   signora   non   rimase   soddisfatta   del dipinto   in   quanto   l’artista   non   abbellì   il   volto   della   dama,   anzi   lo   ritrasse   accuratamente   all’originale   che, per   la   verità,   non   doveva   essere   beneficiaria   della   bellezza   che   la   natura   potesse   offrire.   La   signora,   al vedersi   dipinta   priva   del   fascino   femminile,   con   una   certa   indignazione   affermò:   Don   José   Rodríguez   de   la Oliva   non   ha   rivali   per   ritrarre   gli   uomini,   però   non   ha   nessuna   grazia   per   dipingere   le   donne ”...così   per   la mancanza   di   bellezza   si   consolava   Dña.   Francisca   de   la   Vega   e   quel   quadro   andò   irrimediabilmente perduto, se non distrutto dalle stesse mani della gentildonna così fedelmente riprodotta sulla tela! Si   ringrazia   per   la   preziosa   collaborazione   il   Museo   Historia   y   Antropología   di   La   Laguna,   il   Museo   Histórico Militar   de   Canarias   di      S/C   de   Tenerife,   La   Capitanía   General   de   Canarias   di   S/C   de   Tenerife,   La   Curia   Vescovile- Ufficio Beni Ecclesiastici di Ariano Irpino (AV), Don Aldo della Parrocchia di Bonito (AV). Uso delle fotografie del ritratto di D. Andrea Bonito Pignatelli cortesemente autorizzate dal  MHA CASA LERCARO- ORGANISMO AUTÓNOMO DE MUSEOS Y CENTROS DEL EXCMO. CABILDO DE TENERIFE – che mantiene riservati tutti i diritti di immagine. Articoli del S.Ten. Pil. CC cpl (r) Giuseppe Coviello Presidente della Sezione UNUCI all’Estero per Spagna / Isole Canarie
© 2019
Il   Duca   Andrea   Bonito   Pignatelli   :   il   virtuoso   ed   irruento Capitan   General   de   Canarias   giunto   nel   1741   dal   Regno   di Napoli e soprannominato “figlio del Vesuvio”. Non    sono    pochi        i    personaggi italiani   di   un   certo   rilievo   che   in qualche   modo   sono   legati   con un    filo    rosso    alla    storia    e    allo sviluppo   dell’arcipelago   canario, tra    cui    Lanzarotto    Maloncello che   per   primo   primo   colonizzò le   Canarie   (da   lui   deriva   il   nome dell’isola           di           Lanzarote),             Cristoforo    Colombo    per    i    suoi epici        viaggi        verso    le    Indie, senza       tralasciare       Leonardo Torriani   per   le   prodigiose   opere di    ingegneria    militare    ordinate dall’imperatore    Filippo    II.        La sovranità   e   la   potenza   del   Regno   di   Spagna   si   espresse   su   queste   nuove terre   conquistate   attraverso   l’istituzione   dei   vari   Adelantados,   Cabildos, Regidores   e   Jueces   de   Audencia .   Le   continue   incursioni   dei   corsari   e   pirati inglesi,   francesi   e   olandesi   costrinsero   gli   abitanti   delle   isole   a   riunire   i maggiori    poteri    militari    ed    amministrativi    nelle    mani    di    una    sola persona,     il     Capitan     General     nominato     direttamente     dalla     corona spagnola.   Nel   1589   il   Generale   Luis   De   La   Cueva   Y   Benavides      fu   il   primo nominato    a    ricoprire    tale    carica    suprema    stabilendo    il    palazzo    della Capitanía   General   nella   città   di   Las   Palmas,   sull'isola   di   Gran   Canaria, ove   rimase   per   oltre   mezzo   secolo.   Nel   1656,   senza   aver   ricevuto   una licenza   reale   per   cambiare   sede,   il   Capitan   General   Alonso   Dávila   decise di   trasferirsi   a   Tenerife.   Nel   1661   sarà   Jerónimo   De   Benavente,   il   primo Capitan   General   a   ricevere   davvero   il   permesso   ufficiale   per   insediarsi " nell'isola    che    riteneva    più    conveniente ",    stabilendosi    nell'edificio    noto come   Casa   de   Los   Capitanes   a   San   Cristobal   de   La   Laguna.   Nel   1723 Lorenzo   Fernández   de   Villavicencio,   Marchese   di   Vallehermoso,   volle     trasferire   la   propria   residenza   ed   il   Comando   Militare   a   Santa   Cruz   de Tenerife,   dove   fino   ad   oggi   sarebbe   rimasta   la   sede   de   la   Capitanía General   delle   Isole   Canarie.   In   questo   periodo   l’autorità   dei   Capitanes Generales,   normalmente   scelti   tra   la   nobiltà   locale,      assumeva   un   ruolo assoluto    e    dispotico    dovuto    alla    mancanza    di    divisione    dei    poteri amministrativi    ed    esecutivi    lasciati    nelle    mani    di    un    solo    uomo    che poteva    pertanto    influenzare    direttamente    la    vita    quotidiana    degli abitanti   attraverso   tasse   e   balzelli   sulle   merci   prodotte   e   trasportate   o rilasciando     autorizzazioni     per     i     lavori     di     pubblica     utilità.     Questa situazione   generò   ovviamente   un   certo   malcontento   tra   la   popolazione che   fece   giungere   le   proprie   rimostranze   alla   corte   reale   la   quale   decise di   inviare   nel   1741   un   nuovo   Capitan   General,   questa   volta   proveniente dai domini italiani del Regno di Napoli. Grazie   alla   presenza   di   illustri   personaggi   della   propria   famiglia   presso la   corona   spagnola,   Andrea   Bonito-Pignatelli,   Duca   dell’Isola   (Aversa)   e Marchese   di   Bonito   (Irpinia/Avellino),   in   qualità   di   Mariscal   de   Campo del   reale   esercito   spagnolo   fu   nominato   dall’imperatore   Carlo   III   Capitan General     delle     Isole     Canarie     con     l’ambizioso     compito     di     liberare l’arcipelago    dalla    scorribande    dei    corsari    e    ristabilire    l’autorevolezza delle   pubbliche   istituzioni   gestite   con   troppa   disinvoltura   dalle   famiglie notabili   insediatesi   nei   territori   di   conquista.   Nei   quattro   anni   del   suo mandato          Don Andrea        Bonito- Pignatelli               si distinse    non    solo per    la    sua    vasta competenza          e professionalità    in campo    militare    e   ma   ancor   più   per il      suo      carattere risolutivo             ed irruento     con     cui non             lasciava alternative   alle   proprie   decisioni.   Nel   1788      l’illustre   canonico      José   Viera y    Clavijo    nella    sua    massima    opera    letteraria    Noticias    de    la    historia general   de   las   Islas   de   Canaria ”,   dedica   ben   quattro   interi   capitoli   in   cui   ci riporta   le   vicissitudini   di      questo   Capitan   General   giunto   da   un   piccolo borgo   del   Regno   di   Napoli   chiamato   Bonito,   da   cui   prese   nome   il   suo casato.   La   sua   azione   di   comando      venne   elogiata   per   aver   organizzato le    milizie    locali    e    instaurato    una    disciplina    militare    tale    da    poter garantire    il    pieno    controllo    sulle    acque    e    sulle    isole    dell’arcipelago infestato    da    continue    incursioni    di    corsari    e    pirati.    Trasferì    la    Real Aduana    sul    porto    di    Santa    Cruz    de    Tenerife,    visitò    tutte    le    isole risolvendo   di   persona   le   vecchie   dispute   sorte   tra   i   vari   Regidores    locali   e l’amministrazione    centrale.    Nel    1743    scalò    il    Teide    fino    al    cratere superiore   del   vulcano,   cosa   mai   osata ”   dai   suoi   predecessori.   Aiutò   la popolazione    a    superare    le    difficoltà    sopraggiunte    per    delle    gravi epidemie   di   polmonite   e   per   la   penuria   di   viveri   e   medicinali   provocata dalla    guerra    in    atto    con    la    corona    britannica,    detta    anche    guerra dell'orecchio   di   Jenkins” .   La   speciale   devozione   verso   la   Madonna   della Candelaria   lo   spinse   a   costruire   un   muro   di   protezione   del   Santuario   e una    imponente        palizzata    in    legno    marino    con    ampi    portali    che trasformarono   la   Cattedrale   in   un   un’efficiente   fortezza.   Purtroppo   nel 1789   una   violenta   tempesta   distrusse   buona   parte   della   fortificazione, ma   ancora   oggi   è   visibile   un’iscrizione   in   pietra   a   testimonianza   della prima trasformazione. Il   carattere   del   Duca   Andrea   Bonito   Pignatelli   veniva   descritto   come” violento   ed   impetuoso   tipico   di   un   capo   che   tratta   le   città,   la   nobiltà   e   le persone   di   più   rilevanti   circostanze   con   la   medesima   inciviltà   e   diffidenza   tanto   da   guadagnarsi   l’appellativo   di   hijo   del   Vesubio ”   (figlio   del   Vesuvio) coniato   ad   arte   dal   Viera   y   Clavijo.   La   prudente   distanza   dimostrata   nei rapporti   con   i   responsabili   della   Giustizia   e   delle   amministrazioni   locali provocò   non   pochi   reclami   indirizzati   a   corte   e   firmati   da   esponenti delle   famiglie   più   importanti   di   Tenerife   che   si   lamentavano   di   come Don   Andrea   Bonito   avesse   ripetutamente   leso   i   loro      privilegi   e   diritti. Don   Alonso   Fonseca,   noto   Regidor   de   La   Laguna   e   grande   avversario   del precedente   Capitan   General   Marchese   de   Valhermoso,   si   convertì   in   una vittima    eccellente    dell’intransigenza    di    Don    Andrea    Bonito    :    Fonseca come    sindaco    de    La    Laguna    gli    si    presentò        per    discutere    diverse questioni   e   durante   alcune   contestazioni   affermó      apertamente   che   il Capitan   General   vulnerava   i   privilegi   della   Municipalità.   Bonito   Pignatelli all’udire    la    parola    “vulnerare”,    prendendola    a    pretesto    della    propria collera,    si    sfogò    così    animatamente    contro    il    Fonseca,        famoso    per decennali   e   ripetuti   scontri   contro   il   precedente   e   dispotico   Generale Vallehermoso,   tanto   che   si   ritirò   dall’udienza   senza   fiato   e   morì   la   sera stessa.    il    Generale    Bonito,    venuto    a    conoscenza    del    suo    decesso, esclamò: ”Ora Vallehermoso è vendicato”. Come     tutti     i     potenti     dell’epoca,     anche     Don     Andrea     Bonito     non disdegnava   regali   in   cambio   di   favori   che   lasciava   gestire   poi   alla   moglie Doña   Francisca   Ignacia   de   la   Vega,   la   quale   addirittura   prometteva   e assicurava   le   investiture   locali   di   Colonnello   delle   Milizie.   Nonostante   la sua   estraneità,   cercò   di   influenzare   gli   interessi   del   fiorente   commercio con   le   Indie,   ma   Don   Domingo   Miguel   de   la   Guerra,   giudice   della   Real Audencia,    lo    ostacolò    non    senza    difficoltà.    Nel    giugno    del    1744,    al quinto   anno   di   comando,   Don   Andrea   Bonito   Pignatelli   fu   promosso Ispettore    Generale    delle    Regali    Truppe    del    Regno    di    Napoli    dove    si trasferì   con   la   consorte   Dña.   Francisca   Ignacia   de   la   Vega.   Nel   1757,   alla morte    del    Marchese,    non    essendoci    eredi    naturali,    l’antico    feudo    di Bonito   passò   al   Fisco   che   lo   riassegnò   ai   Garofalo,   altra   famiglia   nobile napoletana,   estintasi   anch’essa   nel   1811.      Successivamente   Il   governo dei    Napoleonidi    segnò    l’abolizione    della    feudalità    determinando    il passaggio   delle   terre   nelle   mani   di   nuovi   possessori.   Oggi   il   Torrione   del palazzo     signorile     dimora     dalla     famiglia     Bonito-Pignatelli     è          stato acquisito   dal   Comune   di   Bonito   che   intende   restaurarlo   per   un   futuri utilizzo a favore dei propri concittadini.
II   dipinto   ritrovato   e   la   fortunata   relazione   tra   il   Comune di   Bonito   (AV)   ed   il   Santuario   mariano   della   Candelaria   di Tenerife. Bonito,    piccolo    comune    in    provincia    di    Avellino    di    ca.    2500 abitanti,    e    Candelaria,    sono    rimaste    da    secoli    “gemellate”, magari   senza   neppure   saperlo,   grazie   ad   un   ritratto   mariano del   noto   pittore   canario   Josè   Rodríguez   de   La   Oliva   (   1695   1777),   dipinto   gelosamente   custodito   ed   esposto   con   grande devozione   nella   chiesa   madre   della   cittadina   dell’Irpinia.   Come descritto   nella   ricerca   storica   condotta   da   Don   Carlo   Graziano, dotto   sacerdote   di   Bonito   trasferitosi   poi   nel   1970   nella   diocesi di   New   York,   il   quadro   fu   fatto   recapitare   nel   lontano   1742   dal feudatario       del       luogo, Don        Andrea        Bonito Pignatelli    Duca    d’Isola    e Marchese       di       Bonito, n     o     m     i     n     a     t     o       dall’Imperatore    Carlo    III nel   1741   Capitan   General de     Canarias,     ovvero     la massima                 autorità militare                             ed a   m   m   i   n   i   s   t   r   a   t   i   v   a     dell’arcipelago   canario.   Il quadro        della        chiesa bonitese                      ritrae fedelmente,    quasi    come una   fotografia,   la   statua   lignea   della   Vergine   della   Candelaria, patrona     delle     Isole     Canarie     che     andò     irrimediabilmente perduta   nel   1826   per   una   spaventosa   inondazione   che   colpì Tenerife.    Infatti    la    statua    attuale    venne    riprodotta    l’anno successivo   senza   il   supporto   di   una   copia   o   disegno   fedele all’originale.    Infatti    l’immagine    che    si    conserva    a    Bonito    fu dipinta    nel    1742,    quando    la    statua    risultava    ancora    intatta. Questa     particolarità     ci     offre     un     motivo     ulteriore     per considerare      unico   e   di   gran   pregio   il   dipinto   della   Virgen   de   la Candelaria ”   di   Bonito,   consolidando,   a   ragion   veduta,   gli   antichi legami storico-religiosi tra le due località. L’artista   J osè   Rodríguez   de   La   Oliva ,   noto   come   " El   Moño "      è considerato    uno    dei    più    rappresentativi    pittori    e    scultori spagnoli   dell'epoca   barocca   nelle   Isole   Canarie.   La   sua   fama derivò    dall’aver    ritratto    l’imperatore    Carlos    III,    così    come Amaro   Rodríguez-Felipe   y   Tejera   Machado,   il   corsaro   dell’isola popolarmente   conosciuto   come   Amaro   Pargo,   e   Suor   Maria   de Jesús   (chiamata   la   Siervita ”),   quest’ultima   immagine   eseguita durante    la    miracolosa    riesumazione    ordinata    dal    corsaro Amaro   Pargo   ed   avvenuta   a   tre   anni   dalla   morte   della   religiosa il cui il corpo fu trovato intatto e incorrotto dal tempo. La    ricerca    di    correlazioni    tra    il    dipinto    religioso    conservato nella   parrocchia   di   Bonito   e   la   presenza   del   nobile   bonitese   al comando   della   Capitanìa   General   de   Canarias   ha   consentito un’inaspettata   scoperta   sul   lascito   del   pittore   Rodríguez   de   La Oliva,   all’epoca   molto   richiesto   dagli   esponenti   delle   famiglie notabili.   In   pratica   due   ritratti   di   Capitanes   Generales   eseguiti nello    stesso    periodo    dal    “El    Moño”    risultavano    essere    stati trasferiti   per   diritti   ereditari   dalla   famiglia   Ossuna   y   van   der Heede    alla    collezione    privata    di    Don    Emilio    Gutiérrez    de Salamanca   Salazar   de   Frías,   sindaco   de   La   Laguna   nei   tristi anni    della    Guerra    Civile    di    Spagna.    Da    una    citazione    dal cattedratico    Prof.    Mateo    Alonso    del    Castillo    y    Pérez    (1847- 1931)   risultava   che   gli   stessi   dipinti   che   ritraevano      gli   “   Excmi. Signori   Marchese   de   Valhermoso   e   Don   Andrés   Bonito   Pignatelli, Comandanti   Generali   de   queste   Isole    “   nel   1892   furono   esibiti nella    esposizione    di    antiquariato    tenutasi    presso    la    sala capitolare   della   Cattedrale   di   Santa   Cruz   de   Tenerife.   Accertata l’esistenza    di    un    ritratto    di    Don    Andrea    Bonito    Pignatelli, rimaneva   solo   verificare   se   il   quadro   in   questione,   di   cui   si persero   le   tracce   per      un   secolo   e   mezzo,   fosse   andato   perduto o trasferito ad altri acquirenti. Il   caso   ha   voluto   che      nell’autunno   del   2018   la   Concejalía   de Patrimonio    Histórico    del    Ayuntamiento    de    La    Laguna    e    la Consejería   de   Turismo,   Cultura   y   Deportes   avesse   organizzato nella   Casa   de   Los   Capitanes         (Capitanía   General   fino   al   1723   ) una   mostra   intitolata:   Vecinos   de   la   ciudad.   Retratos   en   San Cristóbal    de    La    Laguna    (siglos    XVI-XIX) ”    e    sul    catalogo    online apparisse   uno   dei   due   dipinti   del   Rodríguez   de   La   Oliva,   quello raffigurante   il   Capitan   General   e   Marchese   de   Vallehermoso. Finalmente     si     aveva     una     traccia     affidabile     da     cui     poter continuare    la    ricerca    del    secondo    ritratto    mancante,    che verosimilmente   poteva   essere   acquisito   assieme   al   primo.   La Sezione   UNUCI   Spagna   poteva   quindi   porsi   in   contatto   con l’organizzatore     dell’esposizione     lagunera     e     seguendo     le indicazioni   che   man   mano   venivano   segnalate   dai   diversi   enti interessati   ,   nel   febbraio   del   2022,      si   riceveva   la   conferma dalla   Conservatoria   del   Museo   de   Historia   y   Antropologia   ( Casa Lercaro )    de    La    Laguna    che    dai    loro    inventari    risultava    un dipinto   Andrés   Bonito   Pignatelli.   Duque   de   Bonito,   Comandante General   de   Canarias   -   Pintado   en   1741   por   José   Rodríguez   de   la Oliva ”    accantonato    presso    i    loro    depositi.    Infatti    dal    loro archivio   risultava   che   il   MHA   acquistó   il   quadro   nel   2005   da Ana   Gutiérrez   de   Salamanca   Ossuna,   figlia   del   predetto   Emilio Gutiérrez    de    Salamanca    Salazar    de    Frías,    il    quale    raccolse moltissime   opere   d’arte   e   manoscritti   provenienti   da   una   vasta e   ricca   collezione   privata   ereditata   dalla   moglie   Guillermina Ossuna Ascanio. Dopo    aver    richiesto    ed    ottenuto    i    necessari    permessi,    La Direzione   del   Museo   de   Historia   y   Antropologia   autorizzava   il recupero    dai    magazzini    museali    e    l’esposizione    temporanea del   quadro   in   questione   che,   con   orgoglio   e   soddisfazione,   il giorno    19    aprile    2022    veniva    presentato    ufficialmente    al presidente      della      Sezione      spagnola      dell’UNUCI      (Unione Nazionale   Ufficiali   in   Congedo   d’Italia)   S.Ten.CC.   (ris)   Giuseppe Coviello,      promotore      della      indagine      storica.      La      piccola delegazione     UNUCI,     ricevuta     dalla     Vicedirettrice     Dott.sa Carmen   Dolores   Chinea   Brito   e   dal   Conservatore   del   Museo Dott.   Jesús   Roberto   Duque   Arimany,   eseguiva   in   loco   dei   rilievi fotografici   del   quadro   prima   che   venisse   riportato   nei   locali   del Deposito   Museale   per   la   dovuta   tutela   e   conservazione,   senza la   quale   non   si   sarebbe   potuto   ammirare   oggi   questa   opera d’arte   del   ‘700   e   testimonianza   dello   stretto   legame   storico   e sociale tra l’Italia ed il Regno di Spagna. Il   dipinto,   che   misura   cm   60x90,   si   trova   in   buono   stato   di conservazione   ed   è   intelaiato   sulla   cornice   dorata   originale.   Il ritratto   del   Capitan   Generale   Don   Andrea   Bonito   Pignatelli   è molto   dettagliato   e   mostra   la   testa   ben   modellata   ed   il   volto dalla   carnagione   scura.   La giacca    riporta    delle    belle tonalità     rosse     mentre     i bianchi    virano    all’azzurro per     l’invecchiamento     dei colori.          Don          Andrea sostiene      il      bastone      di comando     con     la     mano sinistra      e      il      viso      ha un’espressione    bonaria    e n     o     n     o     s     t     a     n     t     e       quest’impressione   si   legge sul      cartiglio      in      alto      a sinistra:   “(trad.)   Don   Bonito Pignateli     della     Casa     dei Duchi     di     Isola,     Maresciallo     di     Campo     dei     reali     Eserciti     e Comandante   Generale   di   queste   Isole.   Giunse   al   Porto   di   Santa Cruz    nel    17    febbraio    del    1741.    Mostrò    talenti    militari.    Al    suo tempo   iniziarono   queste   Milizie   a      usare   uniformi.   Visitò   le   Isole; salì   sul   Teide   :   Fu   violento,   impetuoso   e   libero.   Uccise   con   le   parole Don   Alonso   de   Fonseca.   Tentò   di   influenzare   Tribunale   delle   Indie, e   gli   resistette   Don   Domingo   de   la   Guerra,   Nel   Giugno   1744   giunse a   succedergli   Don   Josef   Masones   de   Lima.   Partì   per   Napoli,   sua patria,   dove   fu   Duca   di   Bonito.   Ritratto   da   D.   Josef   Rodríguez   de   la Oliva ”. Rodríguez   de   La   Oliva   possedeva   un   fortissimo   senso   della realtà   che   dipingeva   con   estrema   esattezza.   Lo   storico   Lope Antonio   de   la   Guerra   (1738–1824)   racconta   che   Dña.   Francisca de   la   Vega,   moglie   del   Generale   Bonito   Pignatelli,   fu   ritratta   da Rodríguez   de   La   Oliva,   ma   la   signora   non   rimase   soddisfatta del   dipinto   in   quanto   l’artista   non   abbellì   il   volto   della   dama, anzi   lo   ritrasse   accuratamente   all’originale   che,   per   la   verità, non   doveva   essere   beneficiaria   della   bellezza   che   la   natura potesse   offrire.   La   signora,   al   vedersi   dipinta   priva   del   fascino femminile,    con    una    certa    indignazione    affermò:    Don    José Rodríguez   de   la   Oliva   non   ha   rivali   per   ritrarre   gli   uomini,   però non    ha    nessuna    grazia    per    dipingere    le    donne ”...così    per    la mancanza   di   bellezza   si   consolava   Dña.   Francisca   de   la   Vega   e quel   quadro   andò   irrimediabilmente   perduto,   se   non   distrutto dalle   stesse   mani   della   gentildonna   così   fedelmente   riprodotta sulla tela! Si    ringrazia    per    la    preziosa    collaborazione    il    Museo    Historia    y Antropología   di   La   Laguna,   il   Museo   Histórico   Militar   de   Canarias di      S/C   de   Tenerife,   La   Capitanía   General   de   Canarias   di   S/C   de Tenerife,    La    Curia    Vescovile-    Ufficio    Beni    Ecclesiastici    di    Ariano Irpino (AV), Don Aldo della Parrocchia di Bonito (AV). Uso delle fotografie del ritratto di D. Andrea Bonito Pignatelli cortesemente autorizzate dal  MHA CASA LERCARO- ORGANISMO AUTÓNOMO DE MUSEOS Y CENTROS DEL EXCMO. CABILDO DE TENERIFE – che mantiene riservati tutti i diritti di immagine. Articoli del S.Ten. Pil. CC cpl (r) Giuseppe Coviello Presidente della Sezione UNUCI all’Estero per Spagna / Isole Canarie